Vetrate

Tratto da:
Chiesa Oggi 41
Architettura e Comunicazione

Vetrate

 

Lavorazione artistica del vetro


Un laboratorio per la lirica dei colori

Il laboratorio artistico Gibo nasce negli anni Settanta, coinvolto fin dall’inizio in un momento di profonda trasformazione dei canoni del gusto. La società si evolve, le esigenze estetiche mutano, l’arte intraprende nuove strade. Nel campo dell’arte vetraria fanno il loro ingresso nuovi intendimenti e nuovi materiali. Il Laboratorio veronese avverte l’urgenza di questi mutamenti e apre un settore per la ricerca, cui partecipano i migliori artisti italiani e stranieri. Si intensificano gli sforzi per un approfondimento tecnico e di “mestiere” nel campo del restauro. In questo ambito vanno ricordati i lavori eseguiti dalla vetreria artistica per la Basilica di S. Marco a Venezia e per tante altre cattedrali e tanti santuari disseminati lungo la penisola.
Idee e soluzioni innovative
Nel campo specifico della vetrata istoriata a fuoco entrano nuove idee e altrettante nuove soluzioni che, in parte, si distaccano dalla tradizione e si impongono per un loro linguaggio, destinato a interessare tanto gli artisti contemporanei quanto la committenza. Si hanno così tredici grandi vetrate per la Chiesa di St. Nicholas a Montecarlo, inaugurate da S.E. l’Arcivescovo Chardou e dal Principe Ranieri, eseguite dal laboratorio artigiano grazie all’opera del maestro Lino Dinetto di Treviso. Venti vetrate per il santuario di S. Antonio di Gemona del Friuli (UD) sono realizzate su “cartoni” del maestro A. Poz.
Ne seguono altre per la cappella di Casa Perez a Negrar (VR) e per la chiesa di Dossolbuono (VR) e per l’arredo privato in generale, eseguite dal maestro Federico Bellomi di Verona. Dodici grandi vetrate in vetro soffiato per la chiesa Your Lady of the Light Chapel di New York (Stati Uniti), opera del maestro sudamericano Prat’s Vendos, inaugurate dal Vescovo, S.E. Cardinal O’Connor. Tanti altri maestri hanno lavorato con la vetreria Gibo, onorandola ed elevandone il livello professionale e qualitativo.
La tecnica musiva
Un settore che si è imposto in questi ultimi anni è quello della produzione artistica musiva, presente in un modo altamente qualificato nei vari stand fieristici d’Italia: litostrato per pavimenti, vetro-mosaico, tecniche musive miste su temi d’arte sacra e per arredo. Accanto a questa attività musiva se ne sono affermate altre grazie all’opera dei maestri pittori, scultori, architetti e di un’equipe qualificata di collaboratori che ha reso possibile il sogno degli artisti e le aspettative della committenza. Si è così operato nel campo del vetrocemento, dei collages di vetro soffiato senza piombo, nell’elaborazione di una suppellettile in metallo e alabastrini di vario tipo e di tante altre forme espressive che hanno visto l’avvicendarsi di sempre nuove intuizioni artistiche, destinate a rivelare ruoli che il vetro non aveva mai avuto lungo i secoli.
Così che, meditando sui criteri di corrispondenza operativa ed estetica interagenti, ciascuno secondo la propria natura, all’adempimento dell’opera d’arte, viene spontaneo di pensare a quanto Marc Eigeldinger dice nella sua introduzione a un’opera di Balzac: “… l’opera, più che ogni altro genere musicale, testimonia il fenomeno delle corrispondenze delle arti, perché sintetizza la relazione che esiste tra musica, poesia e pittura. Trattasi di una vera analogia, poiché il suono, la parola, la luce e il colore sono generati da un’unica sostanza, partecipano di una medesima armonia…” La vetrata è, nella sua multiforme identità operativa, come l’opera lirica, anch’essa frutto di corrispondenze tra le varie attività che la compongono.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)