Italpool

Realizzazione: Italpool – Chieri (TO)
Progettazione architettonica
e direzione lavori:
Guglielmo Marchetti, architetto
Testo: Walter Pagliero
Foto: Manuela Cerri

Era il giardino di un amministratore di Casa Savoia che nel ‘700, venuto in possesso di quest’area collinare, vi ha costruito una graziosa villa in stile barocco con timpano a mezzaluna (vedi foto a sinistra). Il giardino nei secoli ha subito vari rimaneggiamenti, l’ultimo dei quali è consistito nell’inserimento di una sobria e bella piscina progettata dall’architetto Guglielmo Marchetti di Torino e realizzata dalla Italpool di Chieri. A questo proposito l’architetto precisa: "Questa parte di collina anticamente era chiamata "le vigne" per la grande coltivazione che la caratterizzava. La sistemazione del giardino con grandi alberi secolari risaliva ai precedenti proprietari, io ho dovuto progettare la piscina ex novo cercando di inserirmi in un contesto storico senza disturbarlo. C’era un largo prato al di sotto di un sentiero, abbellito da un pergolato di rose, che portava a un belvedere: era il posto ideale per una piscina inserita nel verde.

Dati tecnici e descrizione vasca ed impianti tecnologici

– Tipologia e dimensioni
Piscina rettangolare dim. mt 14.00 x 6.00 x h. 1.20 ÷ 2.40 con zona idromassaggio e scala di accesso semicircolare, con sfioro a cascata nel lato lungo a valle.
– Struttura piscina
In cemento armato rivestito con mosaico in vetro costituito da tessere quadrate bisellate, l’accessoristica interna della
piscina è tutta in acciaio inox.
– Impianto di ricircolo e filtrazione
Il ricircolo dell’acqua è a sfioro a cascata realizzando così una depurazione ottimale dello specchio d’acqua abbinato
ad un suggestivo effetto estetico che si può godere dall’interno della vasca. L’acqua una volta depurata viene reimmessa da 7 immissori a parete in acciaio inox.
-Dati tecnici impianto di filtrazione
-N° 1 filtro con fasciame alto e letto granulare multistrato con valvola selettrice, portata: 22 mc/h, ad elevato rendimento per un ricircolo completo dell’acqua in sole 7.5 ore
-N° 2 pompa di ricircolo in Noryl rinforzato completa di prefiltro da 0.75 kW. L’impianto è completato da un sistema di trattamento chimico dell’acqua alternativo al cloro a base di un prodotto che libera ossigeno attivo e disinfetta.
Con questo sistema si ha una disinfezione ottimale con un benessere ed un piacere unico per i bagnanti.

– Impianto idromassaggio
n° 2 postazioni ognuna composta da:
n° 3 bocchette idro a parete in acciaio inox
n° 1 bocchetta idro a pavimento in acciaio inox
n° 1 comando pneumatico bordo vasca.
– Illuminazione
N° 3 fari subacquei da 300 W in acciaio inox per l’illuminazione generale della vasca e n° 2 faretti da 100 W in acciaio inox per la zona idromassaggio, per dare un maggiore risalto allo specchio d’acqua in contrasto con l’illuminazione dell’ambiente.
– Climatizzazione
Realizzata per mezzo di impianto a pannelli solari con riscaldamento diretto dell’acqua di piscina integrato, per un migliore mantenimento del calore dell’acqua, da una tapparella di copertura subacquea automatica.

Progettazione ed esecuzione impianti tecnologici piscina e idromassaggio, impermeabilizzazione e trattamento acqua: ITALPOOL – CHIERI (TO)

Godendosi da questo giardino un’incomparabile vista sulla città di Torino, ho curato che anche dalla piscina si vedesse questo insolito panorama, esattamente sotto il suo lato lungo verso valle dove c’è lo sfioro a cascata che la tiene costantemente pulita.

Ed entrando in piscina dall’esedra sul lato corto si vede, in un asse ottico previsto dall’antico progettista, la sommità della villa con la sua elegante silouette." Da notare su questa facciata, oltre ai preziosi vasi di pietra, anche l’antico gallo segnavento sul colmo del tetto.

La depurazione qui è ottimale: oltre allo sfioro a cascata vi è come protezione una tapparella galleggiante che sale dal fondo a ricoprire perfettamente tutta la piscina. La tapparella oltre a funzioni di sicurezze e a proteggere dallo sporco (foglie, insetti), mantiene l’acqua più calda evitando la dispersione notturna per evaporazione ed irraggiamento. Il vero riscaldamento è anch’esso naturale ed è costituito da pannelli solari, speciali per piscina, posti a valle della vasca, dove scorre direttamente l’acqua depurata dell’impianto di ricircolo della vasca. E’ un metodo semplice, economico, ma efficace. La piscina è in cemento armato rivestito con mosaico in vetro costituito da tessere quadrate bisellate in tre diverse tonalità di celeste, di cui una molto chiara, per rendere il colore dell’acqua più tenue e naturale.

Come rivestimento dei bordi è stata usata una pietra veneta color avorio, la "lessinia", che ha il vantaggio di non scaldarsi
al sole. La piscina è stata costruita in sei mesi partendo in dicembre e, nonostante il brutto tempo, finendola all’inizio di giugno. La sua forma è molto classica: un rettangolo con una scalinata a esedra sul lato corto dove è stato posto l’idromassaggio. Dalla parte opposta il livello dell’acqua è più profondo, ci si può tuffare, ma non è stato messo nessun trampolino per ragioni estetiche, vista l’impostazione neoclassica dell’insieme. Si è voluto che un manufatto tipicamente moderno come la piscina non entrasse in competizione con una pregevole villa del ‘700.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)