Le vetrine e il percorso


ARTE MUSEO DIOCESANO DI LIVORNO

LE VETRINE E IL PERCORSO

Il percorso museale valorizza l’atrio monumentale e ricerca le trasparenze degli spazi. Gli infissi interni in legno sono
stati sostituiti da strutture metalliche dotate di ampie vetrature.
Lo spazio è stato concepito come una “lanterna magica” dove suoni, colori e un ricco apparato didattico invitano il visitatore a immergersi nel percorso museale.
All’interno della ex cappella sono stati posti quattro pannelli in cartongesso, ortogonali alle pareti, come continuazione delle paraste, che fungono anche da scansione che individua specifici ambiti espositivi: una soluzione progettuale che nasce anche dalla necessità di non interferire visivamente con gli scomparti dipinti con le effigi dei Santi Vescovi.
Le vetrine sono caratterizzate da un disegno sobrio ed essenziale: parallelepipedi con lastre di vetro portate fino a terra per permettere di annullare ogni barriera orizzontale tra visitatore e opera.
L’illuminazione a fibre ottiche permette di far risaltare le opere esposte. L’ambiente è lasciato in penombra e la luce è
modulata in rapporto al differente carattere di ogni oggetto esposto.
Le vetrine sono disegnate allo scopo di esaltare le opere d’arte.
Una luce morbida e uniforme accarezza la trama e i riflessi delle sete, dei damaschi e dell’oro dei tessuti; una luce più intensa enfatizza i singoli oggetti di pregio, quali quelli in argento. Tra opere esposte e sale si stabilisce un rapporto dialettico.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)