Best Man

La libreria in cucina

L’architetto Giovanna Pace spiega i motivi di una scelta fuori dagli schemi.

Perchè nella sua casa di Milano ha scelto di inserire una libreria in cucina?

«In questa casa i libri sono ovunque. A prescindere dal fatto che non amo gli stereotipi, la libreria è in cucina, perché credo sia più utile di un televisore. Perché è la stanza più luminosa e vissuta della casa. Non solo luogo dei pasti: è lo spazio centrale dove la famiglia si ritrova in vari momenti della giornata, dove si parla, si ascolta musica, a volte si lavora e spesso si legge un libro. Collocata in una nicchia preesistente, costituisce il collegamento con lo studio seminterrato.»

Giovanna Pace,
si è laureata in Architettura al
Politecnico di Milano. Dal 2003
svolge la libera professione in
particolare, progettando e
ristrutturando appartamenti, negozi
e uffici. Nel 2004 con Lorenza
Marenco e Aurelio Gravina, fonda l’ass. Itinerari d’Arte, occasione d’incontro e confronto tra diverse discipline artistiche.
Giovanna Pace

Visto su: “Le librerie. Homework n.2”

Fondale del tavolo della cucina e pensata per
grandi volumi, la libreria cosi posizionata
amplifica le funzioni della stanza
La libreria, collocata in una nicchia preesistente,
spazio di collegamento con lo studio/atelier seminterrato, è stata realizzata
in legno laccato bianco.

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)