Recuperare la capacità di incontrarsi

Recentemente mi è occorso di vedere un interessante progetto di un grande nome dell’architettura italiana, un progetto di riqualificazione di un’area urbana: in un piccolo centro collinare lacustre c’è una modesta piazza che, in virtù del previsto abbattimento di una costruzione, è destinata a diventare uno spazio più ampio, un piazzale insomma, il quale, tuttavia, data la vicinanza di un luogo di culto significativo, dovrà avere anche la caratteristica di un sagrato. Il tutto in presenza di un rigido vincolo ambientale. Un tema, come si può immaginare, complesso, stimolante, non facile da affrontare. E infatti, nonostante la qualità indiscussa dell’autore del progetto, vi sono esitazioni, perplessità, necessità di accordare sensibilità ed esigenze, se non contrastanti, certo diverse. (Le medesime difficoltà sono emerse, e anzi più fortemente, nel progetti analizzati per il Premio).Questa vicenda mi pare riproponga alcuni problemi di approccio al tema dei sagrati, alcune incertezze che direi non risolte, e, soprattutto, una domanda: che cosa è un sagrato, oggi? Perché ormai sappiamo che cosa è, teoricamente, un sagrato; ne abbiamo pure studiato la storia, l’evoluzione, le tipologie. Ma questo "luogo d’incontro" tra sacro e profano, che abbiamo definito "antico" perché ci viene da secoli di cultura e civiltà permeata di cristianesimo, è ancora tale, oggi, è ancora "un luogo di incontro?". In tempi in cui sembrano prevalere gli incontri virtuali su quelli reali, in cui la fiction sembra più pregnante della realtà, in cui l’apparire è certo più sostanziale dell’essere, questo è ancora spazio di incontro vero? Non vorrei che, nel momento in cui abbiamo maturato (alla buonora!) una nuova sensibilità e una attenzione più viva al sagrato, dovessimo registrare la inutilità di riqualificarlo. Forse occorre riprendere con vigore la consuetudine all’incontro vitale, personale e comunitario, e, soprattutto evitare la pretesa, peraltro assurda e certo inefficace, di chiedere che siano gli architetti a risolverci i problemi di sostanza, in termini antropologici, sociologici e pastorali.

Don Carlo Maria Scaciga
Direttore, Ufficio Beni Culturali
Diocesi di Novara

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)