Laura Thermes


Un edificio può senz’altro possedere aspetti plastici, anche consistenti, ma tali valori non sono esattamente quelli espressi da una scultura vera e propria. In quelle che Germano Celant ha chiamato archiscultureintervengono infatti alcune circostanze che introducono in esse temi che non sono presenti nelle sculture propriamente dette.
Queste circostanze sono di tre tipi. Il primo discende dall’ abitabilità stessa dell’architettura. Questa essenziale componente dell’edificio, da intendere in senso lato, ma senza la quale esso non avrebbe motivo di essere realizzato, produce una serie di esigenze funzionali che si traducono in altrettanti segni, i quali entrano in una relazione complessa
e spesso conflittuale con il dato puramente volumetrico del manufatto. Sono, in modo particolare, le bucature che conferiscono a una costruzione un carattere seriale dando vita a una superficie fittamente strutturata che si distende sul volume contraddicendone fino in fondo l’unità concettuale ed estetica. Come se fosse tatuato il manufatto si ricopre necessariamente di una fitta trama di finestre, di fenditure, di brise-soleil, di tettoie, che sottraggono progressivamente chiarezza plastica all’insieme. Il secondo tipo di circostanza ostativa rispetto a una piena plasticità dell’architettura riguarda la dimensione tettonica dell’edificio. La macchina statica che consente la firmitas si esplica infatti in una successione di elementi portati, portanti e delle loro connessioni, anche minute e visibili solo a distanza ravvicinata.
Questo sistema di parti costruttive e delle giunzioni che le uniscono entra in collisione, anche in questo caso, con la forma del manufatto intesa come un involucro virtualmente astratto, continuo e soprattutto monomaterico.

Schizzi preliminari

Il terzo tipo di circostanze che si oppone alla totale identificazione di un edificio con una scultura si riconosce nelle logiche progettuali determinate dal contesto. Dovendo interagire con un sistema di tracce – preesistenze, percorsi, accessi, dislivelli – l’edificio finisce necessariamente con il contaminare la sua potenziale plasticità autonoma, accettando quei segni che permettono ad esso di relazionarsi con l’intorno. Sintetizzando quanto esposto finora, si può sostenere che l’essere l’edificio – in ogni caso – un corpo, esso consente senz’altro di essere composito, vale a dire fatto di parti avverse, ma solo fino al punto in cui questa molteplicità di elementi, di tessiture e di materie permette di riconoscerlo ancora come qualcosa di unitario e di omogeneo.

Edificio per uffici Kuboa Ravenna
Progetto, 1997 Franco Purini e Laura Thermes
Collaboratori Anne-Sophie Nottebaert, Simona De Giuli
Progetto esecutivo, 1998 Franco Purini e Laura Thermes
con arch. Carlo Maria Sadich

Collaboratori
al progetto esecutivo Walter Biancucci, Armando Casali, Roberta Barboni, Cristina di Vita
Realizzazione Impianti 2001-2005 fa Tau Engineering s.r.l., ing. Sergio Lupaccini
Strutture ing. Michele Tiberi
Costruttore Coop Village
Direzione dei Lavori Carlo Maria Sadich
Collaboratori DL Marco Turchetti, Ivan Larcher
Consulenza scientifica Francesco Moschini (A.A.M. Architettura Arte Moderna)
Committente Coop Village
Localizzazione Quartiere Anic – Ravenna
Pubblicazioni Casabella (solo progetto)
Paesaggio Urbano

Considerazioni analoghe a queste appena enunciate possono essere fatte sulla presenza nell’edificio di valori pittorici. In questo caso bucature, campiture materiche, eventuali scritte e insegne trasformano le facciate del manufatto in altrettanti quadri. Quadri in modo traslato, in verità, perché manca a tali segni un’autentica intenzionalità pittorica, anche perché essi sono il tramite di alcune funzioni e della loro comunicazione. In altre parole solo sul piano della pura analogia si può pensare a una facciata come a una tela.

Un’analogia che è sicuramente importante, ma che non può in alcun modo superare i vincoli di un’allusività tematica e di parallelismo metaforico, senza poter stabilire una vera somiglianza strutturale. Da ciò che si è detto in questo paragrafo risulta che l’ artisticità dell’architettura non può che essere un’ artisticità ibrida,nella quale gli aspetti plastici e pittorici sono attraversati, riequilibrati e contraddetti da fattori eminentemente costruttivi, nei quali gioca un ruolo determinante la scala costruttivadi un edificio, sempre rilevante per grandezza e complessità se paragonata ad esempio a quella della scultura.

Nell’ Edificio Kubodi Ravenna, un piccolo volume per uffici progettato con Franco Purini nel 1997 e ultimato nel 2005, le tematiche esposte all’inizio di queste note sono trattate in modo diretto e con una esplicita intenzionalità dimostrativa. In esso i valori plastici convivono con quelli architettonici riportandosi comunque alla natura del fatto costruttivo, in un’attenta ricerca di una nuova formulazione della specificità dell’azione edificatrice. In questo senso ciò che si è cercato
di esprimere è la compresenza di una pluralità di dimensioni figurative nel tentativo di intercettare e di rappresentare i confini tra linguaggi contigui ma autonomi.

Unicam - Sito ufficiale
www.archeoclubitalia.it
Archeoclub d’Italia
movimento di opinione pubblica
al servizio dei beni culturali e ambientali

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)