PENSARE

I VINCITORI delle prime 5 Edizioni – Tadao Ando 1996

I EDIZIONE – 4 OTTOBRE 19

Kobe, Tomamu, Ibaraki GIAPPONE
TADAO ANDO

MOTIVAZIONE: Nelle opere architettoniche a carattere religioso della cappella sul monte Rokko a Kobe (1985-86), della cappella sull’acqua a Tomamu (1985-88) e della chiesa della luce a Ibaraki (1988-89), progettate dall’Arch. Tadao Ando, appaiono evidenti e costanti contenuti di semplicità, di purezza di linee e di intensità mistica, particolarmente significativi per la connotazione dello spazio sacro.
L’emozione poetica, che distingue le opere di Tadao Ando, raggiunge un’alta comunicazione della presenza dello Spirito di Dio, attraverso il parsimonioso e sapiente uso dei rapporti tra spazio, superfici e luce. È fonte di significativa emozione anche il modo in cui, nelle sue opere, il paesaggio e gli elementi naturali – piante, cielo, acqua – divengono operatori poetici nella costruzione del luogo sacro, dilatando così il messaggio architettonico verso un orizzonte cosmico.
Il Premio Internazionale di Architettura Sacra riconosce la validità artistica degli spazi sacrali di Tadao Ando come ambiti capaci di dare verità visibile all’atto interiore della preghiera. Inoltre il Premio intende esprimere un orientamento per la ricerca architettonica, affinché i principi della semplicità, della rigorosità, della purezza e dell’armonia delle forme siano intesi come valori primari insostituibili.
Pavia, 18 giugno 1996http://pro.dibaio.com/tadao-ando

La cappella sull’acqua di Tomamu; pagina a lato, la chiesa della luce di Ibaraki, in Giappone. (Foto Fondazione Frate Sole)

La chiesa sul Monte Rokko (camminamento d’entrata).
L’Arch. Tadao Ando riceve il Premio FRATE SOLE da P. Costantino Ruggeri, il 4 ottobre 1996. (Foto Fondazione Frate Sole)

Premio Internazionale di Architettura Sacra FRATE SOLE – I edizione 4 ottobre 1996 – Elenco Partecipanti

Keuskupan Agung (Indonesia)
Alfonso Alessi (Italia)
Gabriel Allende (Spagna)
Giovanni Ambrosi (Italia)
Avda Universitaria (Ecuador)
Dieter Georg Baumewerd (Germania)
Becko (Bulgaria)
Todor Boulew (Bulgaria)
Michael Boreskie (Canada)
Ugo Brunoni (Italia)
Juan Carlos (Spagna)
Continental Express Conshuchura
Num (Repubblica Dominicana)
Adriano Costantini (Italia)
Justus Dahinden (Svizzera)
Studio Emilio Faroldi (Italia)
Fiebigen Gmbh (Germania)
Gaboury (Canada)
Yuri Georgiev (Bulgaria)
G. Gnudi, M. Gnudi (Italia)
Riccardo Gonzales (Perù)
Francesco Grilli (Italia)
Gruneberg&Partner (Germania)
Katc. Kirchengemeinde (Germania)
Stefan Haas, Auf Vogelsang (Germania)
S.G.Hanke (Germania)
Xavier Iglesias (Florida, USA)
J C.&I 5. (Spagna)
Enrique J.A. Martin (Spagna)
Josep Benedito Agusti Mateos (Spagna)
Mensajeros De Levante PR (Spagna)
Lund&Slaatto (Norvegia)
Marko Muste (Slovenia)
Nuria Calles (Spagna)
Jose Padres Garcia (Perù)
Guido Palomba (Italia)
Parroquia Nuestra Senora Derabida
(Argentina)
Bert Pellia (Germania)
Andres Perea Ortega (Spagna)
Peto Associates (Zimbawe)
Arcadi Pla I Masmiquel (Spagna)
Esteban Prieto Vicioso (Repubblica
Dominicana)
Keuskupan Purwokerto (Indonesia)
Giancarlo Rosa (Italia)
Luca Rossi (Italia)
Dante Salmè (Italia)
Carlo Sarruti (Spagna)
Roberto Scardella (Italia)
Karl Josef Schattner (Germania)
Peter Schickel (Germania)
Mike Shaw (Sudafrica)
Natalie C. Smith Architect (Canada)
Jo Wolf Klaus Trageser (Germania)
Ottokar Uhl (Austria)
Mario Vallejos (Bolivia)
Angelo Verderosa (Italia)
Silvano Zanoni (Italia)

condividi :
La proposta di recupero dei gasometri
16/01/2009
Fuoco, Arte, Cultura
29/06/2006