Ordine degli Architetti di Ferrara

CHIESA DI S.MICHELE
(loc. Pescara, Ferrara)

Il progetto propone un interessante spunto di ricerca nella realizzazione dei sagrati attraverso la composizione di un vocabolario di elementi simbolici e funzionali caratterizzanti il sagrato, di volta in volta aggregati in relazione alle peculiarità del sito, per garantire l’immediata riconoscibilità senza cadere nella banale uniformità. (Giudizio della Commissione Nazionale)

Ordine degli Architetti di Ferrara

Arch. Massimo Dalla Torre (capogruppo)
Arch. Liliana Brunelli (coprogettista)
Arch. Clara Coppini (coprogettista)

Da sinistra: L. Brunelli, C. Coppini e M. Dalla Torre

Tre chiese: di Pescara, di Fossadalbero e di Guarda sono prese ad esempio per proporre la sistemazione dei sagrati dei tanti luoghi liturgici che si allineano lungo la strada che collega Ferrara al mare, fiancheggiando il corso del Po. Sono chiese attorno a cui si raccolgono piccoli nuclei abitati, di cui sono l’emblema. E sono unite tra loro da elementi
ricorrenti, quali lo stretto e armonico rapporto con l’ambiente naturale, la vicinanza alle principali vie di traffico, la semplicità delle forme, l’impiego di materiali locali. Con questo progetto si intende sottolineare e rafforzare il filo che idealmente connette tra loro i paesi e le chiese parrocchiali.

Tavola di progetto. Si evidenzia il percorso che corre lungo il fiume Po, tra Ferrara e il mare, dove si allineano i
piccoli paesi con le loro caratteristiche chiese. Una rivisitazione dei sagrati ne rafforzerebbe l’identità.
Tavola di progetto. Alcuni elementi ricorrenti possono dare unitarietà al percorso e allo stesso tempo
evidenziare le caratteristiche dei singoli luoghi: l’altare, la seduta, la croce, una fontana, una tenda.

Così si propongono interventi con materiali, manufatti e forme che possono ripetersi lungo tutto il percorso, tuttavia distinguendosi sul piano compositivo in modo tale da ricollegarsi alle singolarità dei diversi luoghi. I progetti proposti evidenziano il sagrato come elemento baricentrico dei complessi ecclesiastici, luogo di aggregazione e di riferimento per l’intorno. Secondo le specificità dei luoghi potranno essere collocati un piccolo altare per funzioni all’aperto, alcune sedute, una fontanella, una croce, una leggera copertura…

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)