Impianti di riscaldamento – caminetti

Non c’è pioggia, o giornata bella, o nottata stellata o coperta, uggiosa o freschissima, quando si torna a casa, specie nei giorni di festa, e il camino ti aspetta. Camino acceso vuol dire amici, trovare qualcuno con cui scambiare parole, fatti, sogni, emozioni. L’accostamento di tavolate imbandite con il piacere del cibo abbondante che diventa spettacolo…
Vedi anche: Il camino 115

“Il tiraggio avviene quando accendono la fiamma nel focolare, in comunicazione con l’esterno per mezzo della canna, si viene a formare una circolazione naturale d’aria fra la colonna calda che sale e l’afflusso d’aria fredda verso il vuoto creatosi conseguentemente. Questo tiraggio è proporzionato alla sezione ed all’altezza della canna, la quale – a sua volta – deva essere rapportata alle dimensioni del focolare ed alla forma ed al tipo della cappa; non bisognerà nemmeno dimenticare di proporzionare il camino al locale che lo deve ospitare, e ciò non solo per ragioni di equilibrio decorativo, ma anche per evitare di porre, ad esempio, un camino troppo grande in un ambiente in cui non sia possibile far affluire la quantità d’aria necessaria.” (Domus).
Le canne fumarie, siano esse in eternit, od altro materiale comunque incombustibile, vanno particolarmente curate e protette onde evitare dispersione di calore, per tutta la loro lunghezza.
Le sezioni preferibili sono quelle circolari, leggermente ellittiche, quadrate o rettangolari con rapporto dei lati = , in tal caso è opportuno smussare gli angoli.
Esse vanno poste preferibilmente nell’interno della casa, affiancate se più di una, verticali con pendenza massima di 45° se non praticabili, di 60° se praticabili.

“ La muratura delle canne deve essere compatta a giunti ben stuccati di spessore =1 testa; in camini centrali per più impianti = 2 teste intonacate a fino e lisciata a colla nell’interno ed intonacata all’esterno (spostare almeno 30 cm. in alto l’immissione delle singole canne fumarie). Portare il camino sufficientemente in alto al disopra del tetto, possibilmente sopra il colmo. A cusa del raffreddamento più rapido, le facce al disopra del tetto, possibilmente a due teste; e così anche quelle che danno su pareti esterne; eventualmente anche parete doppia con intercapedine. Ad una canna fumaria di 225 cm di sezione possono essere inserite tre stufe comuni. Per ogni stufa in più occorre un aumento di sezione di 75 cm2. una cucina corta come due stufe.
Possibilmente disporre di una canna fumaria per le stufe di ogni piano.
Canne non praticabili avranno, se i laterizi sono di formato normale, le seguenti dimensioni: 14×14=196 cm; 14×21=294 cm2. 21×21=441 cm2; 14×27=378 cm2; 21×27=567 cm2; 27×27=729 cm2. Canne praticabili debbono avere una sezione = 43×43 cm. Se di sezioni9ni maggiori, murare in esse pioli in ferro ad intervalli di 50 cm. e ciò richiede pareti di almeno due teste.
canne da stufa in ferro devono distare almeno 25 cm. da soffitti in legno intonacati ad almeno 50 cm. da soffitti in legno in vista. Per tubi fissi, rivestiti, bastano 12 cm. Le pareti in legno debbono essere a distanza = 50 cm. dalle aperture per la pulizia; se con rivestimenti incombustibili = 30 cm. “ (Neufert).

Per facilitare il naturale deflusso del fumo è necessario che la cappa non sia troppo bassa rispetto all’altezza del focolare; inoltre questa va raccordata alla canna fumaria con linea dolce ascendente, priva di angoli vivi, e senza presentare improvvisi cambiamenti di sezione per tutto il percorso del fumo.

“Questi due schemi illustrano sezioni di camini la cui applicazione può presentarsi sovente. Nel primo è la cappa stessa che assolve la funzione di raccogliere il calore e di irradiarlo nel locale. Il leggero tavolato sovrapposto, protegge dal contatto diretto con la superficie metallica arroventata. Il secondo disegno rappresenta una variante dello schema fontamentale, in cui il calore è irradiato in parte direttamente dalla superficie riflettente inclinata, in parte raccolto da una lastra metallica che limita superiormente l a bocca.
Questo tipo di camino è specialmente indicato per muri a forte spessore ed è adatto anche per bruciarvi carbone. “ (Domus).

Torna al Manuale dell’architetto

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)