Emma Tagliacollo


Coordinatori: Massimo Angrilli, Marina Cimato, Mario Ferrari, Giuseppe Foti, Alessandro Lombardozzi, Carmine Luongo,
Alessandro Napoli, Emanuele Piccardo, Emma Tagliacollo

La città è un organismo vivo in continua trasformazione. Tali mutazioni sono prerogativa dello studio non solo dell’architettura, ma anche di altre discipline che si occupano della città analizzandola e sezionandone le parti, dando un nome ai diversi aspetti e cercando di riconoscerne le qualità.
La collaborazione tra le discipline ha portato a risultati comuni e questi sembrano ormai affermare che il cosiddetto ‘cuore della città’, il centro storico, è difficile da rinnovare in modo tale da mutare, svilupparsi, contrarsi e aprirsi alle vive pulsioni che provengono dalla sua molteplice e sfaccettata periferia. È così che quest’ultima va a collocarsi nella città con un ruolo predominante rispetto al centro, ormai cristallizzato e dunque immutabile. È nella periferia che si concentrano
i progetti, le sperimentazioni architettoniche, le ricerche della didattica, gli studi volti alla ricerca di una possibile qualità architettonica.

Margherita Finamore. Recupero alloggi ERP, Pesaro
Valeria Paganini. Rinnovo urbano a Passoscuro

La periferia assume il ruolo di territorio ‘libero’, in cui l’architettura può esprimersi con meno vincoli, ricercando una perduta qualità che si possa radicare nella città. Essa non è però un ambito vergine, perché viene spesso violata dall’aggressività dei nuovi costruttori, che esercitano la loro forza colonizzando il territorio e concentrando i progetti
sulla quantità a discapito, appunto, della qualità urbana.
Uno dei risultati emersi dai lavori del Seminario è che la periferia, oggi, ha il ruolo di ricercare una nuova forma per la città; agli architetti sta ora il compito del progetto, così da comporla, utilizzando i molteplici strumenti dell’architettura e mantenendo vivo il dialogo tra storia e materia.
Il tema del Seminario Periferie? Paesaggi urbani in trasformazione è stato affrontato durante i lavori del Laboratorio Rinnovamento e trasformazione della città esistenteattraverso discussioni aperte sui progetti presentati, in questo modo si è potuto esaminare il tema dai diversi punti di vista assunti dagli autori dei progetti.
Si sono individuati differenti approcci al problema delle periferie.
Alcuni progetti hanno messo in evidenza la possibilità di operare attraverso restauri di edifici esistenti ridefinendone la funzione. Tra questi si ricordano gli elaborati di Margherita Finamore. Il tema della rigenerazione della città è presentato con un progetto, in collaborazione con il Comune di Pesaro, che insiste sulla riabilitazione di alcune unità abitative presenti sul territorio del comune di Pesaro, in località Santa Veneranda.

A. Argiolas, F. Etzi, A. Murru, E. Serra. ‘Rhythm & Blue’, polo attrattivo a Villasimius
F. Rotondo, con gli studenti del CDL in Ingegneria Edile – Architettura, Bari. Riqualificazione dei quartieri Enziteto e Catino a Bari

L’intervento è mirato a ricostituire un fronte unitario su strada e a progettare alloggi minimi all’interno del complesso individuato nel borgo, effettuando operazioni di chirurgia architettonica che portano alla conservazione dell’esterno e al riuso dell’edificio con una ricaduta sulla comunità.
Un altro tema emerso dalle discussioni è la possibilità di operare per la ricerca di un disegno unitario e ordinato all’interno del caos della periferia. Tra questi la tesi di laurea di Valeria Paganini, Rinnovo urbano a Passoscuro (sul litorale laziale), progetto che ha sollevato anche il tema del localismo e dell’identità personale all’interno del molteplice della città. La tesi si propone di ridisegnare questa parte di periferia laziale, dando un valore unitario alle residenze già presenti sul territorio. Questa porzione di città, partendo da alcuni punti fissi, è stata ridisegnata e si sono proposte abitazioni incentrate sull’unità a corte, con corti pubbliche, semipubbliche e private. Le corti, cifra della città mediterranea, ci richiamano così a una lettura dello spazio fruibile anche in maniera collettiva.
Anche Rhythm & Blue, progetto di Alessandro Argiolas, Francesca Etzi, Alessandra Murru, Elisa Serra che si interessa di Villasimius, polo turistico della costa sud orientale della Sardegna, propone una rigenerazione che permetta di valorizzare la zona non esclusivamente per la sua vocazione turistica, ma anche per i residenti. È così che il progetto definisce nuove funzioni per la collettività che vanno a inserirsi all’interno di vuoti urbani, ricercando una armonica forma della città.

A. Carbone, P. Palermo. Il Piano De
Nava e la Fiumara Calopinace a Reggio Calabria
G. Piga, F. Pontiggia, E. Campomenosi, P. Gambale, E. Spicuglia. Collaboratori: G. D’Ettorre, G. Cuoghi, R. Strabella. Riqualificazione dell’area ex
Parco Bombrini a Genova

All’interno del Seminario è inoltre emersa la tendenza a individuare i punti critici delle periferie e di rigenerarle attraverso una mixité di funzioni.
Tra queste il progetto presentato da Francesco Rotondo, con il suo nutrito gruppo di lavoro, che analizza la possibilità di rigenerare i quartieri baresi di Enziteto e di Catino, investendoli del ruolo di nuove centralità urbane, così da poter avere una ricaduta sulla collettività.
La tesi di laurea di Alessandro Carbone e Pierfrancesca Palermo presenta un edificio lungo il piano De Nava e la Fiumara Calopinace (Reggio Calabria) che vuole stabilire una connessione tra due parti di città scollegate tra loro. L’edificio cerniera diventa così anche un contenitore, non solo di abitazioni, ma anche di servizi.
Infine anche il progetto di Giovanna Paola Piga e dei suoi collaboratori, redatto per il Concorso di idee per la riqualificazione dell’area ex Parco Bombrini di Cornigliano (Genova), esprime la declinazione di una mixité funzionale per creare servizi che possano avere una ricaduta positiva sulla collettività.

Unicam - Sito ufficiale
www.archeoclubitalia.it
Archeoclub d’Italia
movimento di opinione pubblica
al servizio dei beni culturali e ambientali

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)