Nei videogiochi il camino alimenta la fantasia.

Servizio di Fabio Bergallo

Architetti e designer virtuali: nessun vincolo, fantasia e cura del dettaglio. Nel videogioco spazio a nuove idee per l’estetica del camino e antichi simboli recuperati.

Chiamarli videogiochi è riduttivo, e spesso si rivela quasi un offesa per i loro creatori che amano parlare di arte grafica. In effetti il livello qualitativo di questi mezzi di intrattenimento ha raggiunto traguardi strabilianti, tanto che sempre più spesso, il videogioco diventa un laboratorio sperimentale in cui il game artist si confronta sinergicamente con l’universo dell’architettura e del design. Archetipo o vernacolare, lo stimolo che l’artista riceve dal mondo reale viene filtrato in una rivisitazione scevra da vincoli e norme, e riproposto in una chiave etorotopica che potrebbe trovare posto non solo nella New Babylon di Costant, ma in mondi perfettamente reali resi tali dalla cura infinita dei dettagli estetici e simbolici. In questo senso il camino assurge a paradigma: in esso arde la fiamma di Hestia, la dea del focolare che rianima e riaccende lo spiriti. Per questo lo troviamo sempre nelle schermate in cui i personaggi devono affrontare importanti decisioni, o in luoghi di riposo e di conforto dalle battaglie. Ma il fuoco è anche il custode del potere e naturalmente il camino diviene potenziale scrigno di arcani e preziosi oggetti magici.

Baldur’s Gate 2. Cap. 2: la città di Athkatla. Gli avventurieri sono sfuggiti miracolosamente alla cattura di Irenicus ma lo scotto è alto.Imoen è stata catturata dagli stregoni incappucciati. Il tentativo disperato di ritrovarla inizia dalla passeggiata da Waukeen, cuore dei commerci e degli affari della città. Nella schermata i compagni di viaggio sono
impegnati a parlare con il padrone di una locanda. Sullo sfondo un confortante camino.

Baldur’s Gate 2:Gestito in una splendida veste grafica bidimensionale, narra del tentativo del figlio del dio Bhaal, di fermare il mago Irenicus. La schermata mostra il gruppo di avventurieri nella bottega del nano Cromwell, ubicata nel quartiere dei moli della città di Athkatla, intenti a farsi forgiare una potentissima armatura magica. In quest’armeria è infatti possibile ricostruire col fuoco e il martello del nano leggendari oggetti artefatti le cui parti sono sparse nel gioco. (Prodotto da Bioware. Distribuito da Halifax).

Dark Age of Camelot: è un gioco di ruolo (MMORPG) unicamente online ad abbonamento mensile. La storia narra della guerra tra i regni di Albion, Midgar e Hibernia dopo la morte di Artù. Nella schermata un particolare attrae l’attenzione: la curiosa la presenza di cristalli magici al posto della fiamma nel camino di questa locanda. Uno spunto interessante per un nuovo tipo di design! (Sviluppato da: Mithic. Distribuito da: Cto).

Gothic 2.: Capolavoro di grafica tridimensionale, è il secondo capitolo di una saga in cui la distruzione della barriera magica che separava la colonia mineraria dal mondo esterno apre un nuovo ed immenso scenario per entusiasmanti avventure. Nella schermata la fiamma di un imponente camino illumina la figura di un cavaliere circondandola di un’aura fiabesca. (Prodotto da Piranha Bytes. Distribuito da Atari).

Neverwinter nigths: Basato sulle regole D&D 3ed., questo prodotto è ben più di un semplice videogioco. In esso la possibilità di creare mondi, di diventare il master di una sessione multiplayer ondine. Nella schermata il personaggio principale, che affronta l’avventura in single player fornita nel gioco, sta parlando con la reggente della Torre Ammantata. Un suggestivo focolare esalta la magica atmosfera che si respira in questo luogo. (Prodotto da: Bioware. Distribuito da Atari).

Dark Age of Camelot: Il mondo in cui si svolge il videogioco è veramente immenso. Non solo dungeon sotterranei ma anche verdi ed aperte campagne. Nella schermata si intravede un camino all’aperto che ricorda inevitabilmente e con un po’ di nostalgia i barbecue estivi.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)