Sul lago con vista sul cieloAbitare in una serra del Settecento

Tratto da:
Case di campagna n°86
Sul lago con vista sul cielo
 

Abitare in una serra del Settecento

realizzazione di Ardengo Trighiera, Marco Seveso, Gigi Trezzi, architetti servizio Filippo Simonetti; foto Studio F&D

Nel tardo Settecento era la serra di una villa aristocratica affacciata sul lago di Como, ed ospitava piante rare e fiori esotici. Oggi é diventata una accogliente abitazione, ma scorgendo da lontano le vetrate a cupola e a spioventi ancora ne si riconosce l’origine.

L A TRASFORMAZIONE DI UNA SERRA IN ABITAZIONE È UN TEMA POCO FREQUENTE IN I TALIA, FORSE PER LA MANCANZA, IN EPOCA MODERNA, DI UNA EFFETTIVA TRADIZIONE PAESAGGISTICA. ED È UN PECCATO, PERCHÉ, SE SI RISPETTA IL SUO CARATTERE ORIGINARIO, UNA SERRA PUÒ DIVENTARE UNA RESIDENZA DAL FASCINO ESCLUSIVO. E’ CIÒ CHE È ACCADUTO A QUESTO EDIFICIO SETTECENTESCO, UN TEMPO DIVISO IN TRE CORPI, TRA LE ROCCE DELLA MONTAGNA E IL LAGO.

Come primo, fondamentale, intervento sono stati unificati i volumi. Dei tre corpi che oggi formano l’abitazione, quello laterale, funzionale perché su un solo livello, è stato adibito a cucina: E’ un ambiente che vive di luce perché la volta vetrata, ampia e avvolgente, occupa lo spazio del soffitto e di un’intera parete. Ne risulta un ambiente dove il volume appare modellato, quasi plasmato dal vetro. Nonostante il progetto abbia inteso rispettare il più possibile quella che era l’architettura originaria, la scelta dei materiali di finitura oscilla sempre tra lo stile razionalista, assorbito dalle sperimentazioni degli anni Trenta-Quaranta delle ville per vacanze di questa zona, e quello più tipico e tradizionale dei maestri locali. Così, accanto a citazioni moderne, trovano posto anche le pavimentazioni in cotto lombardo, mentre le beole e le pietre di lago incorniciano porte e finestre.

Nelle pagine precedenti alcune viste dell’esterno della casa, intonacata di rosso come in origine. In queste immagini, uno scorcio della cucina, con le pareti rivestite da piastrelle azzurre e la vetrata curva.

Ferro smaltato di grigio scuro per l’avvolgente volta vetrata

PER DOSARE LA LUCE

UN SISTEMA DI OSCURAMENTO ESTERNO PROTEGGE LE VETRATE DALLE INTEMPERIE E PERMETTE DI DOSARE LA LUCE A PIACERE. QUESTO UTILE MECCANISMO DI SCHERMATURA SCORREVOLE REGOLABILE DALL’INTERNO È FORMATO DA LISTELLI DI LEGNO, MATERIALE PERFETTO PER CONTRASTARE CON IL METALLO DEI SERRAMENTI.

Per saperne di più è in edicola il nuovo numero di “Case di montagna ” n. 50 per ordini diretti utilizzate il modulo presente a fine rivista .

Qui sotto, una vista del Giardino d’inverno che un tempo ospitava piante esotiche e che oggi ripropone un arredamento in stile etnico: una panca in legno di teak, un divanetto in vimini e un separè in legno che lascia filtrare la luce. Anche qui, come in cucina, un sistema di oscuramento a listelli permette di dosare la luminosità esterna. Nella pagina accanto, in alto, il soggiorno visto attraverso la finestra: nella facciata tinteggiata di rosso, le colonne incorniciano i serramenti in legno. Sempre nella pagina accanto, alcune viste del soggiorno: sullo sfondo spicca una parete semicurva in pietra. Di fronte alla parete una scala conduce al piano superiore.

Legno di larice tinto per i serramenti della facciata, secondo il modello preesistente: perfetto connubio con la pietra delle colonne

La parte più esterna dell’edificio, il Giardino d’inverno, è arredata in stile etnico per rievocare l’antica origine: panche in legno e vimini sono accostate a un paravento che lascia filtrare la luce. Dal momento che è destinata agli ospiti, si è voluto dotarla di un ingresso indipendente. Anche qui il tetto vetrato è il vero protagonista e, insieme a una serie di finestre a nastro, garantisce il massimo della luminosità.

Il soffitto è un soppalco in travi di ferro con la soletta in lamiera grecata: citazioni dall’architettura preindustriale per creare un gioco di contrasti e un ”effetto loft”.

Una parete vetrata chiude il perimetro delle camere: soluzione che alleggerisce la prospettiva dello stretto corridoio e lascia filtrare la luce

Il parapetto del piano soppalcato è una balaustra curva in metallo, aperta lungo il corridoio e chiusa da una vetrata nelle camere. Si ottiene così una vera e propria parete trasparente con il duplice ruolo di lasciar filtrare la luce e di isolare le stanze dal soggiorno su cui si affacciano. Anche qui la scelta progettuale di creare un piano strutturalmente tanto diverso dal resto della casa mostra il desiderio di un’architettura composta, dove il nuovo livello si innesta dentro le murature originarie diventando un unico, complesso volume. Alcuni tratti, però, richiamano il resto dell’abitazione, come ad esempio il colore: lo stesso desiderio di azzurro che ha fatto scegliere le piastrelle della cucina, si ritrova nel piano superiore, come se il celeste del cielo che filtra dalle vetrate diventasse un tutt’uno con la casa.
Arredato tenendo conto del carattere lacustre della casa, il piano superiore ha pavimenti in teak, legno usato per fabbricare barche, e ha finestre che ricordano oblò squadrati. Il colore dominante è il blu, che spicca nelle lampade, nella boiserie in legno e nei copriletti. Il bagno spalanca la sua finestra, con un suggestivo colpo d’occhio, sulla parete rocciosa, ed è rivestito da tasselli a mosaico che richiamano il colore del cielo e del lago.
Barbara Delmiglio

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)