La tecnologia del fuoco per l’impianto di riscaldamento

Aria e acqua calda a volontà

La trentennale esperienza di Jolly–Mec ha consentito ai camini combinati, serie Combi, di arrivare oggi ad un alto livello di perfezionamento. La peculiarità del prodotto consente di combinare due sistemi di alimentazione: l’economicità della legna e l’automatismo del gas. Combi aer system si adatta ad ogni tipo d’impianto ed è stato pensato per tutte quelle situazioni in cui può essere problematico ricavare il locale-caldaia, come ad esempio appartamenti ristrutturati, case di montagna, prima e seconda casa, ambienti pubblici. Funziona a gas come una caldaia o a legna come un camino: una volta installato è facilmente attivabile. Il camino Combi aer system, è un monoblocco, costituito da uno scambiatore di calore ad aria calda in acciaio speciale a doppia parete sagomata e trattata internamente.
Nell’intercapedine della parete è immessa aria forzata, scaldata e umidificata, che viene distribuita uniformemente nei locali. È coibentato con 5 cm di lana di roccia e un mantello in lamiera zincata. Tra le sue caratteristiche: l’umidificatore incorporato che consente d’immettere nell’ambiente aria umidificata e di diffondere gli aromi di essenze balsamiche e la possibilità di aggiungere un’apposita cappa boiler per la produzione d’acqua sanitaria calda sfruttando il calore dei fumi o in alternativa l’energia elettrica. La Cappa Boiler è fornita di una serpentina elettrica che consente di riscaldare l’acqua in estate (come un qualsiasi scaldabagno elettrico) con un kit idraulico completo dei dispositivi di sicurezza, quali valvola di scarico termico, valvola di sicurezza 4 ate (da non collegarsi allo scarico), caricamento automatico e termoidrometro. Nei periodi invernali in cui non viene utilizzata è possibile svuotare totalmente la Cappa Boiler in modo da evitare problemi di gelo. La capacità della Cappa Boiler è di 60/90 litri d’acqua, che può essere riscaldata ad una temperatura di 60/70°C in 40/60 minuti a seconda del tipo di camino a cui è abbinata. Per quanto riguarda l’inserimento nell’ambiente, Jolly–Mec ha un ampia scelta di finiture. (R.G.)

Intorno al camino il calore del legno
L’evoluzione delle tecniche di lavorazione delle diverse essenze legnose consente di realizzare una serie di prodotti in grado di soddisfare un’ampia gamma di applicazioni che portano il calore della natura all’interno della casa. Un esempio? Dall’esperienza del Centro Affari Veneto è nata una pavimentazione prefinita in legno naturale che si caratterizza per l’esclusiva finitura al naturale (disponibile in tre essenze: quercia, abete, larice) e per le notevoli dimensioni che vantano una larghezza variabile da un minimo di 18 cm a un massimo di 38 cm ad una lunghezza di 5 m. La stabilità della tavola è garantita da uno strato speciale in compensato marino.

NEWS

STUFE D’AUTORE
È ormai giunta alla 42esima edizione la Mostra della Ceramica (dal 24 agosto al 15 settembre 2002) di Castellamonte un importante appuntamento che la città rinnova ogni anno per continuare a mantenere viva la tradizione castellamontese, e offrire un occasione riscoprire la città e il territorio del Canavese, luoghi particolarmente ricchi di spunti culturali ed enogastronomici. Lungo un percorso che presenta una vasta esposizione di opere artigianali di artisti e artigiani locali, si accede a quattro eventi espositivi. Tra questi segnaliamo il tema del fuoco che ha luogo nella suggestiva Rotonda Antonelliana (per saperne di più sull’edificio rimandiamo a un approfondito servizio pubblicato in MUSEUM GENIUS LOCI, n.15, in CHIESA OGGI architettura e comunicazione, n. 37, DI BAIO EDITORE) dove saranno presentate dodici colonne cave, in materiale trasparente ed alte circa 14 metri alla cui base saranno posti alcuni esemplari di “Stufe d’Autore” firmate da grandi artisti. Alla sera i giochi ascensionali dell’aria calda saranno coreograficamente messi in rilievo da allestimenti luminoso. Altro punto d’attrazione della mostra sarà il monumento alla stufa firmato da Ugo Nespolo, una stufa, appunto, in ceramica, di tre metri di lato e circa otto d’altezza, vero simbolo maestoso della tradizione della tradizione artigiana che farà da richiamo in piazza della Repubblica. Numerose le iniziative collaterali come concerti, spettacoli mostre e un convegno dedicato alla stufa, oggetto di riscaldamento ma anche fonte di calore sicuro, economico e rispettoso della natura.

UN GRANDE SUCCESSO
Oltre 30.000 visitatori (20.436 nel 2000) di cui circa un migliaio stranieri (204 nel 2000) hanno visitato i padiglioni della Fiera di Verona in occasione della terza edizione di Progetto Fuoco, rassegna leader mondiale di apparecchiature per l’energia e la combustione di legno. “Grande soddisfazione tra i 330 espositori giunti da 16 paesi, commenta Giampiero Paltrinieri, Presidente CEAR (Consorzio Energia Alternativa per il riscaldamento), anche perchè il mercato sta finalmente prendendo coscienza del valore della legna come combustibile ecologico e alternativo a gasolio e metano”.

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)