Oratorio di Porta a Brissago, Canton Ticino (Svizzera)

Un cubo perfetto diventa, nel progetto di Raffaele Cavadini, un prisma capace di proporre le variegate valenze intrinseche alla forma, alla materia, alla struttura, secondo una scansione ordinata e graduale. La disposizione degli spazi genera un percorso autoriflessivo.

Il piccolo nucleo abitato di Porta, di origine medievale, è posto su un terrazzo naturale che domina il lago Maggiore, appena sopra il comune di Brissago. Esso fa parte di un sistema di agglomerati urbani aggrappati ai due versanti delle montagne che contengono il bacino del lago. Ogni nucleo era caratterizzato, già dal basso medioevo, dalla presenza di una piccola chiesa. Porta aveva il suo oratorio, collocato secondo la tradizione in posizione privilegiata, su uno zoccolo murario aggettante sul lago, quasi a voler significare il dialogo con le chiese principali di Brissago.
Queste sono entrambe opera dell’architetto Beretta e rappresentano il miglior Rinascimento realizzato in Ticino nel Cinquecento. Nella seconda metà del XX secolo la piccola chiesa restò abbandonata e fatiscente: di qui la decisione di erigere un nuovo edificio, concepito dal progettista come parte del suo preciso contesto storico e culturale. Il telaio strutturale risolve il progetto disegnando un cubo diviso in due: metà aperto, metà chiuso; metà portico, metà chiesa. Ma la divisione in settori (travi e colonne scindono ogni lato in quattro, definendo così otto cubi; la copertura del porticato in vetrocemento mostra una pluralità di unità quadrate) dà un’idea della gemmazione dello spazio da un singolo elemento primordiale. Gli assi cartesiani si pongono come contrapposti all’obliquità cangiante della luce solare: col loro rigido ordine essi rivelano l’eterea plasticità di questa. Se all’esterno copertura e struttura insinuano l’ombra nella luce, all’interno è questa che irrompe nell’ombra attraverso ben studiate fenditure zenitali e laterali. Se all’esterno i muri sono coperti di pietra, così da richiamare la tradizione locale, all’interno il cemento si presenta nella sua nuda scabrosità: ma non uniforme, perché il telaio strutturale è in evidenza grazie al differenziato trattamento di superficie. Una semplice panca si allinea lungo la parete: può accogliere una ventina di persone. La conformazione dello spazio celebrativo accentua la dimensione longitudinale, verso l’altare, e quella verticale, verso la luce.

 

Oratorio di Porta presso Brissago, Canton Ticino (Svizzera) Due parti di affresco provenienti dal preesistente oratorio medievale Lo spazio interno è denso di ombra
I tagli verticali consentono alla luce di vibrare sulle pareti All’interno della chiesa si ritrovano forme elementari Al grigio chiaro delle pareti fa riscontro la pavimentazione scura

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)