ARCHITETTURA FARE PENSARE

Un podere dagli archi

Servizio di: Luisa Carrara
Foto: Athos Lecce

“Nelle case coloniche di questa zona è tuttora evidente l’impronta dell’architettura toscana
rinascimentale: la presenza di grandi proprietà terriere ha portato in passato a un tipo di casa colonica
ampia, su più livelli collegati da una scala esterna.

The influence of Tuscan Renaissance architecture is evident in farmhouses of the region. The presence of
landed property saw an efflorescence of large
farmhouses with floors connected by outdoor staircases."

Compresa tra il bacino dell’arno a sud di firenze e quello dell’ombrone a nord di siena, la regione del chianti continua a sedurre con le sue morbide colline e il superbo vino che ne prende il nome. E’ qui, circondata dai vigneti, che sorge questa casa di pietra e cotto, dalla struttura rinascimentale rispettosamente conservata: all’esterno ha ancora i portici, il loggiato sovrapposto e, al culmine del tetto, l’antica torretta colombaia.

Situated between the basin of the arno to the south of florence and that of the ombrone river north of siena, this spectacular region of italy continues to seduce with its undulating hills and superb chianti wine. Surrounded by vineyards is this stone and terracotta renaissance house, which having been dutifully preserved, still has the elegant exterior archways, the open gallery above and the old dovecote.

Si è ben adattata, questa antica casa, alle nuove esigenze di chi la abita. Se la facciata pare quasi immutata, con i portici e i loggiati sovrapposti, gli interni invece sono stati trasformati, non tanto nelle caratteristiche estetiche, quanto nelle destinazioni d’uso. Anche alcuni degli antichi attrezzi, come le mole del frantoio, sono ancora presenti, ma con
nuove e sorprendenti funzioni.

This old house has adapted well to the needs of modern life. Although the façade seems untouched, with its archways and open gallery above, the interior of the house has been converted not so much in terms of style, but more in terms of function. Even some of the old tools are still around, like the grindstones of the oil press, but with surprising new uses.

“Al piano terra, il soggiorno è un ampio spazio ricavato collegando la vecchia stalla al locale un tempo occupato
dal frantoio. Le mole, i massicci dischi in pietra di tufo e ciottoli, che macinavano le olive, sono state
fantasiosamente trasformate in tavolini. E, come lampada, una mola più piccola dotata di illuminazione è
appesa alla parete.

The ground floor comprises the old stable and the oil-press room. Large stone discs, once used for olive grinding, have
been converted into tables. A smaller grindstone hanging on the wall has been used as a light."

“In questo dedalo di spazi, scandito dagli archi e dalle diverse quote del pavimento, si sono
ricavati tanti piccoli ambienti, tra cui uno dedicato al gioco del biliardo.

Part of this play on space, with its arches and floors,
includes a number of small rooms, in addition to a billiard room."

Sono gli archi che “segnano” lo spazio domestico del piano terra, archi ampi che si susseguono in una sequenza di
conci in cotto, definendo i diversi ambienti da vivere. Il soggiorno appare così un unico, ampio ambiente, scandito da varie zone funzionali. Un camino angolare dalla semplicissima struttura con cappa in cotto e base di pietra diventa l’elemento catalizzatore di tutto il locale e, quando il fuoco è acceso, la sua luce vibrante accende di riflessi le pareti di pietra.

The beautiful terracotta ashlar work of the wide arches delimits the living quarters on the ground floor.The living room is a large area with zones for different functions. A corner fireplace with a very simple structure, terracotta hood, and stone base, is the focal point of the entire room. When the fire is ablaze, its light covers the stone walls with flickering shadows, providing a welcoming sense of warmth and wellbeing despite the size of the room.

condividi :
Architettura cultuale, un prodotto pregato e socializzato
24/07/2006
TRE LIVELLI RIVOLTI VERSO IL MARE
07/12/2013