ARCHITETTURA

Amalia Esposito

Diretto da: Carlo Chenis
Periodico allegato a Chiesa Oggi architettura e comunicazione

Laboratorio – Amalia Esposito

L’impianto rielabora la tipologia di S. Ambrogio a Milano e utilizza un muro alto e lungo, che rigira ad U, come sostegno dell’aula e del sagrato posti a quota 5,00 slm. Il muro, elemento portante della figura e della struttura, è scandito da un’orditura regolare di portali che disegnano il “porticato” del sagrato, definiscono la ripartizione interna all’aula e la perimetrazione dell’aula scoperta, posta sulla copertura dell’edificio, per celebrazioni all’aperto. Il carattere direzionale
della tipologia scelta è attutito dal proporzionamento stabilito tra sagrato, aula e abside; lo spazio che risulta tra il grande muro e il perimetro dell’aula, lasciato scoperto, consente ad un volume di luce di irrompere all’interno e illuminare l’altare e l’aula.
Il progetto presentato da Amalia Esposito.
Un volume longitudinale chiuso sui lati (sopra).

condividi :
Una stalla recuperata ad hoc
16/03/2013
La culla del benessere.
23/11/2006