SPAZI AL VINO


L’Architettura rivela la creatività insita nel lavoro della cantina.

La campagna trevigiana fra i fiumi Sile e Piave ospita la cantina 47 Anno Domini, fondata nel 2008 dai giovani
fratelli Andrea e Cristian Tombacco, un’Azienda Agricola dotata di una concezione architettonica contemporanea e polifunzionale che gioca con il legno, il vetro e l’acciaio e si armonizza con il contesto naturale circostante. Il progetto architettonico dello Studio Roberto Del Dò, in collaborazione con l’Arch. Michelangelo Bonotto, accosta due elementi principali: una struttura per la produzione e la conservazione del vino e un edificio porticato per l’ospitalità, la vendita e la degustazione.
Il progetto rafforza le relazioni tra il paesaggio e la cantina e sviluppa all’interno una sorta d’itinerario che segue i
passi del processo di vinificazione. Un volume architettonico innovativo si accosta alla struttura destinata alla ricettività, di tipologia invece tradizionale, caratterizzata da porticati e da un rivestimento in mattoni. La facciata principale risulta così forata da un “grande occhio vetrato” che consente dall’interno la vista sui 25 ettari di vigneto. La struttura è stata rivestita con pannelli in legno demineralizzato, interrotti da tagli asimmetrici, di notte retroilluminati.

L’”occhio sui vigneti” si può considerare il punto di partenza di un ipotetico itinerario: da qui, sfiorando la barricaia e passando sopra la zona di produzione e il punto vendita al dettaglio, si attraversa una passerella con struttura metallica e piano di calpestìo in vetro. Si passa quindi al soppalco, un luogo di relax per leggere e degustare un buon vino, per poi scendere nel salone principale a doppia altezza, dotato di ampie vetrate, lampade oversize su misura e camino a parete, con cappa in ferro grezzo di sei metri.
Attraverso un corridoio giungiamo nell’atrio di ingresso, collegato da due grandi aperture alla zona destinata alla vendita, una raffinata “wine boutique”. Il bancone per la degustazione è in Corian® e legno di noce ed è dotato di un retro – banco in ferro grezzo che diventa una parete di bottiglie. Un portale in ferro nero unisce gli spazi vendita al cuore produttivo della cantina, dove troviamo i grandi fermentatori in acciaio inox.

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)