Love for tradition

Il fascino di questa vecchia cascina, situata in un’ampia valle piemontese, è rimasto inalterato. La passione dei proprietari per mobili e oggetti della tradizione si nota già dall’esterno della casa, ristrutturato lasciando intatti i muri in pietra, intonacati; le finestre abbellite da grate leggere in ferro battuto; il portoncino di ingresso in robusto legno con l’antico chiavistello; il tavolo in pietra grezza. Un particolare interessante è il collarino di intonaco bianco che fa da cornice alle finestre ed era già utilizzato nel ‘500 quando un rustico in pietra veniva trasformato in abitazione.

The charm of this old farmhouse, which is located in a large Piedmont valley, was kept unaltered: the owners’ passion for traditional furniture, which was restored keeping unaltered the plastered stone walls, and objects can be noticed from outside; The windows embellished by light wrought iron grilles; the small entrance door in solid wood with the ancient latch; the table in raw stone. An interesting detail is the white-plastered collar, which frames the windows and was already used in the 16th century when a stone farmhouse was turned into home.

Intonaci esterni contro l’umidità

In molte case rustiche d’epoca si presenta il problema delle murature umide (generalmente per l’acqua che risale dal terreno) con tutti gli inconvenienti estetici (muffe, distacchi di intonachi) e pratici (locali poco vivibili, fastidi fisici, danni alle cose). Per rimediare a questi problemi, sono stati studiati cicli di intonaci che, grazie alla loro formulazione, permettono di liberare i muri dall’umidità e di mantenerli asciutti definitivamente. Il ciclo Antol Risan (Torggler Chimica) rappresenta un metodo molto valido per il risanamento delle murature umide, grazie all’intonaco molto traspirante e idrorepellente che fa da “effetto spugna” attirando l’umidità contenuta nel muro e facendola evaporare, così che la superficie muraria sia asciutta e libera da muffe ed efflorescenze. Dopo aver staccato tutti gli intonaci preesistenti e aver messo a nudo il muro, si applica prima Antol Antisale, a base di resine silano-silossaniche, che forma una barriera contro i sali che l’acqua trasporta, poi si realizza il rinzaffo con Neoplast Latex dall’alto potere adesivizzante per permettere un sicuro aggancio di Antol Risan, che è il vero intonaco risanante, in spessore di 2 cm, a base di cemento, sabbia quarzifera, agenti aeranti e resine idrofughe: in tal modo l’umidità contenuta nel muro viene portata in superficie e fatta evaporare all’aria, senza lasciare nessuna traccia. Ovviamente la finitura estetica sarà anch’essa altamente traspirante (altrimenti vanificherebbe tutta l’azione del risanamento) con una pittura a calce all’interno e con spatolati minerali a base di calce all’esterno.

Outdoor damp proof plastering

Many period rural houses suffer from damp (usually due to water running up from the ground) and from all the aesthetic (mould, plaster coming off) and practical problems (rooms that cannot be lived in, physical problems and damage caused to furniture) related to it.
Plastering cycles have therefore been devised as a remedy to such problems. Thanks to their formula, walls are rid of damp for good, thus keeping them permanently dry.
The Antol Risan cycle (Torggler Chimica) represents an excellent way of curing damp, thanks to highly porous and water repellent plastering, which absorbs wall damp like a "sponge" and then lets it evaporate. As a result, wall surfaces keep dry and are mould and efflorescence free.
After peeling off the existing plaster down to the bare walls, a coat of Antol Antisale is applied first. It is a silane-siloxane resin based, and it builds up a barrier against salt transported by water. A rough coat is subsequently applied by means of Neoplast Latex, which is highly adhesive, thus ensuring Antol Risan setting, which is the real curing plaster. It is 2 cm thick and it consists of cement, quartz sand, aerating agents and waterproof resins: in so doing, wall damp comes up to the surface and evaporates in contact with the air without leaving any residues behind.
Aesthetic finishes will also be highly porous (or else the whole curing process would be to no avail) thanks to lime paint on the inside and lime based mineral spatulates on the outside.

Nella sala è stato mantenuto il vecchio soffitto relativamente basso che aveva anche la funzione di evitare dispersione
di calore, mentre il pavimento, originariamente in terra battuta è stato coperto da lastre di pietra. Tutto l’ambiente è letteralmente rivestito da antichi oggetti di lavoro e manufatti di antiquariato: in particolare un antico tornio per spremere l’uva, risalente all’800, in noce naturale, fa da colonna al centro del locale.

The almost low old ceiling was kept in the living room; it was also useful to avoid heat dispersion, while the floor,
which originally was in tamped earth, was covered with stone sheets. The whole room is completely covered by ancient
working objects and antiquarian goods: in particular, an ancient lathe to press grapes of the 19th century in natural
walnut is used as the central column of the room.

Lo studio ha un caldo pavimento in legno, mentre le pareti sono lasciate in pietra grezza. La scrivania è un tavolino
spagnolo del ‘700; sulle pareti e sul davanzale della finestra sono collocati una collezione di gnomi, tanti graziosi
oggettini, quadri e fotografie. L’ambiente è riscaldato da una stufa in ghisa posta al centro del locale. Da notare l’antico
armadio in legno e il baule con un delicato rivestimento a fiori.

The studio has a warm floor in wood, while walls are left in raw stone. The desk is a Spanish low table of the 18th century; a gnomes’ collection, many nice small objects, paintings and photos are positioned on the walls and the windowsill. The room is heated by a cast iron stove located in the centre of the room. To be noticed the old wooden cupboard and the trunk with soft flowered covering.

L’importanza della stufa

Da tempo immemorabile il riscaldamento della casa rustica è affidato alla fiamma, libera all’interno di un camino, soluzione immediata ma poco redditizia, o regolata nell’involucro di una stufa, ideale sistema per efficacia e rendimento: ancor oggi, pur con la presenza di validi impianti riscaldanti generali, una stufa è molto utile, oltre a rappresentare un valido elemento di arredo, per dare il giusto livello di calore nelle mezze stagioni o per scaldare solo le stanze dove si vive maggiormente o per aumentare l’efficacia di un impianto generale o, perché no, per provvedere da sola a scaldare tutta la casa; se poi è provvista di un vetro resistente al calore, che fa vedere lo spettacolo del
fuoco, aggiunge il pregio del camino alla sua alta resa. Due sono i sistemi di propagazione del calore: per convezione, ossia l’aria dell’ambiente viene aspirata dalla stufa e, scaldata, va a ricircolare nel locale, e per irraggiamento, ossia la stufa emette raggi infrarossi (come quelli del sole) che scaldano l’ambiente e le persone penetrando direttamente senza muovere l’aria. Il primo metodo è più rapido, quindi indicato quando si vuole far salire rapidamente la temperatura della casa, il secondo è più lento ma più efficace e più sano.

The importance of a stove

From time immemorial, rural houses have been resorting to fire as a source of heating, either by means of a fireplace,
which represents an instant but not too beneficial a solution, or by means of a stove, which is the better system in terms of efficacy and performance. Even nowadays, despite other heating systems currently available, stoves are still very useful as they provide the right temperature during midseason, or they can be used for heating up the rooms one
tends to live in most, for increasing the efficiency of a general system and why not, for heating up the whole house, as well as being nice items of furniture. They will also acquire the beauty of a real open fire in addition to their high
performance if coming with a heatproof glass screen that offers the fascinating sight of fire.
The propagation of heat occurs in two different ways: either through convection, namely the air is sucked in by the stove, it heats up and is then released inside the room again; or through radiance, namely the stove lets out infrared rays (just like sunrays), which will heat up the room and the people in it as they penetrate directly without moving the air. The first method is the quickest one, and it is therefore suitable when one wishes to heat up the whole house quickly, whereas the second one is slower but more efficient and healthier.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)