ARCHITETTURA FARE

Energia del sole

I raggi benefici del sole diventano energia elettrica per soddisfare i bisogni energetici della casa: oggi sta diventando un progetto realizzabile

Oggi le necessità di risparmio energetico stanno di nuovo riportando in auge i pannelli a energia solare: solo che non sono più solo quelli che riscaldano l’acqua, i cui rendimenti sono stati spesso causa del loro insuccesso in passato, anche
perché il loro costo poteva essere ammortizzato solo in un numero di anni piuttosto lungo (e anche l’energia impiegata
per produrli veniva bilanciata dal risparmio solo dopo molto tempo) ma quelli che trasformano l’energia solare in corrente elettrica, con risultati concreti apprezzabili: per questo molte regioni italiane e l’Unione Europea hanno stanziato consistenti contributi per la loro installazione. Gli impianti fotovoltaici sono di due tipi: "grid-connected" e "standalone".

Nel primo caso l’energia in eccesso rispetto alle esigenze domestiche viene immessa in rete perché non è prevista la presenza di accumulatori. Con l’impianto "stand-alone" invece l’energia non viene immessa in rete ma accumulata. Infatti
l’impianto viene realizzato in zone poco, male o non servite dalla rete elettrica. L’impianto assume diverse configurazioni
in funzioni delle esigenze specifiche dell’utente. Il pannello fotovoltaico è composto da un’insieme di moduli variamente collegati fra loro in serie e/o in parallelo. Tipicamente un pannello fotovoltaico di 8-10 metri quadri produce energia
elettrica in corrente continua pari ad 1 KWp.

Quanta energia elettrica può produrre dipende naturalmente anche dalla latitudine e dall’insolazione: un metro quadro di modulo in un anno può produrre a Milano 145 Kwh el/ mq (elettricità media annua) mentre a Trapani si arriva a 208 Kwh el/ mq. L’impianto è installabile ovunque, non richiede particolari manutenzioni, l’ acqua piovana provvede alla pulizia della parte esposta.

Appunti – Il letto di silicio amorfo

I pannelli in silicio amorfo sono il frutto delle più moderne tecnologie produttive di questo tipo di dispositivi. La realizzazione di una protezione del materiale fotosensibile mediante sigillatura entro un doppio cristallo assicura una elevata stabilità per almeno 10 anni anche in condizioni di servizio particolarmente gravose. La cornice di supporto è
realizzata con un robusto profilo di alluminio estruso corredato di angolari in plastica antiurto.

Le uscite sono dirette con fili di 2 mt forniti a corredo. I pannelli in silicio amorfo sono particolarmente indicati per alimentazione di piccole utenze, dove si distinguono per l’eccellente rapporto qualità/prestazioni/prezzo. (Nuova Thermosolar)

condividi :
Vent’anni di Supra in Italia
19/12/2005
Riscaldare con la stufa.
06/02/2006