ARCHITETTURA FARE

vetro

VETRO

IL RIVESTIMENTO DELLA STUFA NON È SOLO UNA QUESTIONE ESTETICA, CHE PERALTRO HA UNA GRANDE IMPORTANZA PER LA MIGLIORE COLLOCAZIONE NELL’ARREDAMENTO DELLA NOSTRA CASA E PER IL GRADIMENTO CHE PUÒ COGLIERE IL NOSTRO OCCHIO, MA ANCHE E SOPRATTUTTO UNA SCELTA TECNICA CHE HA GRANDE INFLUENZA SUL RENDIMENTO TERMICO IN TERMINI QUANTITATIVI E QUALITATIVI: COSÌ LA MAIOLICA, OLTRE CHE MOLTO DECORATIVA, ACCUMULA IL CALORE E LO CEDE LENTAMENTE, LA PIETRA OLLARE, PIÙ SEMPLICE, SVOLGE LA STESSA FUNZIONE, LA GHISA SCALDA MOLTO RAPIDAMENTE, COME L’ACCIAIO, PIÙ BRILLANTE, IL VETRO DIFFONDE UNIFORMEMENTE UN GIUSTO CALORE.

Scandinavia Design
Nelle case moderne, lo spazio è caratterizzato da superfici lisce, prospettive accattivanti e tecnologie avanzate, in cui la semplice aggiunta di un elemento può creare o sottolineare una sensazione di equilibrio o di dinamismo: per questo la Hwam, distribuita da Scandinavia Design, ha creato Wall, modernissima stufa da parete caratterizzata da un design attualissimo ed elegante, soprattutto col rivestimento formato da bacchette di vetro, che si accendono di mille riflessi del fuoco, moltiplicandone lo spettacolo: già l’antina scorrevole a saliscendi, anche con comando elettronico, non solo offre una vista panoramica del fuoco, ma permette di scegliere tra l’alto rendimento della stufa o il piacere del focolare aperto; la potenza termica è di 6 Kw e scalda un appartamento fino a 90 mq.

Accanto alla stufa un caldo pavimento di legno rappresenta l’ideale complemento, purché si abbia l’accortezza di interporre una lastra sufficientemente ampia di materiale incombustibile e isolante tra una e l’altra (la sicurezza antincendio non è mai troppa). La scelta di un parquet va fatta in sintonia con l’arredamento che si ha o si vuole realizzare nell’ambiente, accostando la sua essenza a quella prevalente dei mobili oppure creando un sapiente contrasto; quelle europee ricorrenti sono il rovere, il noce, l’ulivo, il faggio e il frassino (nella foto, listoncino Florian), quelle esotiche l’iroko, l’afrormosia, il wengé, il mutenye, il teak e il doussié; i formati sono, dal più economico al più costoso, e di maggiore qualità e resa estetica, il mosaico (spessore 8 mm, lunghezza dei listelli 12-16 cm), il lamparquet (spessore 10 mm, lunghezza 20-35 cm), il listoncino (spessore 14 mm, lunghezza 40-60 cm) e il listone (spessore 22 mm, lunghezza da 50 fino a 160 cm), sia nella versione tradizionale (da levigare e da lucidare in opera) sia in quella prefinita da posare e da calpestare in breve.

condividi :
Nella macchia mediterranea
28/07/2006
Il piacere e il comfort della bioedilizia
30/12/2011