PER ARREDARE IL LIVING

Dall’etnico all’estremamente moderno, le funzioni del salotto rimangono, se non le stesse, molto simili: accogliere con personalità. Se il living riflette il modo di vivere del proprietario e nello stesso tempo si integra con la qualità architettonica della casa, avremo fatto centro, perché la comunicazione più efficace presuppone la sinergia di queste tre realtà.

In un’isola diversa da tutte le altre, per il tufo scuro di cui è composta e la scarsità di verde dovuta alla cronica mancanza d’acqua, la tipologia di casa più diffusa è quella a cupola, tipica dei posti dominati culturalmente prima da Bisanzio e poi dagli Arabi. In una delle più antiche di Pantelleria l’arredamento è particolarmente seducente, avendo fatto ricorso a tessuti, colori e mobili dell’area magrebina, là dove si sono meglio conservati nei secoli i moduli decorativi del mondo mediterraneo musulmano.All’inizio era un casolare rustico in una bella situazione ambientale, ora è una villa per il relax di due esperti d’arte collezionisti di opere contemporanee. Tutto è stato lasciato com’era tranne le finestre, che da piccole (per difendere il calore dalla stufa a legna) sono diventate grandi aperture neoclassiche ad arco ribassato. I quadri figurativi ci fanno sognare un insieme di oggetti bianchi tondeggianti? E lì sotto troviamo due poltroncine accoglienti molto simili e oniriche.
Un’altro quadro ci parla dell’angoscia sottile di certi viaggi on the road? Per contrasto vi è un divano con mille cuscini ad accogliere lo hipster intellettuale che si cura col morbido. Tutto intorno il giardino felice e rigoglioso occhieggia dalle grandi finestre diventando un punto di riferimento psicologico: perché qualsiasi nevrosi contemporanea si dissolve in questa natura basica e accogliente.Cosa significa sedersi in salotto all’interno di un loft?
Essere comodi, rilassati, ma nello stesso tempo partecipi di una presenza storica importantissima: la nascita della civiltà industriale, quella da cui discende la nostra società, il nostro modo di vivere e forse il nostro carattere.
Di solito in un loft viene realizzato uno spazio scenografico a più livelli con alcune presenze paleoindustriali, come le scale in ferro o le finestre, sempre in ferro, con piccoli vetri quadrati per la sicurezza. Qui si è volutamente esagerato: si è messo al centro ottico della zona conversazione un camino grande come una fornace, decorato con strisce orizzontali (quelle che notoriamente allargano) con al centro una grande bocca
protetta da vetro minerale. Forse in ricordo dei forni metallurgici, qui attivi fino agli anni ‘60, ripensati come luoghi magici, gli stessi dove Charlot in “Tempi Moderni” faceva piroette passando incolume dentro ingranaggi che lo pressavano delicatamente, da veri amici.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)