ARTE LA FEDE E L’ESPRESSIONE


ARTE LA FEDE E L’ESPRESSIONE

La famiglia degli scultori Ferdinando Perathoner pone profonda attenzione nel rappresentare con l’arte figurativa il Cristo Risorto.
Le difficoltà nella rappresentazione di Gesù sono comparse sin dai primi anni dell’era Cristiana: la figura ha valore evocativo, aiuta a ripensare il mistero dell’Incarnazione e collega a una memoria visiva gli insegnamenti evangelici. La figura ha una forte connotazione emotiva e un’immediatezza comunicativa, ma inevitabilmente ha anche sempre insito il forte rischio della riduzione: l’opera e la testimonianza del Figlio mai saranno racchiuse in un’immagine, per accurata,
evocativa, teologicamente fondata che sia. Il travaglio dell’epoca iconoclastica testimonia della gravosità del problema,
nonché della impressionante responsabilità che pesa sulle spalle dell’artista quando pone mano a un’opera a
soggetto religioso.

Cristo Risorto, scultura scolpita a mano in legno
di tiglio, tinta unica con cera, altezza totale 240 cm.
Chiesa di Santa Lucia, loc. Cellole (Caserta).

Oggi il problema è posto in termini nuovi: con l’irrompere dell’astrattismo c’è chi ha pensato di esprimere l’inesprimibile con questa metodologia che può essere allusiva senza indulgere nel riduzionismo che deriva dalla forma. Ma la pietà,
la memoria, la capacità evocativa sono elementi che attengono all’osservatore più che al rappresentato. Ecco
dunque che nella figura il fedele ricerca la corrispondenza con l’immagine del fratello nella condizione idealizzata,
e questa vive nel contesto di una tradizione iconografica ben stabilitasi nel tempo, e quindi ben riconoscibile. Le fattezze che rimandano all’icona sindonica offrono un significato appagante e in quanto tale denso di connotazioni
evocative e di espressione simbolica.
Il Cristo Risorto della famiglia di scultori Ferdinando Perathoner, qui raffigurata, scolpita nel legno di tiglio e di 2,40 metri di altezza, esprime, unendoli in un singolo gesto, il travaglio della passione, il dramma della morte e l’annuncio della risurrezione. La tunica che contorna il corpo è una esplicita citazione della Sindone e lancia un messaggio di speranza. (Per informazioni: Ferdinando Perathoner Scultori, Ortisei (BZ), tel 0471796180 – <www.ferdinando-perathoner.com>)

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)