La grande vetrata sul prato fiorito


A Melbeck, nella pianura della Germania del nord

Von Gerkan, Marg und Partner hanno reinterpretato, con la schiettezza della composizione, per linee geometriche, la tradizionale abitazione rurale

Von Gerkan, Marg und Partner have reinterpreted the traditional country house using a straightforward
geometric design

Progetto di: Von Gerkan, Marg und Partner
Servizio e testi di: Leonardo Servadio

Nelle campagne tedesche, spesso si incontrano alte intelaiature, gabbie che si presentano come muri che si ergono liberi nelle pianure e contengono le messi che si stanno essiccando al sole: hanno la funzione dei covoni. Questa casa progettata de Von Gerkan, Marg und Partner, uno dei maggiori studi di architettura tedeschi, si imposta lungo una gabbia strutturale simile a quelle intelaiature. La gabbia percorre la linea mediana dell’edificio dividendolo in due parti: a nord il volume che dà verso la strada (e che contiene un solo livello), a sud un volume maggiore ospita due livelli e
guarda verso un ampio prato cosparso di bianchi crochi, che si estende fino a uno stagno.

In the German countryside, you often come across tall upright structures or cages. Rather like haystacks, they contain the harvest which has been set to dry out in the sun. This house designed by Von Gerkan, Marg und Partner, one of Germany’s foremost architectural studios, positions itself along a cage similar to these structures. The cage runs down
the middle of the building and separates it in two parts: to the north is the volume that looks onto the street (and contains only one floor), to the south is a large volume with two levels that looks onto a large meadow dotted with white saffron, and goes all the way down to a pond.
The house has been designed using simple lines. ‘For me,’ writes Von Gerkan, ‘the project for a house is like a game, only it has certain rules. And I think the first rule of the game is geometry’.

La facciata sud è totalmente vetrata e guarda sul prato dove fioriscono i crochi bianchi. In fondo al prato si trova uno stagno con i pesci. La casa sorge in un villaggio agricolo nella zona di Amburgo.
A sinistra dall’alto: la facciata d’ingresso, schermata da listoni lignei; l’accesso al cortiletto dalla strada.

Più che la forma o il contenuto è la possibilità e la qualità della transizione, fisica e visiva, quel che influenza un’architettura. E qui si passa dalla campagna al prato, dalla chiusura alla luce.

La facciata sud che dà verso il prato: nell’ombra della sera, l’illuminazione interna consente di evidenziarne la trasparenza totale. L’edificio si imposta su un elemento mediano che lo attraversa longitudinalmente e sporge
in alto sulla copertura, dividendolo in due parti, anteriore (verso nord) e posteriore (verso sud).
Nella parte anteriore dispone di un livello, nella parte posteriore i livelli sono due. Il prato è quattro gradini più in basso della strada.

La casa è disegnata secondo linee semplici. “Per me – ha scritto Von Gerkan – il progetto di una casa è come un gioco, ma retto da certe regole. E credo che la regola prima del gioco sia la geometria”. Certamente, nella realizzazione del progetto, la collaborazione già stabilita in precedenza tra progettista e committente, per la costruzione dell’ambulatorio medico di quest’ultimo, ha avuto un ruolo importante. Melbeck è un paese agricolo, nella campagna della zona di
Amburgo. Il profilo dell’edificio, con il tetto a due spioventi di altezza differente, non risulta per nulla estraneo a quello delle case rurali tipiche della zona. Ma il disegno è reinterpretato secondo canoni contemporanei e soprattutto
informato all’orientamento solare. Così la facciata nord, verso la strada, risulta totalmente opaca, chiusa da una controparete esterna in listoni di legno: e lo stesso vale per le parti laterali verso est e verso ovest. La facciata verso
sud invece è totalmente aperta da vetrate a tutta altezza, sia al piano basso, sia al piano alto: in tal modo la comunicazione tra il prato retrostante e la casa è totale. Due lunghi e bassi edifici sono disposti ai due lati della casa.

There is no doubt that for the implementation of the project, the working entente that had already been established between designer and customer – for the construction of a clinic – was of fundamental importance. Melback is a farming town in the countryside around Hamburg. The profile of the building, with its double-pitched roof of differing heights, is by no means unusual for country homes of this region. But here the design has been reinterpreted using contemporary
canons and with apposite solar orientation. This means that the north side, towards the street, is completely veiled and closed by an external counter wall made of wooden planks. The same goes for the east and west sides. The south side,
by contrast, has full-height windows both on the lower and upper floors. This makes communication with the meadow at the back of the house absolute. Two long and low buildings have been built on either side of the house.

La luce si diffonde secondo le linee dell’orditura ortogonale dell’edificio e ne amplia le prospettive interne in tutte le direzioni, conquistando così nuova libertà di movimento.

Dalla hall di ingresso,
quattro gradini portano
al salotto. Le pareti laterali
scorrevoli consentono di
unire questo ambiente
a tutti gli altri ambienti
del piano te
rra.
Sopra, un particolare
dei bagni al piano superiore
e della scala che a questo
conduce.

Ospitano il garage e il deposito degli attrezzi. Sotto il profilo compositivo essi proteggono e definiscono la proprietà sui lati e accompagnano il movimento di chi entra, così che la vista non si arresti alla facciata, ma s’inoltri verso il retrostante giardino. L’intelaiatura strutturale che attraversa longitudinalmente l’edificio ha una profondità di un metro e mezzo. Al di qua di questa, dalla hall di entrata si accede alla zona della cucina e dei servizi, al di là di questa si scendono quattro
gradini e ci si trova nella zona giorno: una serie di ambienti divisi da pareti scorrevoli, alla giapponese. Al piano superiore stanno gli ambienti per la notte.

La hall di entrata, luogo
di raccordo per tutti gli
ambienti della casa: riceve
luce dal lucernario
superiore e dalla facciata
vetrata in fondo alla quale
si intravede lo stagno. Sulla
destra la scala del primo
piano. Le porte sono tutte
scorrevoli, secondo
lo stile giapponese.

Vista notturna dallo stagno

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)