Inseguendo la movida


Casa felice visita la Spagna

Sulle colline intorno a Barcellona

Abbattere le convenzioni e i muri che ci separano dal resto del mondo: questa la filosofia di vita che ha
portato al progetto di questa villa superpanoramica.

C’era una casa d’inizio secolo in una posizione meravigliosa da cui si dominava sia la città che il mare. Era vecchiotta e
non più in sintonia col giovane catalano che è andato ad abitarla. Per ringiovanirla ha chiamato un noto architetto
di Bar- cellona, José Zazurca Codola, che ha pensato di aggiungere una nuova facciata incastrandola sulla vecchia
per sfruttare questo effetto di straniamento e rendere l’insieme ancora più choccante. E’ una metafora di quel che è capitato alla Spagna dopo la morte del caudillo Francisco Franco quando, dopo decenni di immobilismo, tutto si è di colpo liberalizzato iniziando dal modo di sentire dei giovani. Da tale fervore è nata la movida (che in spagnolo corrisponde al nostro “darsi una mossa”), quando sono entrate di colpo in Spagna tutte le modernità possibili, comprese quelle più estreme dell’architettura e del design.

“Cospargetelo di tutti i beni del mondo, sprofondatelo nella felicità finché non gli arrivi fin sopra la testa, così che non se ne veda più se non qualche bollicina sulla superficie della felicità, come fosse la superficie dell’acqua; dategli una tale tranquillità economica, che non gli rimanga proprio nient’altro da fare se non dormire, mangiare pasticcini e adoperarsi perché la storia universale non finisca: bene, anche così l’uomo, da quel bel tipo che è, e unicamente per ingratitudine, unicamente per farvi una pasquinata vi combinerà una qualche porcheria. Metterà a repentaglio perfino i suoi pasticcini, e a bella posta desidererà le più rovinose sciocchezze, la più antieconomica delle assurdità, all’unico scopo di poter mescolare a tutta questa positiva ragionevolezza il proprio rovinoso elemento fantastico.”
(F. Dostoevskij, Memorie dal sottosuolo)

Un’aerea scala interna organizza intorno a sè la distribuzione delle funzioni: il soggiorno, la sala da pranzo e la cucina le si dispongono attorno in un grande spazio aperto.

La felicità e la virtù compongono il sommo
bene, condizione non realizzabile
nel mondo naturale. La felicità si può raggiungere solo come ideale.

In questa villa è evidente lo sforzo di rompere le barriere murarie per vivere liberamente nel paesaggio grazie a grandi vetrate continue. Il padrone di casa ha imposto all’architetto di realizzare un interno dove non ci fosse bisogno di accendere la luce se non in piena notte.

E così è stato, minimalizzando tutto, anche le strutture interne come le scale e l’arredamento. Una delle esigenze del proprietario era quella di avere una terrazza su cui stare guardando Barcellona e il suo mare; l’effetto finale è ora simile a quello che si prova sulla tolda di una nave quando si ammirano il mare e il cielo che si congiungono all’infinito.

In Edicola

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)