L’ora del tè, piccola gioia quotidiana

di Claudia Molteni, architetto

Risale all’epoca dei Ming, in Cina, l’uso di far macerare le foglie del tè in acqua già bollita (prima le foglie venivano bollite con l’acqua): si adattarono a questo scopo brocche da vino, simili alle attuali teiere. Nel ‘700 un servizio da tè completo includeva dodici tazzine con piattini, lattiera, zuccheriera, tazza per i fondi, vassoietto per il cucchiaio, teiera, sottoteiera, scatola per il tè, brocca d’acqua calda; c’erano poi i cucchiaini, i colini, i coltellini, le forchettine per le paste, le palette da torta, i piattini da focaccine. Attualmente si è decisamente meno formali, ed il servizio da tè è meno complesso, in compenso vi è una grande varietà di forme e colori, in modo tale che teiera e tazzine si adattino all’arredamento della casa o semplicemente ci piacciano particolarmente. L’afternoon tea può essere un piacevole momento informale, dove si chiacchera tra amici davanti ad una tazza di tè ed una fetta di torta, oppure essere un invito più elaborato, che comprende tre portate di cibi salati e dolci. Il tè nel mondo si beve in modo molto differente. In Cina si bevono soprattutto tè verdi e aromatizzati e tradizionalmente il tè si prepara nel guyan, una tazza coperta. In Giappone la Cerimonia del Tè faceva parte della filosofia Zen; il tè più bevuto era quello verde, a cui si è affiancato il tè nero da una decina di anni. In Marocco il tè è servito in bicchieri posati su un vassoio d’argento; è compito degli uomini versare il tè usando una teiera dal lungo becco. Nel Regno Unito il tè è ancora la bevanda nazionale (l’inglese medio beve 3,32 tazze al giorno), ed i britannici hanno insegnato a bere il tè a tutta Europa, Nuova Zelanda ed Australia.

Il tè fu portato in Europa nel XVII secolo. Il suo successo fu immediato in tutte le classi sociali, anche se non era ancora una bevanda quotidiana, perchè costosa. Ora il momento in cui si beve il tè è un momento di relax, ed anche se noi occidentali non lo consideriamo un vero e proprio rito, è sicuramente un’occasione piacevole.

1. La teiera pirofila “Mildred” di Laboratorio Pesaro unisce la particolarità del design alla funzionalità: può essere posta direttamente sul calore ed ha il manico isolante; la teiera costa da € 40,80 L. 79.000.
2. Una nuova eleganza formale con il set “Moonlight” teiera, lattiera e zuccheriera, realizzate in lega argentata a forte spessore. Il set, prodotto da Mesa, costa € 925,49 L. 1.792.000.
3. Bella, tradizionale ed elegante, la ceramica inglese è intramontabile nelle varianti blu o rossa, dipinta con decorazioni floreali e scene rurali; è prodotta da Churchill.

“I bollitori” ovvero…
L’acqua per fare il tè deve essere bollita; nati per questo scopo sono i bollitori, funzionali perché ci avvisano con un fischio o uno scampanellio che l’acqua è pronta, e belli da vedere. La nascita del tè sembra legata proprio a dell’acqua bollita, come narra un’antica leggenda cinese. Sembra che l’imperatore Shen Nung (2737 a. C.) per motivi d’igene bevesse solo acqua bollita; un giorno era seduto sotto un albero di tè selvatico, da cui caddero alcune foglie nell’acqua che stava facendo bollire: l’imperatore trovò quell’infuso delizioso. Nell’immagine sotto “Botero” di Bugatti e “Victoria” di Frabosk.

1. L’allegria del carnevale con tanti coriandoli colorati nel servizio da tè “Rio”, prodotto da Arthur Wood; la teiera da sei tazze costa € 48,03 L. 93.000.
2. Per chi ama coccolarsi in solitudine con una tazza di tè fumante: “Tea for one” unisce teiera e tazza in porcellana in un unico elemento elegante che si sdoppia al momento di bere il tè. Prodotto da Taitù costa € 48,54 L. 94.000.
3. I colori dell’autunno per il servizio “Mediterraneo” che propone ICC: melograni, uva, fichi, pere, more e pesche decorano con eleganza tazza, barattoli e teiere dalle forme quadrate. La tazza da tè costa € 17,76 L. 34.400.

Pasticcini per il tè
Servire il tè con dei pasticcini fatti in casa è un vero piacere per i golosi. Prestige propone lo “Sparabiscotti”, pratico e facile da usare, completo di ricettario, per realizzare velocemente tanti biscotti dalle forme diverse. Se invece si preferisce il metodo più tradizionale c’è la confezione di cento tagliabiscotti Roshco, formine coloratissime con soggetti tematici che variano dagli animali, ai numeri o lettere, a temi a sorpresa. Entrambi costano circa € 15,5 L. 30.000.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)