Vetrate trasparenti ma isolanti e sicure

Sculture sonore

Si può affermare che probabilmente non c’è chiesa al mondo nella quale la trasparenza delle vetrate e allo stesso tempo la loro capacità protettiva sia più importante. Pilkington ha fornito una serie di prodotti concepiti e realizzati esclusivamente per la realizzazione di quest’opera unica, la chiesa “Dives in Misericordia”. I lucernari sono costituiti da vetrate isolanti composte da lastra esterna Pilkington Optiwhite™ temprato di spessore 10 mm, intercapedine da 15 mm riempita con gas argon, lastra interna stratificata Pilkington Optilam Therm N da 12,8 mm.

Le pareti vetrate laterali e le altre tamponature sono costituite da tre diverse tipologie di vetrate isolanti: – Pilkington Optiwhite™ temprato da 10 mm, intercapedine da 15 mm riempita con gas argon, lastra interna stratificata Pilkington Optilam Therm N da 10,4 mm. – Pilkington Optiwhite™ temprato da 6 mm, intercapedine da 15 mm riempita con gas argon, lastra interna stratificata Pilkington Optilam Therm N da 8,4 mm. – Pilkington Optiwhite™ temprato da 6 mm, intercapedine da 20 mm riempita con gas argon, lastra interna stratificata Pilkington Optilam Therm N da 8,4 mm. Infine, per la realizzazione dei giunti si è impiegato un vetro stratificato Pilkington Optilam N 8,8. Le ragioni che hanno indirizzato la scelta su questi prodotti sono di due tipi: funzionali ed estetiche. Dal punto di vista prestazionale, le vetrate isolanti proposte rappresentano certamente quanto di meglio si possa utilizzare in questo momento: in particolare esse garantiscono un valore di trasmittanza termica estremamente basso, pari ad 1,1 W/°K mq.
La campana in Mi b.

Questo significa che esse costituiscono un eccellente schermo alla dispersione del calore, se confrontate ad una comune vetrata isolante domestica (di composizione 4 – 12 – 4) la cui trasmittanza termica è pari a 2,9 W/°K m2. E’ importante notare che ciò non avviene a scapito della trasmissione luminosa, il cui valore (a seconda della composizione considerata) varia fra il 78% e l’81%. A titolo di raffronto, si pensi che vetrate isolanti di composizione analoga a quelle fornite, ma realizzate con vetro differente da Pilkington Optiwhite™, hanno valori di trasmissione luminosa decisamente inferiori, intorno al 71-75%. La luminosità è quindi senz’altro alla base della scelta di questi prodotti, ma non è stato l’unico criterio di valutazione. Un fattore altrettanto importante è la neutralità cromatica delle vetrate che, oltre ad essere il mezzo attraverso cui la luce si diffonde all’interno dell’edificio, devono comunque intonarsi alle “vele” bianche che sono il segno caratterizzante della chiesa: per ottenere tale armonia il progettista ha scelto i vetri extrachiari Pilkington. Ricordiamo infine che tutti i vetri forniti garantiscono un’elevata protezione contro i rischi di rotture o danni alle persone, essendo temprati oppure stratificati di sicurezza. Il gruppo Pilkington rappresenta oggi uno dei più grandi produttori al mondo di vetro e prodotti vetrari per edilizia e per auto. Fondata nel 1826, protagonista di una vera e propria rivoluzione tramite l’invenzione del processo “float” col quale viene oggi prodotto praticamente tutto il vetro piano a livello mondiale, l’azienda è riconosciuta come il leader tecnologico del settore. Con impianti di produzione in 24 nazioni nei 5 continenti, con vendite in 130 paesi, con oltre 25000 addetti, Pilkington insieme alle sue associate, detiene la più ampia diffusione geografica mondiale e la leadership nel mercato del vetro per edilizia e per auto. Pilkington è presente in Italia dal 1996 con tre principali siti produttivi: San Salvo (CH) con produzione di vetro per auto e specchi per edilizia/ arredamento, Porto Marghera (VE) con produzione di vetro float e vetro laminato per edilizia, Settimo Torinese (TO) con produzione di vetri incapsulati per auto. Per quel che riguarda il settore edilizia, Pilkington Italia commercializza i prodotti realizzati su territorio nazionale (float chiaro, laminati e specchio) e tutti i prodotti della gamma Pilkington per edilizia provenienti da altri stabilimenti del gruppo. Tale gamma prodotti è quanto mai vasta, e con-sente di fare fronte alle più avanzate esigenze in termini di isolamento termico ed acustico, controllo solare, resistenza al fuoco, neutralità cromatica, manutenzione ridotta, oltre a requisiti di sicurezza ed estetica oramai irrinunciabili. Recentemente è entrato a far parte di questa gamma il vetro autopulente “Pilkington Activ”, ultima testimonianza di una continua evoluzione tecnologica. Le certificazioni di prodotto e di processo ottenute presso lo stabilimento di Porto Marghera rendono il principale sito produttivo italiano di prodotti per edilizia all’avanguardia per qualità (certificazione ISO 9001), sicurezza sul lavoro (OHSAS 18001) ed impatto ambientale (ISO 14001).

Vetrate trasparenti ma isolanti e sicure

I viaggi di Papa Wojtila e l’effige della Beata Madre Teresa di Calcutta compaiono nel concerto di 5 campane fuse dalla Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone (IS), già benedette l’8 dicembre 2002 da S.Em. Card. Crescenzio Sepe, oggi collocate nel campanile della Chiesa del 2000, dedicata a “Dio Padre Misericordioso” a Roma, opera dell’arch. Richard Meier. La progettazione e la composizione artistica delle campane sono state curate dagli scultori e fonditori Armando e Pasquale Marinelli. L’intero ciclo di lavorazione, durato circa un anno, ha portato alla creazione di un concerto magnifico e armonioso, del peso complessivo di 2 tonnellate. Le campane ricordano il nome di Claudio Chiais e famiglia, che hanno reso possibile la realizzazione di questa importante opera dedicata al nostro grande Papa. I rilievi infatti ricordano gli straordinari viaggi di Giovanni Paolo II nei 5 continenti, oltre a recare l’effige della Beata Madre Teresa di Calcutta. La campana maggiore (Fa), con il bassorilievo dell’Europa, reca le immagini della Madonna Czestochowa e della Madonna di Fatima, ricorda poi i nomi dei Pontefici e dei Giubilei ordinari dal 1300 a oggi, nonché la data della prima celebrazione eucaristica della Parrocchia. La seconda campana (SI b) dedicata alle Americhe, riporta una croce che ricorda il primo battesimo della Parrocchia. la terza cam
pana (DO) che ricorda i viaggi pastorali in Africa, ha l’immagine dello Spirito Santo con la data della prima cerimonia funebre. La quarta campana (RE), l’Oceania, reca l’immagine del figliol prodigo e di Madre Teresa di Calcutta, oltre alla data del primo matrimonio celebrato in parrocchia. La campana minore (MI b) dedicata all’Asia, ha impressa la figura di un aborigeno, il nome del papa con lo stemma del Card. Camillo Ruini, Vicario Generale di Roma, la data di benedizione e posa in opera della prima pietra della chiesa.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)