BUSATTA

Realizzazione: BUSATA PISCINE

Inserita in una vallata incontaminata vicino a Tempio Pausania, denominata “La Valle del Limbara”, la piscina è la sintesi tra le esigenze e i desideri di Fabrizio De Andrè e Dori Grezzi, e le potenzialità delle tecnologie sviluppate e applicate dalla Busatta Piscine di Ivrea che l’ha progettata e realizzata.
Quello che colpisce l’ospite che arriva è la maestosità incontaminata della natura, particolarmente rigogliosa in uno spazio verde ricco di ruscelli e di un lago artificiale voluto da De Andrè. La vegetazione è stata arricchita nel corso degli anni da continui interventi che hanno creato scorci di rara suggestione: i boschi impenetrabili di vegetazione sarda vengono lambiti da verdissimi prati all’inglese con pendenze armoniose ove sono stati creati angoli di insolita bellezza impreziositi da piante secolari di olivo, melograno e glicine portati dal continente e trapiantati con cura materna. Nulla è artificiale. L’ambiente è assolutamente integro.
La natura abbraccia l’uomo con un silenzio maestoso, ma caldo e materno, mentre i rumori del ruscello, degli uccelli e degli altri animali invitano al rilassamento ed a riconciliarsi con il mondo. La piscina si inserisce perfettamente in questo contesto risultando un elemento naturale, ma bellissimo senza apparire eccessivamente, come se fosse stata creata dalla natura stessa. Aiuta a ritrovare benessere, armonia, energia e tranquillità. Immergendosi si ritrova con dolcezza e delizia una sensazione di calma ed equilibrio unita ad una frizzante carica vitale, lasciandosi dolcemente avvolgere dai piaceri e dai benefici dell’acqua.
Nuotare in una piscina così bella, calda e naturale diventa di per sè un momento nel quale si avverte meno l’esigenza di fare o agire e diventa più facile sentire. La vasca sorge su un’area ricavata da un muro di contenimento alto oltre 18 metri a picco sul lago artificiale effettuando un riempimento notevole. Una situazione estremamente difficile per costruire qualsiasi piscina.
La struttura autoportante in acciaio nervato brevettato dalla Busatta ha coadiuvato esigenze di stabilità, di elevate portate in grado di assorbire eventuali assestamenti del terreno e di assoluta libertà di forme per creare un bacino che si adattasse perfettamente alla conformazione dell’area abbracciando i bellissimi massi di granito modellati e scolpiti dal tempo e dalla natura. L’utilizzo della struttura autoportante in acciaio nervato Busatta in grado di sopportare pressioni sino a 20.000 kg, ha evitato opere edili importanti e costose come micropali per scongiurare i rischio di assestamenti conseguenti al riporto, e solettoni in cemento armato di grosso spessore.
Tutte le aree di accesso alla piscina sono costituite da belle e ampie entrate a spiaggia, ricoperte di lastre di pietra che oltre a facilitare l’ingresso in piscina, permettono di vivere pienamente la piscina consentendo di stendersi nel bagnasciuga oltre a costituire un particolare costruttivo affascinante.
La profondità, partendo dalle spiagge, arriva sino a 2.5 metri, mentre la superficie è di poco superiore ai 200 metri quadrati. Il rivestimento della piscina è stato effettuato utilizzando del PVC armato saldato in opera di colore sabbia che garantisce all’acqua effetti cromatici assolutamente naturali. La canalina di sfioro è stata resa praticamente invisibile coprendola con lastre di granito locale, sulle quali erano state ricavate delle fenditure per lasciare entrare l’acqua.
L’impianto di filtrazione a diatomee costituito da 3 filtri Hayward da 30mc/h, consente di avere un’acqua sempre cristallina, riducendo l’apporto di prodotti chimici, garantendo quindi un’acqua salubre e più naturale. L’illuminazione della piscina è stata realizzata utilizzando un impianto a fibre ottiche Hayward, che selezionando il colore verde permette di integrarla perfettamente con l’ambiente circostante, ottenendo un effetto scenografico unico.
L’estrema industrializzazione delle Piscine Busatta, ha permesso di costruire una piscina così particolare e complessa in poco più di un mese.
Una piscina come questa dell’Agnata, evidenzia come il sistema di prefabbricazione dell’azienda non faccia rimpiangere in alcun modo le tradizionali piscine in calcestruzzo, consentendo evidenti economie di costi e tempi, senza nulla dovere cedere in tema di forme, estetica, qualità e finiture.

SCHEDA TECNICA

  • Superficie 200 mq
  • Volume 360 mc
  • Profondità da 0 2.5 mt
  • Piscina costruita con struttura in accaio speciale Fe 280 g Z 600 zincato a caldo nervato
  • Rivestimento in PVC armato di colore sabbia
  • Impianto tecnologico a sfioro internamente costruito con componenti Hayward
  • Sistema di filtrazione a diatomee da 90 mc/h costituito da 3 filtri a diatomee Hayward DE 6000 da 30 mc/h ciascuno
  • Illuminazione a fibre ottiche Hayward
  • La griglia dello sfioro è stata creata intagliando una pietra locale sarda

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)