Tecnologia, design, decor

L’idea della stufa è antichissima e non si è molto evoluta negli ultimi secoli, solo ora sembra voler riguadagnare il tempo perduto. Si è iniziato col sostituire alla legna tagliata a grandi tocchi i più piccoli “pellet” che rotolano da soli rilasciati da un meccanismo automatico che elimina in buona parte il lavoro dell’uomo: così si può programmare sia l’inizio sia la fine della combustione regolandone l’intensità.
La stufa a pellet si comporta in effetti come un elettrodomestico: richiede un’alimentazione elettrica ed è molto pulita in quanto brucia un materiale senza scorie, il pellet appunto, ed evita l’uscita di fumi e cenere funzionando a sportello chiuso e a tenuta stagna. Richiede una canna fumaria di misure ridotte grazie al funzionamento a tiraggio forzato dovuto a una ventola di aspirazione posta all’interno della stufa. Il rifornimento dei pellet avviene attraverso la coclea (una vite senza fine che alimenta con regolarità) e la sua autonomia dipende dalla grandezza del serbatoio: di solito è circa una settimana. L’accensione avviene tramite una resistenza elettrica che diventando incandescente innesca la fiamma nei pellet. Questa è una tecnologia già collaudata e solitamente non dà problemi ma solo economie di esercizio. Ma la ricerca tecnologica va avanti.Oggi, mentre per l’automobile si studia un motore non inquinante e senza benzina, per la stufa s’inventano nuovi carburanti per usarla anche senza canna fumaria. L’etanolo, ad esempio, produce fiammelle tipo “fuoco fatuo” che sembrano uscire dal nulla. Lo strano è che si rischia di non farci caso, di non accorgersi di loro: per questo, per impedire alla gente di bruciarsi, vengono messe tra due cristalli di sicurezza trasparenti. Non siamo più abituati a convivere con i bracieri in mezzo alla stanza; ma si può ricominciare, e senza l’orribile fumo che invade le stanze e non si riesce a far uscire (per questo si sono inventate le cappe, i condotti per convogliare il fumo verso l’alto e il comignolo per disperderlo).
La diffusione di questi sistemi senza canna fumaria è stata incrementata da un’idea venuta dagli Stati Uniti: quella di utilizzare lunghe file di fiamme per illuminare giardini e piscine durante i party notturni. Questo per una ragione che soprattutto le signore possono capire: la fiammella a gas, come il lume di candela, dona moltissimo ai volti.5. Il caminetto “Wave” di Palazzetti è una struttura realizzata in materiale cementizio di nuova generazione ad alte prestazioni.
L’idea base della sua progettazione dal punto di vista formale è stata quella di realizzare una cornice tridimensionale che riprenda l’effetto delle onde creando un gioco di forme fluide e accattivanti.
Questa struttura circonda il fuoco come una cornice il quadro e produce, grazie ai riflessi sulla superficie ondulata, una suggestiva prosecuzione della fiamma. Tale oggetto, unico nella sua forma, è la terza proposta della collezione “Palazzetti Forfun” nata per rinnovare il concetto di focolare e sperimentare nuove soluzioni relative all’heating (in italiano “riscaldamento”, ma è meno elegante).
6. Da sinistra a destra: l’inserto “Bijoux C71 Turbo Vision” è il nuovo cavallo di battaglia della Deville, tra le aziende leader in Francia distribuito sul mercato italiano da Zeta Linea di Badia Polesine (RO) e AMC Rappresentanze di Chiaverano (TO). Il caminetto da posa “Stuv SF15” è di facile installazione e viene messo in opera in poche ore senza lavori di muratura o soffittatura. È importato dal Belgio da Mont – Export.
Il focolare “3D Palazzetti” è un ecomonoblocco ad accumulo con doppia combustione che, grazie alle sue pareti completamente vetrate, permette alla fiamma di diventare protagonista, Palazzetti. “Jøtul F 162” è una stufa a legna norvegese di dimensioni contenute disegnata da Hareide Designmill. Importata da Jøtul Italia.www.montexport.it
Xtra technology – Un nuovo traguardowww.cerampiu.com 
Stufe in maiolica Cerampiù: un valore che si tramanda.Le stufe vetrate a convezione possono essere molto compatte e con una fiamma alta messa in evidenza.

7. “Pico” è una stufa design a legna prodotta dalla tedesca Skantherm su disegno dell’arch. Sebastian Buescher. La sua forma marcata ma lineare la rende inseribile in qualsiasi ambiente. Ha tre lati vetrati ed è una delle stufe più compatte (120x39x39).
Funziona a convezione naturale. Importata da Oekotherm.
8.”Stuv 30 compact” è una stufa cilindrica a basso consumo energetico, studiata per le case termicamente isolate per le quali una stufa con troppa potenza sarebbe controproducente. È molto campatta (il suo diametro è di soli 46 cm) e avendo tre porte scorrevoli si può usare in tre modalità: con fuoco vetrato, senza vetro davanti, con tutto chiuso per la notte. Importato da Mont – Export.
9. L’inserto a pellet ”500” fa parte della collezione Box Line Ravelli che comprende sei inserti a incasso di diverse dimensioni per utilizzare camini già esistenti. Questa è la realizzazione più ridotta (57x50x52,5 cm), quindi la più facile da adattare senza opere murarie. Ha tre diverse soluzioni di rivestimento esterno e la camera di combustione è realizzata in un materiale naturale a base di vermiculite in grado di trattenere il calore e di rilasciarlo gradualmente con notevole risparmio. La porta in vetro ceramico riduce al minimo le dispersioni di calore e garantisce una minor emissione di gas inquinanti, mentre il pratico telecomando permette di accendere, regolare la temperatura e la diffusione di aria calda, Gruppo Ravelli.10.”Jøtul F 162” è una stufa a legna dalle dimensioni contenute e con un design particolare dovuto allo studio Hareide Designmill. La grandezza e la forma la rendono adatta da installare sia in un angolo sia contro una parete. È realizzata in ghisa e permette una combustione pulita. Una sola leva controlla sia l’accensione sia l’aria primaria di combustione. Come optional vi è un top di pietra ollare che la rende più radiante, e un’uscita attraverso la parete se si vuole una presa d’aria esterna. La potenza nominale è di 5 kW (quindi adatta a case ben coibentate) e il colore è nero canna di fucile. La sua forma tipicamente nordica con un particolare gioco di gambe la rende molto personale e autonoma rispetto al resto dell’arredamento, Jøtul Italiawww.oekotherm.it
La protagonista assoluta di casa tuawww.paccagnel.it
Stufe a legna ad accumulo

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)