ARCHITETTURA FARE

Stufe design

Tratto da:
Casa Oggi N°277
Stufe di design
Di Baio Editore

Contenuti di alta tecnologia per contenitori di grande immagine
High technology appeal

Grande focolare in Alutec ®, paralegna, salvacenere e scuoticenere, cassetto portacenere, vano portaoggetti e base in ghisa, maniglia ergonomica, porta a sviluppo verticale, esterno in ceramica, vano scaldavivande o forno di cottura. Queste in estrema sintesi le caratteristiche primarie delle Stufe Design prodotte da MCZ.


Design e finiture
Design and details

Le stufe MCZ hanno linee pulite e piacevoli, senza sporgenze. Anche il pannello posteriore ha una linea curata, tale da poter essere messo anche a vista. Nessuna vite o saldatura è visibile. Le cerniere della porta sono a completa scomparsa. Tutte le stufe Design hanno la struttura e la porta verniciate in grigio metallizzato. Sono disponibili in quattro colorazioni di ceramica: rosso bordeaux, blu avio, bianco panna, mattone.

MCZ
Group’s stoves are characterized by their clean and appealing design; no screw, welding or hinge is visible. The ceramic coating is available in four color options: Bordeaux red, sky blue, off-white and brick red.

La diffusione del calore Il calore prodotto dalla combustione viene fatto uscire attraverso la grande griglia frontale della stufa ed è immesso nell’ambiente, in parte per convezione e per la restante si diffonde gradualmente e uniformemente per irraggiamento attraverso la superficie, fornendo una diffusa sensazione di benessere.

Heat diffusion
Heat is delivered through the large front grate into the room and is transferred by the stove surface itself, giving off a comfortable, even heat.

Il pellet: un combustibile innovativo
La legna ha anche un’alternativa. Per questo si parla tanto di pellet. Facilmente reperibile, pratico da trasportare, ecologico ed economico, semplice e sicuro Il pellet si presenta in cilindri di 6 millimetri di diametro per una lunghezza che varia dai 5 ai 30 millimetri. Sono realizzati sottoponendo ad un’alta pressione segatura e scarti del miglior legno provenienti da segherie, falegnamerie ed altre attività del settore. La sua compattezza è ottenuta grazie ad una sostanza prodotta dal legno stesso: la lignite. La colorazione chiara ed il profumo intenso non fanno che confermare le sue sane origini. Le ridotte dimensioni di questo combustibile portano innovazioni anche nei sistemi di confezione e conservazione. Il suo classico sacco da 15 chili, di minimo ingombro, semplifica il trasporto e permette di conservarlo anche nelle abitazioni di città che non dispongono di ampi spazi.

A new fuel source
Pellets are a smart alternative to wood and they are made from a variety of recycled materials to include wood chips, sawdust, used cardboard, peanut shells etc. Pellets are easy to find, practical, economical and environmentally friendly. They come in small cylinders and create virtually no smoke. Moreover, pellets are remarkably clean, producing only a very small amount of hash with a 15 kg bag of products.

Tecnologia e ambiente
Technology and environment
Intervista a/Interview with Walter Breda, direttore generale del gruppo/Group General Manager MCZ

1. Walter Breda, Direttore Generale del gruppo/ Group General Manage MCZ.
2. Veduta della nuova palazzina per uffici/the new MCZ administrative building.

Chiediamo al Direttore Generale della MCZ, Walter Breda, di spiegarci come nasce l’azienda che dirige e quali sono le sue caratteristiche salienti… La MCZ nasce dalla famiglia Zanette. Questa fin dagli anni ‘50 si dedica alla distribuzione di manufatti in cemento. Dall’attività commerciale passa presto alla produzione (canne fumarie, solai, pavimentazioni autobloccanti per cortili, ecc..). Nel 1975 viene costuita la Manufatti Cementi Zanette: la MCZ. Oggi è tra i primi produttori italiani in questo campo.
Quando comincia la produzione di camini?
Nel ‘78: data la nostra mentalità industriale, siamo partiti dalla par te viva, dal focolare, che è stato subito inteso come prodotto di alto contenuto tecnico, di alto rendimento energetico. Naturalmente ci occupiamo anche dell’estetica, del rivestimento: ma prima viene la parte tecnica. Oggi il settore fuoco (camini, stufe, barbecue) copre il 65% del fatturato dell’impresa. Siamo l’unica ditta italiana che produce tutto internamente, dalla lamiera alla verniciatura.
Come si è evoluta la vostra produzione?
Fino agli anni ‘80 producevamo camere di combustione in cemento rivestite in ghisa. I camini erano a bocca aperta, cioè privi di schermature. La tecnica da allora si è evoluta rapidamente, spinta tra l’altro dal confronto coi mercati esteri. Oggi produciamo camini con focolare in accaio, a bocca chiusa che hanno rendimenti ben più elevati sull’ordine del 70%. Sono i cosiddetti termocaminetti che sono usati sempre di più per il riscaldamento.
Quale il vostro prodotto di punta?
Senz’altro la linea Airsystem: camini progettati per il mercato europeo a bassissima emissione di monossido di carbonio. Sono prodotti in grado di competere in Paesi quali l’Austria, la Germania e la Francia, in cui la regolamentazione è assai rigida e il pubblico molto esigente e competente. I 2/3 del nostro fatturato derivano da esportazioni. Di solito le ditte italiane che esportano, competono sul terreno del design… Noi ci serviamo di ottimi designer, ma competiamo anzitutto sul terreno tecnologico: camino ad alto rendimento termico e con bassissimo livello di emissioni.
Come funzionano?
Le linee Airsystem e Climasystem si servono del sistema a doppia combustione, che MCZ tra i primi ha introdotto in Italia. Un flusso di aria (aria primaria) alimenta la parte bassa della fiamma, mentre un altro flusso (aria secondaria), alimenta la parte alta della fiamma. In tal modo la combustione viene ottimizzata e le emissioni di monossido di carbonio ridotte al minimo.

We asked Mr. Walter Breda about the origin of MCZ Group. MCZ stands for Manufatti Cementi Zanette. In fact, has been the Zanette family that laid the foundations, during the Fifties, of the company that would became one of the major fireplace manufacturers.
When did you start the fireplace production?
In 1978, we began to manufacture hi-tech, hi-efficiency furnaces, and then we decided to cover the production of all parts of our fireplaces, stoves and barbeques. At present time this sector accounts for 65% of MCZ turnover. We are still giving top priority to technology.
Can you tell us something about product evolution?
Up until the Eighties, we were producing mainly iron coated concrete furnaces. Fireplaces were completely open. Competition with foreign markets gave energy to this sector. Nowadays, our steel furnace thermal fireplaces function as complete central heating systems.
Which is your best seller stove? The Airsystem series feature outstanding low carbon monoxide emissions. This line has been especially created to meet EU strict regulations and extremely demanding European customers’ needs. Almost 2/3 of MCZ turnover comes from exportations. Usually Italian companies export style… Yes, but as already said, we always stressed the importance of technology and that is why our low emissions high performance fireplaces proved to be extremely competitive on the market.
How do they work?
Airsystem and Climasystem fireplaces feature a double combustion system that, by using a double draft system (primary and secondary draft), optimizes heat production minimizing at the same time carbon monoxide emissions.

 

condividi :
La Voce delle Diocesi
24/07/2006
Cucinare e scaldare rispettando l’ambiente
28/01/2008