Camino country

Il gusto per le forme della tradizione che dona intimità e calore agli ambienti è intramontabile. Naturalmente la presenza del camino è quasi indispensabile non solo per la continuità stilistica ma anche per la gioia di vivere che comunica. Elemento predominante e caratterizzante non solo del camino, ma anche dell’ambiente che lo ospita, la cappa, oltre ad assicurare la corretta evacuazione dei fumi, ha sempre avuto una grande funzione decorativa, grazie alla possibilità di scolpirla, fregiarla di bassorilievi, arricchirla di elementi antropomorfi floreali o astratti.

Rivestimento: Avignone

È un camino rustico realizzato in pietra antica lavorata a conci, con piano, colonne e capitelli in marmo Trani levigato opaco. Le parti in legno sono in tavole di pino massello anticato.

modello: Termopalex 78 V 08
prodotto da: Palazzetti, Porcia (PN)

materiali: focolare in ghisa a elevato spessore con sistema brevettato VDF per la perfetta gestione del tiraggio.

superficie riscaldabile: 200 mq
potenza globale: 27.5kW

caratteristiche: è un focolare ad acqua con funzionamento a legna, che con opportuni allacciamenti idraulici riscalda acqua sanitaria e radiatori di abitazioni fino a 200 mq. L’ampio focolare e la portina in vetro ceramico a scomparsa totale lo rendono adatto a cucinare alla griglia e alla piastra.
La cappa può essere realizzata in mattoni o in metallo.
Si preferisce utilizzare le tavelle poiché riescono ad assecondare meglio la forma  rastremata, necessaria per raccogliere e convogliare i fumi di combustione verso la canna fumaria. Al rivestimento del camino appartengono anche i piedritti o spallette, le due parti sporgenti ai lati del focolare che servono a definire il perimetro della bocca del fuoco e che hanno la funzione statica di sostenere l’architrave, che a sua volta sostiene la cappa. I piedritti con l’architrave sono stati in passato lo spazio del camino destinato alla decorazione, dalla cui tipologia si possono distinguere epoca e stile. La contemporaneità ne ha limitato fortemente la capacità ornamentale, pur tuttavia oggi le loro forme pure, rettilinee o tonde possono essere fondamentali per un camino di grande fascino espressivo.
La forma di questo camino richiama le linee tradizionali delle case di campagna di una volta: cappa dolcemente curvata, trave massiccia e squadrata, sostegni in muratura con la tipica modellatura, piano in mattonelle di terracotta, base, in pietra grossolanamente squadrata o in mattoni, che incorpora la legnaia.
Ecco una forma di camino che richiama quelle in voga nell’Ottocento: cappa piramidale, trave massiccia che incorpora lo smusso sottostante per raccordarsi ai sostegni modellati in muratura o pietra, basamento a lastre di pietra con piani d’appoggio laterali e griglia centrale, sollevabile per il prelievo della cenere.
Il recupero e la ristrutturazione hanno riportato alla luce la memoria architettonica di un antico stazzo risalente al 1700. Lo stazzo é un insediamento rurale tipico principalmente della Gallura (in gallurese lu stazzu), nel nord della Sardegna e della Corsica ma presente, seppur con utilizzi diversi, in gran parte del Meridione d’Italia. Il termine ‘stazzo’ deriva dal latino ‘statio’, stazione, luogo di sosta e ha rappresentato in Gallura il fulcro della vita rurale dei pastori-agricoltori.
L’intervento ha cercato di rispettare i materiali e i principi strutturali della costruzione preesistente. Quasi tutto è stato riportato alle origini, nel rispetto dei volumi, delle proporzioni e dei materiali. Il tetto a capriata, con struttura e orditura lignea: le travi sono in legno di ginepro (prima smontate, poi sabbiate e ricollocate), e le coperture sono in cannicciato, secondo l’antica tradizione, e garantiscono una coibentazione naturale. I muri sono in granito, con pietra a vista: il camino, in pietra in lastre uniche e legno, completa l’atmosfera degli interni, richiamando il calore familiare e l’estetica dell’antico edificio.
Progetto di Tomaso Pirina e Massimo Spada, architetti. Foto di Athos Lecce.

In montagna, al mare o in città il camino dalle forme tradizionali parla un linguaggio internazionale.

In origine era una baita di montagna risalente al 1700. Un luogo di passaggio e pernottamento per i valdesi che scappavano dalla Francia. Oggi è una mansarda accogliente e piacevole arredata con mobili in stile. Il camino irrompe nel soggiorno con il volume panciuto e sporgente del piano del fuoco. Una scelta funzionale che oltre a proteggere il pavimento da eventuali scintille offre un pratico piano di lavoro quando si utilizza il camino per cucinare.
Le parti laterali son in pietra a spacco. Sulla mensola che ne esalta laforma una serie di statuine francesi.
Progetto di: Pierpaolo Court, architettoÈ una rivisitazione del tipico “stazzu” gallurese, la casa contadina sarda costruita in pietra con la stessa tecnica dei muretti.

Qui gli architetti Tomaso Pirina e Massimo Spada ne hanno dato un’interpretazione rustico – contemporanea evidenziando la bellezza naturale dei materiali: in primo luogo il legno che si impone allo sguardo nel grande tetto a capriate e poi il granito giallo utilizzato per la parete laterale e per fare da cornice al camino, come tradizione vuole, al centro dell’area conversazione.Liberi accostamenti e sapienti contrasti materici per il camino particolarmente suggestivo con la cornice in pietra che emerge dalla quinta in mattoni rossi tipici delle antiche case lombarde. La panca da fuoco di fine settecento è affiancata ad un pezzo storico del design moderno: la poltrona Red&Blu di G. Rietveld.
Progetto architetto Daniela Rossi Cattaneo, Foto F. Occhino.La purezza materica del tufo e le forme scultoree dei fianchi, citazioni di arte primitiva,  incontrano l’essenzialità del gusto moderno. Il piano del fuoco, sottolineato da antiche piastrelle in ceramica vivacemente colorata, originarie della Città di Castello.
Basta una scintilla ed è subito vivo il senso di casa. Il cuore del camino è un moderno prefabbricato di Piazzetta. Progetto di Patrizia Capriotti, architetto. (Piazzetta)

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)