FARE

Vivere


Mutino, sulle colline toscane

In un luogo magico, tra mare, lago e collina una casa immersa nella vegetazione.

An enchanted place surrounded by greenery.

Progetto di Massimo Carli e Magda Martinotti, architetti
Servizio e testo di Antonella Tundo, architetto
Foto di Athos Lecce

Abbandonando la strada che conduce a Viareggio e insinuandosi nell’entroterra collinare ci si trova in una natura rigogliosa: qui, incastrata tra le rocce ed emergente da queste, con una forma statica e pulita, si trova la casa dei coniugi ed architetti Carli. La ristrutturazione della struttura ha seguito la logica della sua collocazione tra il mare, la collina e il lago di Massaciuccoli ed è parso naturale agli architetti usare molto verde e molto azzurro e materiali mediterranei, come la ceramica di Vietri. L’intradosso del tetto è verniciato bianco, per creare una certa leggerezza e per uscire dagli abusati schemi di "toscanità": qui la vista bellissima del mare non suggerisce l’uso del cotto e del castagno,
come sarebbe naturale oltrepassate le colline.

When you leave the road to Viareggio, you encounter a hilly landscape with dense vegetation. Here, ensconced between the rocks and rising above these is the house of the Carlis (husband and wife are both architects). The
renovation of the building reflects its setting between sea, hillside, and the lake of Massaciucoli, so it seemed normal
for the architects to use a lot of green and light blue together with Mediterranean materials such as Vietri ceramic. The intrados of the roof is painted white to create a sense of lightness and to get away from overused Tuscan themes.
Here the spectacular view of the sea does not call for the use of terracotta and chestnut wood, as would normally be the case beyond the hills.The underlying idea for the renovation of the house has been to maintain the simplicity of structural forms, while doing away with over-used Tuscan themes in terms of aesthetics, albeit maintaining content. On
the lower floor, the house is explicitly attached to the rock upon which it stands, and the walls of the rooms only have partial white plastering with skirting board in rough-hewn stone.

Questa casa nasce dalla roccia e la singolarità degli spazi interni trova un giusto dialogo
con il ricercato verde esterno, risultato di studi e di un’attenta progettazione.

Una colazione unica su questa terrazza dal panorama splendido, da cui nei giorni limpidi si può scorgere la Gorgona e, in
quelli limpidi invernali, la Corsica. Poltroncine Driade.

The terrace with its spectacular panorama makes for a unique lunch; here you can enjoy clear skies as you enjoy the view of the Gorgona Island and, on clear winter days, Corsica. Driade armchairs.

Nel giardino dominano rampicanti, come il fiorito "finto gelsomino" -che ricopre tutti i pilastri del portico e dà un’idea di
pergolato sulla terrazza sovrastante, cespugli fioriti e rose, quelle botaniche e antiche, consone alla semplicità del posto. Verso il lago il bambù anticipa il panorama, insieme a qualche fioritura azzurra.

Climbing plants fill the garden, such as the flowering jasmine that covers all the pillars of the portico and acts as a pergola for the terrace above, in addition to flowering shrubs and roses (both botanical and old species) that fit in
with the simplicity of the place. Towards the lake, bamboo introduces the panorama in addition to some light blue flowers.

Ogni angolo è studiato per ottimizzare le funzioni; la pavimentazione invece, sottolinea il passaggio tra pranzo e living, ceramica di Vietri da un lato e legno nella calda zona giorno.

Every corner has by designed to maximise use; the floor underlines the passage between dining and living room with
Vietri ceramic on one side and wood in the warm living area on the other.

L’idea che ha dominato tutto il progetto di recupero della villa infatti è stato quello dell’essenzialità delle forme strutturali, tralasciando, solo nell’estetica ma non nei contenuti, facili toscanismi abusati. La casa, nel piano inferiore mostra esplicitamente di essere ancorata alla roccia su cui sorge, le pareti delle stanze infatti solo in parte sono in intonaco ed hanno per zoccolo la pietra viva. In ogni ambiente si è immersi tra natura, design ed una ricercata casualità
Qui si trovano oggetti vintage recuperati nei mercatini o di proprietà, semplici mobili ed accessori realizzati su disegno, come in cucina e nel soggiorno, o si possono trovare anche numerosi pezzi d’autore con accanto utensili
con richiami espliciti ad una vita rustica e campagnola.
Tutto convive splendidamente ottenendo un effetto accogliente e naturale, non "di serie".
Nella zona pranzo ad esempio vi sono un tavolo vintage e delle sedie pieghevoli recuperate in un vecchio cinema all’aperto di Firenze; altre sono esemplari di Direttorio rustico; sempre in questo ambiente, interessante il portapiante in
ferro battuto fatto a tralcio d’edera, un lavoro tipico dell’artigianato fiorentino degli anni 50- 60.

UN CAMINO DALLE LINEE ESSENZIALI

Un camino dalle linee essenziali. Il camino sobrio nelle sue forme e nella sua tonalità è stato ristrutturato mantenendo il suo aspetto preesistente con la sua cappa trapezoidale, l’unica aggiunta solo una nuova smaltatura bianco brillante che gli ha
conferito un carattere "New England". Il camino a filo parete è sottolineato da una fascia appena in aggetto in mattoni che lo riquadra. Collocato ad angolo nella zona giorno, pur non centrale, è il fulcro dell’ambiente, la semplicità ed essenzialità
della sua finitura è scenograficamente perfetta per creare l’allestimento adatto a valorizzare ed a integrarsi con il resto dell’arredamento vintage e ricercato, con pezzi antichi ed altri di design con una sottintesa vena rustica e bucolica. Sul camino è stata riposta una vecchia specchiera francese con una cornice a stucco e specchio al mercurio.

Ai lati del camino è visibile una preziosa collezione di incisioni al bulino della fine del ‘700, rappresentanti le statue classiche della raccolta Della Rovere a Genova.
Il pavimento in legno di larice perlinato rende la zona ancora più calda ed accogliente e i divanetti al lato del camino suggeriscono la sosta ed invitano ad un momento di relax davanti al fuoco.

Sempre nella zona cucina si trovano il ripiano snack con sgabelli "Mezzadro" di Zanotta, originali del 1974 e il pavimento in mattonelle di ceramica dipinte a mano, produzione Pinto, Vietri. Nel soggiorno divano-letto Thonet originale,
con tessuto provenzale a motivi di olive : come molti arredi di questa casa di epoca e sapore liberty (armadi, cassettoni, specchi) si trovava nelle vecchie soffitte e negli alloggi per la servitù dell’Hotel Palace di Viareggio (dei tempi in cui si chiamava "Mediterraneo"), tra questi mobili che non seguono una linea unica ma mixano stili; rompono ogni schema le pelli di renna acquistate in un viaggio in Norvegia.

In each room you are immersed in nature, design, and deliberate casualness.There are vintage objects from flea markets, heirlooms, simple custom-made furniture and accessories both in the kitchen and living room, in addition to numerous designer objects alongside tools reminiscent of a country life. Everything coexists marvellously to create a welcoming and natural effect. The dining room has a vintage table with folding chairs salvaged from an old open-air cinema of Florence; there

 

condividi :
IL LEGNO E’ BIO
20/01/2014
Redazione
18/04/2008