Barbecue che… bontà.


Dai grandi classici alla cucina creativa, ricette sfiziose per portare in tavola tanto sapore e un pizzico di fantasia. Ecco alcune delle proposte di Weber, azienda che produce barbecue.

Novantacinque ricette per celebrare i sapori e gli ingredienti della cucina tradizionale alla brace, sono raccolte e presentate nel volume “Weber®: la cucina al barbecue” (MQ publications Ltd. London, edizione italiana Magi& Co.
Soc. coop. Casalecchio di Reno, Bologna) di Matthew Drennan, arricchito da invitanti fotografie di Chris Alack. Tanti i suggerimenti, provenienti da tutto il mondo per preparare un sontuoso banchetto completo, una cena intima o un pranzo veloce in famiglia. Un’occasione conviviale per divertirsi a cucinare in compagnia.

Ostriche Grigliate IN SALSA BARBECUE AL BURRO

Ingredienti: 12 ostriche fresche. Per la salsa: 1 cucchiaio di burro non salato, 1 cucchiaino di aglio sminuzzato, 2 cucchiai di succo di limone appena spremuto, 2 cucchiai di salsa chili dolce.
Cottura: 5 minuti.
Tempo di preparazione: 10 minuti.
Procedimento: per preparare la salsa barbecue, fate imbiondire il burro con l’aglio in una casseruola a fuoco medio, mescolando ogni tanto, fin quando l’aglio sprigiona il suo aroma e il burro inizia a scurirsi, circa 2-3 minuti.

Togliere il burro all’aglio dal fuoco e aggiungete il succo di limone e la salsa di chili. Mescolate per amalgamare bene.
Per aprire le ostriche: usando un canovaccio da cucina piegato afferrate ogni ostrica con il lato piatto rivolto verso l’alto.
Cercate una piccola apertura tra le valve vicino al cardine e fate leva con un coltello da ostriche. Cercate di mantenere il succo nella conchiglia. staccate l’ostrica dalla conchiglia facendo scorrere delicatamente il coltello sotto l’ostrica. Eliminate la valva piatta in alto, sistemando l’ostrica nella conchiglia più concava. Versate 1/2 cucchiaino di salsa barbecue su ogni ostrica. Cuocete le ostriche sul barbecue con cottura diretta a calore alto, fino a quando la salsa arriva a bollore nella conchiglia, dopo 2-3 minuti, quindi proseguite la cottura delle ostriche sul barbecue ancora per
1-2 minuti. Servire calde.

Il segreto della cucina con il barbecue a carbone di Weber è nell’uso appropriato del coperchio e del sistema di aerazione. L’aria fredda accede attraverso le prese d’aria in basso per fornire l’ossigeno necessario per mantenere i carboni ardenti. L’aria si riscalda, sale, viene trattenuta dal coperchio e circola intorno al cibo che così si cuoce per poi uscire infine dalle prese d’aria in alto. In questo modo un barbecue a carbone cuoce come un forno a convezione, ed è ideale anche per arrosti e pollame, oltre che per le più comuni bistecche e salsicce. E’ bene ricordare che la temperatura è sempre molto alta all’inizio della cottura e cala gradualmente man mano che i carboni bruciano.

Affumicare CON IL BARBECUE A CARBONE

Si può dare un sapore più caratteristico agli alimenti arrostiti col barbecue a carbone, aggiungendo aromi naturali o artificiali ai carboni ardenti prima della cottura.
Per creare un aroma di fumo tenete a bagno gli elementi che utilizzerete per affumicare.
Ci sono molti trucioli di legno aromatici disponibili sul mercato come melo, ciliegio, noce americano, acero, quercia e noce di pecan. Questi andrebbero immersi in acqua fredda per circa 30 minuti prima di essere aggiunti ai carboni. Gli aromi naturali comprendono i gambi legnosi delle erbe come rosmarino, alloro o timo e persino la vite. Basta semplicemente appoggiare i gambi umidi sui carboni prima di cominciare a cucinare. Si possono usare anche i gusci di noce e nocciola che dovrebbero essere messi a bagno per circa 30 minuti prima dell’uso.

Sulle colline della Lucchesia sorge questo tipico esempio
di casa colonica toscana del XVII secolo. L’edificio in pietra a forma rettangolare è caratterizzato da una
distribuzione planimetrica classica per l’esercizio della
attività agricola, ora ripresa dagli attuali proprietari
americani che producono ottimo olio e vino. L’aspetto
attuale è il frutto di un paziente restauro che ha
mantenuto la preesistente struttura architettonica, con
il tradizionale forno per cucinare all’aperto.
Progetto di: Stefano Lazzarini e Ornella Crisalli.
Foto di: A. Lecce

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)