pezzi d’antiquariato tra i monti svizzeri

Tratto da:
Case di montagna n°50
Pezzi d’antiquariato tra i monti svizzeri
 
Ai piedi della montagna di Wassengrat, nella prestigiosa cornice di Gstaad, dove si danno convegno i principali esponenti del jet-set internazionale, si trova questo chalet arredato con pezzi di grande valore.

Anche un arredo in stile alpino, se studiato e ben calibrato, può diventare la cornice adatta per pezzi antichi di grande valore.

Lo chalet presentato in queste pagine è organizzato su tre piani: al piano terreno ci sono le camere per gli ospiti, al primo piano il soggiorno, la sala da pranzo e la cucina, al piano superiore la camera da letto padronale. Protagonista del soggiorno è il camino, la cui cornice è realizzata con piastrelle del diciasettesimo secolo. Antichi oggetti di valore completano l’arredo che consiste per lo più in pezzi d’epoca italiani e svizzeri, mentre i tessuti utilizzati per le tende sono originali inglesi. Nonostante la particolare nota di raffinata eleganza che pervade tutta la casa, l’ atmosfera che vi si respira è tipicamente montana, anche grazie all’abbondante utilizzo del legno. Le pareti sono infatti interamente rivestite di legno e lo spazio è stato simbolicamente suddiviso nelle varie zone funzionali da decorative colonne in legno tornito, realizzate da un artigiano del luogo. Anche le decorazioni e gli intarsi che arricchiscono il soffitto contribuiscono a suddividere gli spazi, senza ricorrere a pareti che avrebbero inevitabilmente diminuito la luminosità degli ambienti.

Un quadro rappresentante un leopardo di Helene Whitwell, occupa la parete sopra ad un mobile policromo con decorazioni floreali. Per la zona pranzo sono stati scelti tavolo e sedie francesi del diciasettesimo secolo e un antico imponente seggiolone danese. Grande importanza assumono i tessuti utilizzati per completare l’arredo: ne sono un esempio la moquette a righe tessuta a sei colori e la tovaglia indiana scelta per apparecchiare la grande tavola. Tra i pezzi d’antiquariato che impreziosiscono l’arredo di questa casa, c’è una collezione di vecchi bicchieri decorati a mano, tra cui spicca uno splendido bicchiere a calice molto antico, collocata sull’etagère del soggiorno. Quadri e dipinti di valore colorano le pareti con i loro svariati soggetti.

Dal soggiorno una scala chiusa lateralmente porta al piano superiore. I gradini sono rivestiti con la stessa moquette a righe del soggiorno. Anche nella zona notte, questa casa è stata arredata con gusto ed eleganza senza per questo contrastare con l’ambiente montano circostante. Il legno, materiale tipico delle case alpine, è stato abbondantemente utilizzato in tutti gli ambienti, bagno compreso.

A Ballenberg, poco distante da Gstaad si trova il Freilichtmuseum: più di 80 case originali di qualche secolo fa, provenienti da tutte le regioni del paese, 250 animali da fattoria di razza locale, giardini e campi mantenuti come una volta, dimostrazioni di artigianato tradizionale e numerosissime manifestazioni tematiche. Nel disegno (nella rivista), una delle più antiche costruzioni, proveniente dalla Valle di Blenio e risalente al 1515. La sua struttura originaria deve aver avuto un aspetto quanto mai semplice: la costruzione a travi sovrapposte presentava, infatti, un solo piano e poggiava su pilastri che la sollevavano di un paio di metri da terra. Nel 1564 si procedette all’innalzamento di un piano e si rinforzò anche il basamento con una muratura piena, ottenendo un vero e proprio zoccolo. La riedificazione al Museo ha comportato qualche problema di natura statica e, per consentire alla casa di sostenere il peso del tetto in piode, si è dovuto procedere ad un rinforzo sul frontone di facciata. Sulla facciata stessa sono visibili ancora alcune incisioni, date, monogrammi e alcune croci, che hanno fatto supporre che originariamente fosse adibita a canonica.

Realizzazione del negozio di antiquariato “La Napolianne”
Servizio di Luisa Carrara
Foto di Athos Lecce

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)