Arredi originali e recupero dell’antico


In una borgata presso Pragelato

Un equilibrio prezioso tra elementi antichi e nuove realizzazioni, nel rispetto del genius loci

A delicate balance between new and renovated elements that respect the genius loci

Progetto esterni di Giorgio Ferraris, architetto
Progetto interni di Roberta Mosconi, architetto
Testo di Leonardo Servadio
Foto di Duilio Beltramone SGSM Studio

Pragelato si trova nell’alta Val Chisone: il comune piemontese è balzato agli onori delle cronache con le Olimpiadi della neve del 2006, quando qui è stato realizzato il trampolino per le gare di salto: la disciplina che invita lo spettatore ad alzare gli occhi al cielo abbracciando il panorama. Forse è proprio questo il motivo per cui tale struttura olimpica vi ha trovato posto: da qui si gode una splendida vista sul Parco della Val Troncea. In una piccola borgata di questo Comune alpino una coppia di maestri di sci ha deciso di realizzare la propria abitazione, partendo da un vecchio rudere di proprietà che un tempo era usato come legnaia. Dato il valore storico del luogo, l’opera di recupero e ristrutturazione è stata preceduta da una fase preparatoria che le ha consentito di rispondere ai vincoli paesaggistici. Materiali e tecniche utilizzati sono caratteristici, coerenti col genius loci.
Negli esterni è stato usato il legno di larice spazzolato per i rivestimenti, intonaco cazzuolato per le pareti e pietra di Luserna per la copertura in lose.

Pragelato is in the upper Val Chisone. This Piedmontese town shot into the limelight with the 2006 Winter Olympics, for the ski jump competition.
This discipline invites the spectator to look upwards and take in the panorama. Perhaps it is precisely for this reason that the Olympic structure was located here: from here one can enjoy a splendid view of the Val Troncea National Park. In a small village of this Alpine municipality, two ski instructors have decided to build their home, starting from an old rustic building that was once used as a woodshed.
In a small village of this Alpine municipality, two ski instructors have decided to build their home, starting from an old rustic building that was once used as a woodshed. Given the historical value of the site, renovation work was preceded by a preparatory phase that paved the way for meeting landscape constraints. Materials and techniques used are characteristic and coherent with the genius loci. On the exteriors wire-brushed larch wood has been used as cladding, with trowelled rendering for the walls, and Luserna stone for the slate roof.

Nella zona sotto il tetto il contatto col cielo è immediato. Le strutture
in legno massiccio, tanto più se antico, danno la sicurezza del calore

Il camino in mansarda: affaccio bilaterale, in legno vecchio e lastre di ferro.
Dotato di un’atmosfera da favola, l’ingresso apre al secondo livello alla zona pranzo con cucina.

The fireplace in the mansard: two-sided view, in old wood and iron sheeting.
With its fairy-tale atmosphere, the entrance opens on the second level to the dining and kitchen area.

Un soppalco consente di vivere il sottotetto: un ampio spazio a soggiorno, visibile anche dall’ingresso al piano sottostante.
Gli arredi sono composti da pezzi di recupero restaurati.
Nel camino risulta protagonista il legno massiccio che lo riveste.
L’esterno della casa, in posizione panoramica.
Le camere da letto sono poste nel piano seminterrato, che gode dell’isolamento naturale del terreno.

A mezzanine makes use of the space below the roof: a spacious living room, also visible from the entrance on the level below.
Restored items are used for the furniture.
The salient feature of the fireplace is its solid wood surround.
The exterior of the house, in a panoramic position. The bedrooms are all in the basement, which enjoys natural insulation from the ground.

Il calore di una casa non è solo quello fisico, ma anche quello estetico: esso proviene dall’armonia
degli accostamenti, dalla gioia che si riscontra negli arredi

Il soggiorno, al livello della strada. La cucina è realizzata su disegno con legno recuperato e incerato. Tutte le parti in
legno della casa sono state realizzate da Arte del Rovere Antico.
Il lato dell’edificio. Al piano seminterrato, il bagno, anch’esso arredato con legno massiccio che regge gli elementi.

The living room, on street level. The kitchen has a custom design and uses restored and waxed wood. All parts of the
house in wood were made by Arte del Rovere Antico.
The side of the building. On the basement, the bathroom is also furnished with solid wood that supports the elements.

L’ARCHITETTO: ROBERTA MOSCONI

NATA A CLES (TN), SI È LAUREATA IN ARCHITETTURA AL POLITECNICO DI TORINO NEL 2001. DOPO UN PERIODO TRASCORSO DIRETTAMENTE NEI CANTIERI E
SUCCESSIVAMENTE NELL’UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI SESTRIERE E DI CESANA TORINESE, HA APERTO NEL 2005, INSIEME A ELEONORA DE GIORGI, IL NEGOZIO “CARACTER HOME INTERIORS” DI ARREDO CASA. SI OCCUPA DI PROGETTAZIONE E DI RISTRUTTURAZIONE.

QUALITÀ DELL’INTERVENTO

CENTRALITÀ DEL PROGETTO: RECUPERO DI UN RUSTICO IN DISUSO E SUA TRASFORMAZIONE IN ABITAZIONE.
INNOVAZIONE: UN CAMINO SCENOGRAFICO CON AFFACCIO BILATERALE CHE CAMPEGGIA NEL SOGGIORNO.
USO DEI MATERIALI: QUELLI TRADIZIONALI DELLA ZONA, SOPRATTUTTO IL LEGNO ANTICO DI RCUPERO.
NUOVE TECNOLOGIE: TRATTAMENTO DEL LEGNO DI QUALITÀ.

 

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)