La magia del colore

Poche sono le piante in natura che fioriscono durante le quattro stagioni e che danno la possibilità di godere di magnifiche forme e colori durante tutto l’arco dell’anno. Portatori di tale virtù sono i bulbi a fioritura estiva, dalle diverse forme e con una vasta gamma di profumi e colori. I bulbi non hanno un habitat preferito e possono facilmente crescere vicino ad altre piante, l’importante è che vi sia un buon drenaggio.

Un giardino fiorito, pieno di colori e del profumo dei fiori, è un sogno comune a cui molti rinunciano intimoriti dall’impegno e dall’esperienza richiesti. In realtà, rendere uno spazio verde un’esplosione di colori, non è un sogno impossibile
soprattutto se si scelgono i bulbi a fioritura estiva, che sono particolarmente semplici da coltivare, che necessitano di poche cure e che consentono risultati sicuri. La parola magica per trasformare un giardino è “COLORE”.
I colori, infatti, e soprattutto il modo in cui vengono utilizzati ed accostati agli altri elementi della progettazione (forme, linee e simmetrie), è determinante, può contribuire a sottolineare particolari piante, a delimitare aree attrezzate e, addirittura,ad “ ingrandire o rimpicciolire” volumi e spazi. Con i bulbi a fioritura estiva è possibile ottenere effetti cromatici particolarmente scenografici: le bulbose estive sono, infatti, disponibili in quasi tutte le tinte, dal rosa al blu, dal giallo al rosso, dall’arancione al marrone, al beige, al bianco, ecc…

Quando il giardino è lungo e stretto è possibile “allargarlo” mettendo a dimora bulbi da fiore con colore pastello come il rosa, l’azzurro, il salmone e l’albicocca. Se poi il giardino presenta asperità o rialzamenti, piantando bulbose dal colore bianco si può creare un effetto spazio-aperto. Tra i bulbi a fioritura estiva più adatti ad ottenere l’effetto di
ampliamento, ci sono i ranuncoli azzurri, le Begonie rosa e le Calle bianche. Quando il giardino è particolarmente grande, ci si può divertire a creare macchie di colori, usando tonalità come il rosso, l’arancione, il giallo, il viola ed il blu.
Chi, invece, ama le atmosfere di un tempo, può divertirsi a ricrearle abbinando Iris blu e Dalie nane gialle. Dopo aver deciso la tonalità predominante, è necessario studiare dove mettere a dimora i bulbi da fiore. Una regola generale è mettere a dimora i bulbi secondo l’altezza ed il colore: se si vuole allargare lo spazio e focalizzare l’attenzione sul
colore, bisogna posizionare i fiori più bassi e più chiari davanti, seguiti da quelli di media altezza e di colore brillante ed, infine, quelli più alti e dalle tonalità più accese. Viceversa, se si desidera focalizzare l’attenzione sugli spazi, i fiori più bassi dovranno avere i colori più accesi e quelli più alti dovranno essere scelti in tonalità più chiare, in modo da enfatizzare i volumi. Ogni giardino ha una sua personalità dovuta all’abilità dell’architetto paesaggista che l’ha progettato, alla sensibilità del proprietario o più semplicemente al clima del luogo, allo spazio a disposizione,
al tipo di terreno, o all’esposizione, ecc…
In ogni caso non potranno mancare piante, alberi, arbusti e siepi che serviranno a creare lo sfondo perfetto da arricchire con i colori dei fiori. Grazie alle bulbose, particolarmente facili da coltivare, anche i giardinieri meno abili possono ottenere risultati di grande effetto.

Appunti
Colori del giardino & personalità del giardiniere
Il colore è uno degli aspetti fondamentali del giardino e le tinte sono, evidentemente, una delle componenti che maggiormente contribuiscono a colorarlo. Attraverso le tonalità scelte possiamo intuire la personalità di chi ha creato e di chi lo vive.
– una personalità vivace e allegra, spensierata e disinvolta amerà sicuramente circondarsi di tinte forti come il rosso, il giallo e l’arancio. Per questo motivo i suoi colori preferiti compariranno nel suo giardino, attirando l’attenzione. Con quali bulbose? Con lilium, tulipani, gladioli e begonie.
– una persona calma e riflessiva, che comunica serenità interiore, preferirà le tonalità di azzurro e di blu. I suoi fiori preferiti saranno l’agapanto, la scilla e le freesie a fiore lilla chiaro.
-le persone più sensibili e bisognose di tenerezza sceglieranno il bianco delle calle, dei lilium e dei gladioli.
– i romantici, che amano sognare, scegieranno il colore rosa. Questa tinta delicata accompagna gli altri colori
creando accostamenti magari insoliti ma sempre gradevoli. Spendidi in questa tonalità il gladiolo, il lilium, l’agapanto e le dalie autunnali.

I bulbi a fioritura estiva, provenendo da regioni sub-tropicali, amano le temperature calde e l’umidità. Per questo devono essere piantati in primavera per sbocciare nel periodo invernale. Per godere della loro fioritura anno dopo anno devono essere estratti dal terreno e messi al riparo in un luogo asciutto per tutto l’inverno, nei luoghi dove gli inverni sono miti è possibile lasciarli nella terra coprendoli per proteggerli dal freddo.

A blooming flower garden, full of colour and perfume from the flowers, is a dream of many. But many are afraid of the responsibility and experience needed. In reality, to make an area green and to have an explosion of colour isn’t an impossible dream especially if you choose summer bulbs that are particularly simple to plant, that need little care
and consent positive results. The magic word to transform a garden is “COLOUR”. Colour is the main way to match other elements of the projection (forms, lines and symmetry), it can determine, it can contribute to underline particular plants, to delimit areas that are equipped, or to magnify or make smaller. With bulbs it is possible to have a chromatic effect that is particularly scenic: summer bulbs are available in all colours from pink to blue, from yellow to red, orange to brown, beige, white, etc When a garden is long and narrow it is possible to widen it by planting pastel coloured bulbs such as pink, blue, salmon and apricot. When the garden has started reviving, plant white bulbs that create an open space effect. Among the summer flowering bulbs that amplify the effect, there are blue ranuncolis, pink Begonias and white Calla lilies.

When the garden is particularly large, you can have a good time by creating lines of colours using tonalities such as red, orange, yellow, violet and blue flowers. For people that prefer an atmosphere of the past, a good time can be had by recreating and matching a combination of blue Iris and yellow dwarf Dahlias. After deciding on the predominant
tonality, it is necessary to study where to plant the bulbs. Generally bulbs are planted according to height and colours: if you want to widen the space and focus the attention on the colours, it is necessary to position the lowest and lightest coloured flowers in front, followed by the average heights and brighter colour, in the centre the taller and brighter coloured tonalities.

IL GIARDINO IN CITTÀ
Generalmente è un piccolo spazio regolare, circondato da case, dove diventa importante creare un pò di privacy, con
staccionate o siepi di tasso sempreverde. La struttura verticale delle pareti del perimetro offre la possibilità di realizzare gradoni e aiuole rialzate, sorrette da muri o da siepi regolari. Secondo il punto di osservazione, la vegetazione potrà essere vista dall’alto oppure a filo dello sguardo. Se possedete un giardino di questo tipo e
decidete di giocare con le tonalità del rosa, potete scegliere i giacinti selvatici rosa da far sbocciare tra il fogliame
dell’Euonymus fortunei “Vegeta”, oppure Anemone coronaria “Sylphide” e fiori di Phuopsis stylosa.
IL GIARDINO FORMALE.
Le aiuole del giardino formale, poste su livelli differenti, ospitano vegetazioni che sopportano il sole perché le presenze arboree sono poche. Adatti a questa soluzione i Narcisi arancio “Orangery” a coppa piccola accostati a crocus “Princes beatrix” dalle delicate ma longeve candide fioriture oppure qualche Fritillaria imperalis “Maxima
Lutea” (che fiorisce in giallo oro su steli alti fino a 80 cm) accanto ai quali formare un tappeto di Anemone blanda
“White Splendour”. Un altro accostamento molto gradevole è quello dei Tulipa “Angiela” con i Crocus “Pickwick”.
IL GIARDINO INFORMALE
E’ caratterizzato dalla presenza di grandi alberi, come betulle e conifere, accostate a grandi masse arbustive di
rododendri, azalee, cornus, viburnum e ortensie. Garofanini dei poeti, violette e viole del pensiero multicolori, miscelate con Armeria maritima e Lychnis coronaria, si possono vivacizzare con i fiori delle bulbose primaverili.
Con i muscari e i giacinti a spiga blu si possono creare soffici nuvole alla base dei sempreverdi oppure, dove i raggi
del sole sono più intensi, potete mettere a dimora: Gladiolus communis byzantinus (un gladiolo spontaneo
del sottobosco) e Geranium psilostemnon.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)