La Madonna del Sansovino e il campanile di San Marco a Venezia

LA MADONNA DEL SANSOVINO E IL CAMPANILE DI SAN MARCO A VENEZIA
L’11 luglio 2002 è stato presentato a Venezia, presso la Basilica di San Marco, il restauro della Madonna del Sansovino, che fu danneggiata dal crollo del campanile di San Marco, il 14 luglio 1902. CHIESA OGGI architettura e comunicazione si è fatta promotrice del convegno, della commemorazione del crollo e della ricostruzione del campanile.

Ricostruzione al computer del volto del Battista, nel gruppo scultoreo del Sansovino.

Al convegno hanno partecipato: Mons. Giuseppe Visentin,Vicario Genarele della Diocesi, in rappresentanza del Patriarca S.E.R. Mons. Angelo Scola, P. Angelo Maria Caccin, Mons. Dr. Antonio Meneguolo, D.ssa Giovanna Nepi Scirè, Soprintendente al Polo Museale di Venezia, Arch. Ettore Vio, Proto della Basilica di San Marco, Prof. Irene Favaretto, l’Arch. Gjlla Giani, Direttore del settore Restauro e Patrimonio Culturale Di Baio Editore e l’Arch Giuseppe Maria Jonghi Lavarini, Direttore Responsabile di CHIESA OGGI architettura e comunicazione. P. Angelo Maria Caccin ha rievocato il momento drammatico del crollo e la rapida mobilitazione della città: “La sera stessa si riunì in seduta straordinaria il Consiglio Comunale. Il sindaco Filippo Grimiani senza incertezze lanciò la parola d’ordine: riedificazione!”. Il centenario è stato ricordato nella sua giusta prospettiva: l’orgoglio per questo elemento fondamentale della storia di una città simbolo dell’Italia dell’ar te, come ha detto l’Arch. Gjlla Giani. Il minuzioso restauro della Madonna sansoviniana è stato attuato con competenza esemplare. Aspetto centrale è stata la perdita della figura del Battista fanciullo, perno di tutta la composizione scultorea. L’Opificio delle Pietre Dure ha ipotizzato la sua ricostruzione, con l’aiuto di avanzatissime tecniche informatiche. Ora la composizione scultorea verrà affidata al Museo diocesano, che allestirà una sala apposita. Con la restituzione della Madonna sansoviniana, fortemente danneggiata dal crollo del campanile, si può dire che la ricostruzione dell’emblema veneziano sia giunta a compimento.

Ettore Vio: così è rinata la Madonna sansoviniana
Il 14 luglio 1902 alle 9,50 di mattina, un lunedì, il campanile di San Marco cedette, ripiegandosi su se stesso, riempiendo di detriti la piazza San Marco lacerando solo una campata della libreria Marciana, troppo vicina al campanile per non averne danni. La Basilica fu salvata, i blocchi di pietra d’Istria della cella campanaria furono trattenuti dal tronco di colonna di porfido “la pietra del bando” all’angolo sud-ovest della Basilica. Lo sgomento della città fu vivo: si lesse nel crollo di quell’edificio simbolo l’ultimo significativo pesante segno della fine della Serenissima. La popolazione tuttavia era pervasa dallo spirito nuovo che mano a mano si era diffuso in tutti gli strati sociali della possibile rinascita di Venezia. L’epoca era di euforia e speranza che il crollo del campanile non fermò. La ricostruzione risultò dalla sinergia di tante differenti volontà, tra tutte, quella popolare. Con quest’atto i segni della passata grandezza, che si salvarono nel crollo, ripresero il loro posto in un’opera rinnovata, voluta e realizzata con il sacrificio di tutti. Non fu una banale ripetizione del campanile “com’era dov’era”, ma espresse la volontà di mantenere saldi gli effetti urbani, le funzioni e il significato edilizio di un oggetto presente da sempre nell’immaginario collettivo e nella realtà di Venezia. Il restauro della Madonna del Sansovino si colloca in questo contesto, essa era il segno prezioso che illuminava l’aula della loggetta del Sansovino ai piedi del campanile, destinata all’inizio alle riunioni del Consiglio dei X e dei Procuratori De Supra. La paziente opera di Pietro Zei, dal 1902 al 1903 ricompose gli oltre 1400 pezzi in cui si era frantumata nel crollo. L’Opificio delle Pietre Dure di Firenze dai cui laboratori nasceva lo Zei, riprese in mano nel 1955 la prima ricostruzione a causa del deperimento del gesso che connetteva i frammenti recuperati. Nel 1997-2002 il successivo terzo restauro dell’Opificio riduce e protegge il cemento del secondo intervento, ricompone la mano, il piede e il volto della Madonna, protegge e valorizza la doratura originaria riapparsa su molte parti della statua. La collaborazione dell’Istituto Centrale del Restauro consente attraverso tecniche di rappresentazione 3D di studiare una possibile ricostruzione del San Giovannino definitivamente perduto. Nell’occasione delle celebrazioni del centenario della caduta del campanile, la Procuratoria di San Marco mostra nella loggetta il gruppo di terracotta dorata nel suo splendore. Essa oggi è il segnale più profondo della continua attenzione di Venezia verso il suo passato. E’ la certezza della venerazione di tutti verso la Vergine Madre di Dio che continua, presente ancor oggi ad assicurare la città del suo amore e protezione. Dalla sua veste lacerata, dai frammenti delle parti ricomposte emana attraverso la recuperata doratura una luce intensa che scalda ogni cuore. Rappresenta la fede dei padri che si rinnova alimentando la speranza nel futuro.

Arch. Ettore Vio Proto della Basilica di San Marco

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)