ARCHITETTURA

Quel che muove le campane

Le campane della chiesa di Ceccano sono tre: la maggiore del peso di kg. 170, con diametro di 63 cm risponde alla nota RE; la mediana del peso di kg. 100 con diametro di 53 cm suona la nota FA; la minore di kg. 60 ha un diametro di 45 cm e suona la nota LA. Ma come vengono fatte risuonare queste campane? La Brevetti Giannattasio di Pontecagnano Faiano (SA) ha provveduto alla elettrificazione delle campane con sistema a rintocchi e cioè con percussore elettromagnetico (telebattente di sua fabbricazione) che percuote la campana per ottenere i vari suoni di uso locale tradizionale, scampanìo, suono a gloria, allegrezza, funebre, ecc. L’impianto è controllato da una centralina computerizzata mod. “BG-2500” che provvede all’esecuzione dei vari suoni in uso durante tutto l’arco dell’anno. Interventi particolari ed automatici sono previsti per le festività o ricorrenze eccezionali. Gli impianti sono stati eseguiti in ottemperanza a tutte le normative vigenti e realizzate da tecnici specializzati.

La struttura della cupola

La chiesa di Ceccano ha una copertura a pianta circolare con diametro di circa 16 metri, la cui struttura è stata realizzata dalla Holzbau di Bressanone (BZ). Giovanni A. Pallaver, architetto specialista nel calcolo e progettazione di strutture in legno, così la presenta: «La struttura principale è costituita da 8 costole disposte radialmente a formare un telaio spaziale a cupola. Il sistema statico considerato alla base del calcolo è un sistema di 4 telai piani a tre cerniere con luce di 16 metri tra di loro incrociati.Al centro della cupola è disposta una cerniera metallica ad anello, con diametro di circa 2 metri. Il piedritto del telaio, alto circa 1 metro e raccordato al corrente inclinato di falda con un raggio di curvatura estremamente ridotto, è stato realizzato con un profilo in acciaio HEB180, opportunamente collegato ad incastro con il corrente in legno lamellare e quindi ”ricoperto” esso stesso con elementi in legno lamellare opportunamente sagomati e raccordati. L’orditura secondaria, che contemporaneamente costituisce impalcato di copertura, è costituita da travi lamellari curve messe di piatto, con interposto ad ogni cambio di livello, un ulteriore trave lamellare curvilinea a costituire l’alzata dei gradoni. Le travi dei gradoni sono a misura variabile dal basso verso l’alto, adattandosi in questo modo alla geometria curvilinea delle costole principali.Tutti gli elementi in legno sono tra loro connessi con elementi metallici opportunamente formati e sagomati».

Costruire per la storia
La chiesa del Sacro Cuore di Ceccano è stata realizzata dalla Società Pergeco di Monte San Giovanni Campano (FR) in tutte le fasi di lavorazione, dallo scavo alla consegna “chiavi in mano”. Si tratta di un manufatto con struttura portante in calcestruzzo armato, con copertura a cupola in legno lamellare rivestita all’estradosso con materiale in rame. Il rivestimento perimetrale esterno è stato realizzato con conci in pietra “Sponga” squadrati in varie dimensioni, intervallati da fasce orizzontali in cemento bianco a vista. La pavimentazione interna è stata eseguita con materiale della Graniti Fiandre. La pavimentazione esterna è stata realizzata con materiali lapidei forniti dalla Faedo di Vicenza. La Pergeco è un’azienda che opera nel campo dell’edilizia da qualche decina di anni. Conta al suo interno su un organico di circa quaranta unità, ripartite nei vari settori dell’attività imprenditoriale: da quello amministrativo a quello tecnico ed operativo. E’ dotata delle più moderne attrezzature e macchinari. Opera in tutto il settore dell’edilizia, con particolare attenzione e dedizione per i lavori di consolidamento e restauro conservativo. Un’esperienza utile per lavorare con l’occhio rivolto alla capacità dei manufatti di resistere nel tempo.

condividi :
l’emozione del legno vissuto
31/07/2005
Ambient
01/09/2005