Appunti sulla quarta città, sistema discontinuo di luoghi mutanti

I luoghi, termine con cui si designano spazi urbani o del territorio con implicite connotazioni di valore, di permanenze identitarie, di radicamenti, sono anche ambiti in continua trasformazione. L’interessante dialettica che si istituisce tra città consolidata e nuovo è tra i più intriganti processi del mondo contemporaneo.
Nel XIX secolo il passaggio dalla città alla metropoli provocò profondi mutamenti nella struttura urbana e in tutti i campi – filosofia, sociologia, letteratura, cinema, pittura, danza, musica, architettura – scuotendo gli schemi tradizionali della cultura (memorabili le pagine di Baudelaire, Benjamin, Simmel, Cacciari, la collana di architettura diretta da Manfredo Tafuri per Officina edizioni e altre ancora di varie discipline)…

L’articolo completo è disponibile in
ARCHITETTURA E CITTA’ 6
Acquistalo online o in Edicola! 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)