L’idea: arredare la casa con pezzi classici

Da quarantacinque anni la Ditta Leardini Luperio opera nel campo dell’antiquariato e si è specializzata, in particolar modo, nel recupero e nel restauro di elementi d’arredo (come cornici di camino, fontane, capitelli e statue), in marmo, pietra e tufo per interni e giardini. La favorevole posizione geografica di Verona e dintorni, tradizionalmente ricca di tali manufatti lapidei e l’intuizione del titolare di riproporre questi caratteristici oggetti antichi, unita all’attenta e continua ricerca di pezzi particolari, hanno contribuito a rendere unica questa collezione che comprende un vasto assortimento di camini italiani di varie epoche comprese tra il XVI e XIX secolo, camini francesi, statue, pozzi e vasche. Il recupero di materiali, come portali, colonne, pavimentazioni, cancelli consente di trovare pezzi di particolare interesse adatti a rinnovare o arricchire la propria abitazione.

Chi era Baccio Bandinelli
Baccio Bandinelli (Firenze 1488-1560) Scultore assai celebre nel suo ambiente, di carattere travagliato e difficile, fu grande appassionato del gusto classico. Protetto dalla famiglia nobile dei Medici, che lo chiamarono a partecipare alle più importanti imprese del tempo, come la statua di Ercole e Caco in Piazza della Signoria. Lavorò a Firenze e Roma, dove volle più volte competere con Michelangelo di cui sentì intensamente l’influenza divenendone imitatore e rivale. Nella seconda decade del ‘500 Bandinelli si dedicò anche al disegno e toccò alti livelli qualitativi raggiungendo considerevole reputazione (alcuni schizzi sono conservati agli Uffizi) tanto che raggruppò alcuni allievi e diede vita ad una Accademia del Disegno.

L’autore: Gustave Staal
Nato a Vertus nel 1817 e morto nel 1882 a Ivry. Francese. Ritrattista, disegnatore, pastellista, incisore. Allievo di Delaroche, entrò alla Scuola di Belle Arti nel 1838 ed espose al Salone di Parigi dal 1839 al 1872. Questa stampa è stata incisa da Staal probabilmente prendendo spunto da un’incisione con lo stesso soggetto di Enea Vico (artista parmense vissuto nel ‘500, conoscitore e riproduttore delle opere di Bandinelli e di altri maestri) databile intorno al 1531-1532.

I particolari
I pezzi antichi, le sculture, i calchi, gli scheletri ed i teschi erano solitamente destinati allo studio dell’artista in modo che, intesi come modelli da copiare, fossero di facile utilizzo per gli allievi e per il maestro stesso. L’ incisione mostra come nello studio gli apprendisti abbiano a portata di mano e ben visibili questi “strumenti didattici”. Durante la sua vita d’artista Bandinelli era stato insignito di un titolo nobiliare. Lo stemma può rappresentare il suo stato gentilizio legato alla città di Firenze (sullo sfondo infatti appaiono i gigli fiorentini) e sottolineare l’aspetto classicheggiante dell’opera. Alle spalle dei personaggi una lampada ad olio che era comunemente usata all’epoca per illuminare gli ambienti La sua posizione determina un effetto chiaroscurale che crea valori luminosi più intensi e più vari di penombra riflessa.

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)