L’ACQUA : l’architettura riflessa Expo 2015

Sabato 5 febbraio al Teatro Dal Verme di Milano è stato ospitato l’evento “Expo incontra Milano”, un momento aperto alla città per presentare il progetto Expo 2015, per dare conto del lavoro svolto finora, offrire una panoramica sugli sviluppi futuri del percorso di preparazione verso questo importante appuntamento, per aprire un confronto e invitare tutte le forze imprenditoriali a mettersi in gioco.
Giuste, attente, coerenti, concrete le testimonianze delle personalità che saranno responsabili del successo dell’EXPO 2015. Per l’amministratore delegato Giuseppe Sala il 2011 sarà un “anno decisivo, in cui investiremo soldi, lanceremo delle gare e firmeremo accordi”.
In agenda investimenti per 100 milioni di euro in infrastrutture sul sito espositivo di Rho – Pero e almeno cinquanta Paesi che risponderanno alla lettera d’invito inviata il 4 gennaio dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e confermeranno la loro presenza nel 2015.
Le relazioni si sono susseguite presentando i rendering di quanto si sta facendo per portare Milano e l’Italia sul palcoscenico del mondo: Il dibattito è stato molto concreto, nessuna retorica: proprio in coerenza al tema. Venti milioni di visitatori da 130 paesi. Questi i numeri previsti per l’Expo 2015 che proietterà Milano e la Lombardia, dal 1 maggio al 31 ottobre 2015, al centro del panorama internazionale. Letizia Moratti Sindaco di Milano e Commissario  per l’Expo, ha dichiarato: “vogliamo accogliere i visitatori nelle nostre eccellenze riconosciute anche da esperti al di sopra delle parti”. Guido Podestà Presidente della Provincia di Milano, ha posto l’attenzione sulla valorizzazione della Provincia “perché Milano ha delle realtà eccellenti che la portano ad essere un riferimento per l’agricoltura ed il turismo”. Umberto Veronesi Direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia ha proposto la Carta Milano “una carta dove riscriviamo la nuova Milano. Una Milano più umana, che sia un riferimento per la comunità scientifica e non”.Mario Monti, Preside dell’Università Bocconi ha aggiunto “siamo a buon punto sul fronte  delle relazioni, della visibilità, ma non facciamo altrettanto bene sul fronte della coerenza, ovvero non possiamo immaginare uno sviluppo con progetti sostenibili e siamo i primi a creare smog, a non tenere sotto controllo l’inquinamento atmosferico”.
“L’Expo – ha detto Roberto Formigoni – è stata una grande vittoria della città di Milano, della Lombardia e di tutta l’Italia e costituisce un grande sogno e una grande speranza per il futuro. Per questo la responsabilità e la sfida in capo a tutti i soggetti chiamati a costruire l’Expo sarà quella di costruire un evento unico, che possa essere intelligente,
divertente e partecipato, per mostrare al mondo il volto più bello ed attrattivo del nostro territorio”.
Sull’argomento il Presidente Formigoni ha sottolineato l’importanza del rapporto fra l’uomo e la natura.
Il tema proposto per la Expo è Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, vuole includere tutto ciò che riguarda l’alimentazione, dal problema della mancanza di cibo per alcune zone del mondo, a quello dell’educazione alimentare. Questi grandi temi saranno sviluppati all’interno di architetture dove le grandi vasche d’acqua e le sue architetture riflesse sono già di per sé simbolo e forza comunicativa del benessere che il pianeta attende, e che le nuove generazioni si aspettano dalla nostra generazione.
Nel periodo 2010 – 2015 verranno creati 70.000 posti di lavoro.
Nei 6 mesi dell’Expo si stima che arriveranno 29 milioni di turisti, per una media giornaliera di 160.000 visitatori.
L’evento porterà oltre 20 miliardi di euro d’investimento in infrastrutture.
Nell’arco dei 6 mesi dell’Expo verranno organizzati 7.000 eventi per la cui realizzazione saranno richiesti 892 milioni di euro; il fatturato del mondo imprenditoriale milanese aumenterà di 44 miliardi di euro, pari ad un incremento del 10%; verranno creati 11 km2 di spazio verde. Secondo Bruno Ermolli, Presidente della Promos della Camera di Commercio di Milano “per una buona riuscita dell’Esposizione sarà essenziale coinvolgere le nostre imprese in progetti che generino un indotto e creino ricadute concrete fin da subito”. “La prima sfida dell’Expo – ha proseguito Ermolli – sarà realizzare una grande sinergia tra la fisicità dell’evento mondiale e la virtualità tra le innumerevoli connessioni che permetteranno di realizzare una vera piattaforma universale di relazioni”.
Milano ha scelto uno spazio progettuale, secondo la nostra tradizione ambrosiana, inquadrando tutta l’esposizione in una struttura urbanistica geometricamente organizzata secondo il cardo e il decumano, che è stata la prima pietra che ha creato Milano Città.
L’acqua, e le architetture che vi si rifletteranno, rappresenteranno i valori di benessere che sono l’augurio e le eredità che le future generazioni si aspettano da noi.
Tutte le forze imprenditoriali che si vogliono mettere in gioco, sono invitate.
La rivista LA PISCINA che ha nel suo payoff Sport Aggregazione e Benessere racchiude in tre parole il significato del messaggio che si vuole trasmettere ai nostri lettori e alle forze imprenditoriali che operano in questo settore.
Certo ci sentiamo anche noi responsabili di questo messaggio e insieme all’energia creativa, progettuale, industriale che ci è vicina cercheremo di dare un contributo al successo dell’EXPO 2015.

2 Giuseppe Sala, amministratore delegato di Expo 2015, che ha scandito la tabella di marcia dei lavori a venire, e ha chiarito che cosa resterà al territorio una volta spenti i riflettori della manifestazione: un parco tematico, la cittadella tecnologica e dei media, un quartiere residenziale e il centro di sviluppo sostenibile
3 L’Expo spiegato ai milanesi è stato introdotto con una efficace e stimolante suonata e cantata sul palco del teatro Dal Verme dalla Pfm Premiata Forneria Marconi: Francone Mussida, Patrick Djivas e Franz di Cioccio, che nell’acronimo di Pfm dovranno trovare un nuovo significato (Progetta il futuro di Milano, copyright Mario Monti), e della voglia di futuro portata da Antonio Albanese. il convegno “Expo incontra Milano”: ospiti Antonio Albanese e Linus di “radio dj”.www.assopiscine.it

Condividi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.
Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagine(cookie)(technical cookies) (statistics cookies)(profiling cookies)