Trentino Alto Adige

Un caldo rifugio in legno

Panorami da sogno con spazi aperti incontaminati, prati verdi degli alpeggi punteggiati da fiori di mille colori, pinete, laghi, l’incanto delle maestose Dolomiti e gli accoglienti masi.

Qui nasce un’architettura che sa rispondere alla sfida dei luoghi e alla loro complessità. Così l’ambiente principale della casa trentina è la Stube, il locale riscaldato dalla tradizionale grande stufa in muratura a giri d’aria calda. Una struttura architettonica il cui uso è un’evoluzione germanica dell’ipocausto, l’antico sistema di riscaldamento dei romani. Un tempo, la vita in montagna comprendeva una sorta di letargo umano invernale che durava dai sei agli otto mesi, quindi era inimmaginabile senza questa risposta funzionale e razionale la sopravvivenza dell’uomo in un ambiente freddo o pieno di fumo. Nella Stube si consumavano i pasti, si leggeva, si cantava e si pregava, ci si riuniva e ci si dedicava a piccoli lavori sedentari.

È li che la famiglia trascorreva gran parte dell’interminabile inverno dedicandosi all’intaglio del legno che trasformavano in utensili e giocattoli. Elemento indispensabile dell’arredamento: la grande stufa in muratura che si caricava dal retro, generalmente dalla cucina, attraverso un apposito sportello. Questo semplice sistema, consentiva e consente di scaldare in modo efficace l’ambiente attraverso una vera e propria macchina del caldo che diventa il perno della vita quotidiana. La forma della stufa è caratterizzata da un castelletto in legno che sostiene un giaciglio, riservato ai bimbi o ai malati, ed è contornata da panca. La stufa con i mobili semplici ed essenziali sono il fulcro della domestica.

(Rita Ghisalberti)

Veduta panoramica di Ortisei in Val Gardena. Silenzio,
quiete e natura incorniciano i paesi che si snodano sul fondo valle. È qui che le Dolomiti si lasciano scoprire poco alla volta percorrendo i sentieri naturalistici di rara bellezza immersi nei fitti boschi contornati da rocce, antichi masi e pascoli. Per chi non ama camminare, comode telecabine, permettono di raggiungere il Monte
Seceda e l’Alpe di Siusi.
Il paesaggio di Ortisei è disegnato dallo svettare
diei campanili che scandiscono le ore in un luogo
dove il tempo sembra esseresi fermato in un perfetto
equilibrio tra uomo, tradizioni e natura.

Kunter

Dal 1760 l’azienda di Brunico, Ceramica Artistica Kuntner
& Co., progetta e fabbrica con raffinate tecniche artigianali stufe in maiolica. La possibilità di scelta del rivestimento è ampia, infatti, il catalogo prevede oltre a 100 varietà di piastrelle ‘stampate a mano’ secondo i piú
svariati stili ed ornamenti locali tramandati da generazione in generazione. I materiali di prima qualita sono composti con ‘ricette’ appositamente sviluppate che garantiscono ottimi risultati esecutivi.
L’antica stufa in maiolica dipinta è conservata nel
Centro Studi Rosminiano di Rovereto. Uno dei vantaggi della stufa in maiolica è la grande versatilità del materiale che consente innumerevoli forme e decorazioni.
Le stufe tradizionali, indiscussi elementi d’arredo, regalano suggestive atmosfere garantiscono un calore ecompatibile ed ora offrono
anche la vista panoramica del fuoco.

Thun

Dal 1950 l’azienda altoatesina Thun produce stufe di elevata qualità, realizzate con pregiate mattonelle di ceramica. Le diverse tecniche decorative e gli smalti realizzati a mano libera rendono unica ogni stufa, compresi i nuovi modelli
che prevedono sportelli in vetro per la vista del fuoco.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)