CAMINO d’epoca incorniciato

Nato inizialmente come una stalla con fienile soprastante, questo edificio è stato completamente ristrutturato ricavando due unità residenziali.
Il progetto, particolarmente attento alla memoria storica del complesso, non ha voluto stravolgere la struttura originaria tipica del fabbricato rurale di campagna della pianura padana. Il grande lavoro di recupero conservativo, è visibile anche all’interno grazie all’uso di intonaci formati da decorazioni a righe che mimano gli antichi tinteggi degli edifici rustici. Il camino in pietra è stato acquistato presso un antiquario e posizionato in soggiorno.
Interessante è il lavoro di rivestimento con una sorta di cornice in pietra Santafiora che ne disegna il perimetro fino al soffitto; il motivo viene ripreso anche nelle mensole prospicienti creando un vero e proprio elemento d’arredo che enfatizza il camino. (V.S.)

1. Vista esterna dell’edificio in cui si notano i muri in sasso di fiume appartenenti alla struttura originaria del cascinale accostati a pareti intonacate. Le grandi aperture ad arco del fienile sono state conservate e adattate a finestre.
2. Il portico con archi a sesto ribassato che sorreggono la copertura e pavimento in pianelle di cotto antiche, è uno spazio condiviso dalle due abitazioni.Isotta Cortesi, architetto e paesaggista, esegue lavori di ristrutturazione di edifici rustici trasformandoli in residenziali e cura il restauro di alcuni palazzi antichi nel centro storico delle città di Parma e Piacenza.
Sempre a Parma ha completato le residenze di Piazzale Fedro per le quali ha ricevuto nel novembre scorso il Primo Premio del Concorso Archès.

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)