Un ponte belvedere tra casa e giardino


Lo spazio verandato che prolunga l’interno della casa sul terrazzo è una invenzione architettonica caratteristica. All’altezza doppia del soggiorno, corrisponde un’altezza normale della veranda. Questo si presenta con le due cuspidi che la articolano lungo il lato della casa, come un accenno che rimanda agli ombrelloni da spiaggia a capanna:
Sotto il profilo formale così la veranda si segnala subito come luogo di libertà, dalla vocazione precipua al relax. L’intelaiatura lignea imbiancata la rende omogenea al salone dell’abitazione. Il suo arredo invece è decisamente pensato per esterni. La totale apertura su tre lati fa sì che la veranda sia totalmente immersa nello spazio aperto, e si ponga senza soluzione di continuità col prato e con la piscina. Le tende chiudibili si presentano, nel giorno di sole, quasi come mero elemento ornamentale. Vi è una gradazione di “soglie” che definisce questo spazio verso l’esterno: la fila di colonne che reggono la copertura, poi il margine del terrazzo su cui è posta, infine la siepe che si allinea di fronte alle finestre del piano interrato. Non vi sono quindi barriere, non veri e propri limiti, ma solo accenni che suggeriscono come vi sia una continuità: il giardino si pone come estensione della casa, e viceversa la casa diventa interiorizzazione del giardino. La stessa vista verso la piscina suggerisce il senso di frescura e richiama le disposizioni dei giardini arabi, ricchi di fonti e specchi d’acqua.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)