EMILE GUILLOT – MOGENS KOCH

Pieghevoli, facili da riporre e trasportare, occupano poco spazio e sono ideali per gli spazi esterni. Semplicità e funzionalità le chiavi di lettura di questi progetti.751 nasce da un progetto di Emile Guillot per Thonet, nel 1930 circa. Fu la prima sedia pieghevole in verticale con il vantaggio di occupare solo 4 cm di spessore una volta chiusa. È costruita in faggio, l’arco principale è costituito da un unico elemento. La struttura, infatti, sfrutta la tecnica della curvatura del legno attraverso il vapore. Ancora oggi vengono utilizzati gli stampi originali. Attraverso un foro nello schienale la sedia è facilmente trasportabile sia aperta che chiusa. L’Autore riesce a coniugare praticità, comodità e bellezza in un’unica seduta, sfruttando tecniche già acquisite e introducendone di innovative. Riedizione, Italcomma.Folding Chair viene ideata e realizzata nel 1932 da Mogens Koch. Ispirandosi alle sedie da campo l’Autore realizza la prima sedia pieghevole.
Seguendo il principio di funzionalità Koch riesce a realizzare una seduta utilizzabile solo quando serve e facilmente riponibile: da chiusa la Folding occupa meno di 10 cm.
I materiali utilizzati sono semplici quanto il design: la struttura è in legno di faggio trattato con olio e mogano con raccordi in ottone, lo schienale e la seduta sono in fibra naturale, i morbidi braccioli sono in cuoio. Koch realizzò una linea di mobili seguendo questo principio, tra cui anche un sostegno per sei Folding chiuse. Produzione, Rud. Rasmussens.Una grande veranda è stata adibita ad area pranzo dall’architetto Massimo Godio. In evidenza le sedute, “Lord yo”, adatte anche per l’esterno, progettate da Philippe Starck, Driade. Lampadario “Floatation”, Ingo Maurer.STEFANO GODIO, architetto
Nato ad Arona (Novara), si laurea in Architettura al Politecnico di Milano. Libero professionista con studio a Novara svolge la sua attività nel campo della progettazione architettonica, progettazione ecosostenibile, progettazione d’interni, coordinamento della sicurezza, modellazione tridimensionale, computi metrici capitolati contratti e contabilità dei lavori, biedilizia e risparmio energetico.

Condividi
Pubblicato in FARE

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)