FARE

FEGATINI DI POLLO CON CARCIOFI


Tratto da:
Cucina Bella e Buona N°91

FEGATINI DI POLLO CON CARCIOFI
DiBaio Editore

SECONDI PIATTI

Ingredienti e dosi per 4 persone: 400 g di fegatini di pollo, 4 carciofi, 1/2 cipolla, 2 cucchiai d’olio e.v.o., 1 cucchiaio di
aceto balsamico, una spruzzata di vino bianco e un po’ di sale.

Ho pulito e lessato in acqua acidulata con un po’ d’aceto 4 carciofi tagliati a metà per una decina di minuti. Li ho scolati e tagliati a spicchi. In una padella ho messo 2 cucchiai d’olio e mezza cipolla tagliata sottile, ho messo sul fuoco e aggiunto i fegatini e i carciofi tagliati. A metà cottura ho aggiunto un pochino d’acqua per non far asciugare troppo il tutto e verso la fine ho sfumato con un po’di vino. Un po’ di sale ed è pronto!

ARCHITETTO ROBERTO CARPANI, GIULIO MASONI E ARMANDO TASSO – FOTO DI ATHOS LECCE

Dio dà il cappone al ricco e al povero
l’appetito.

Proverbio popolare

L’ACETO

L’aceto è un liquido acido ottenuto grazie all’azione di batteri del genere Acetobacter, che in presenza di aria ossidano l’etanolo contenuto nel vino, nel sidro, nella birra e altre bevande alcoliche fermentate, oppure in altre materie prime quali cereali, frutta o miele, trasformandolo in acido acetico. L’aceto contiene tipicamente un volume di acido acetico compreso fra il tre e il cinque per cento; gli aceti naturali contengono anche piccole quantità di acido tartarico e acido citrico. I vini nelle botti sono particolarmente sensibili agli attacchi dei batteri ossidanti se non sigillati perfettamente o se raggiungono temperature troppo alte. Aceto deriva dalla parola latina acetum, stessa radice etimologica del verbo acere, inacidire. Sempre dal latino (vinum acre, vino acido) deriva il termine francese vinaigre. Dal francese antico derivano poi l’inglese vinegar e lo spagnolo vinagre.

ROSSO TOSCANO

Nato sui dolci pendii delle colline toscane, rispecchia le caratteristiche
dei vini toscani a D.O.C . e D.O.C.G. pur avendo una gradazione
leggermente inferiore.
Con una base di sangiovese oltre 80%, di colore rosso rubino brillante, vivace, dal profumo intenso e leggermente fruttato.
Sapore asciutto, secco, armonico e persistente.
Con una gradazione alcolica di 12°.
Si consiglia di consumarlo giovane ad una temperatura di 16-18°. Lega benissimo con carni rosse, bianche e formaggi freschi.

 

condividi :
Il vero lusso? Yacht con camino
30/11/2005
GUIDE TECNICHE
28/09/2005