ARCHITETTURA FARE PENSARE

Vasi e contenitori di terracotta

Contenitore ornamentale per ospitare piante perenni e soprattutto quelle alte, dai colori tenui, un vaso ornamentale può accogliere le piante ed essere al tempo stesso elemento decorativo, bello anche vuoto.

Si sente sempre più l’esigenza di scegliere i vasi non solo per la loro funzione di contenitori, ma anche per la loro funzione decorativa; infatti se i contenitori sono brutti o inadatti si rischia di ottenere un effetto deludente anche
con le piante più belle e magistralmente disposte. Ultimamente si trovano in commercio vasi di qualsiasi materiale, dimensione e forma.

Vi sono quelli che riproducono motivi classici in stile greco, romano, cinese, rinascimentale e
vittoriano. I contenitori in terracotta si inseriscono bene in ogni posto; per questo motivo alla fine dell’estate, i contenitori più decorativi vanno trasferiti dall’esterno all’interno delle nostre case per abbellire qualche angolo di una
stanza o della veranda.

In Edicola

Nella pagina accanto, vediamo varie composizioni molto caratteristiche ed un bel vaso formato da foglie di terracotta.

Qui sopra una splendida immagine di un vecchio vaso smaltato incorniciato da una aiuola di viole; sotto da sinistra vediamo un classico vaso con festoni rinascimentali; un tripode in ferro zincato che accoglie una gardenia bianca e qui sotto una composizione di piante perenni ed annuali.

Fine dell’estate o inizio dell’autunno? È difficile stabilire con precisione quando inizia una nuova stagione. Adesso comunque è il momento in cui giornate calde si alternano a momenti più freschi, talvolta quasi freddi, ed è ora di pensare dove sistemare le nostre piante ed i loro contenitori.

La terracotta è un materiale naturale molto affascinante e senza tempo e si adatta a qualsiasi ambientazione sia
moderna che classica. I vasi realizzati artigianalmente a mano e decorati sono molto costosi, ma al contrario, quelli più semplici, anche di grandi dimensioni, costano all’incirca come quelli di plastica. Questo materiale dura nel tempo ed
è di facile manutenzione. La terracotta, essendo porosa, non fa marcire le radici in quanto permette l’evaporazione
dell’acqua attraverso le pareti, rispetto ad altri materiali offre un maggior isolamento termico durante l’inverno. La terracotta è un materiale fantastico che non stona inserita in qualsiasi stile ed epoca, ma esistono in commercio contenitori di tutti i tipi e materiali, vediamo quali: il fibrocemento sembra una pietra, è molto pesante ma di grande
effetto; la vetroresina con cui si realizzano contenitori molto eleganti in tutti i colori desiderati, molto costosa;
la ceramica smaltata, utilizzata per evocare immagini orientali o esotiche, si presta per piante di grandi dimensioni;
la plastica è molto economica ma di scarso risultato estetico, non tanto per la forma di questi contenitori, ma per i colori molto artificiali; la cellulosa riciclata, molto economica, è da utilizzare per piante stagionali ricadenti; la pietra
ricostruita è pesante e molto costosa, ma di sicuro effetto per realizzare grandi fioriere; il legno verniciato o naturale
per cassette e fioriere è un ottimo materiale.

I contenitori in terracotta per poter essere utilizzati indifferentemente in casa come all’aperto, devono essere resistenti al gelo, ciò significa che l’argilla con cui sono costruiti deve essere stata adeguatamente trattata e cotta ad alte temperature.

Alla fine dell’estate, bisogna preoccuparsi non solo di quei preziosi contenitori ornamentali di cui abbiamo già parlato, ma anche di vasi e vasetti, di ogni forma e dimensione, che si accumulano un po’ disordinatamente in ogni angolo del terrazzo o del giardino. Radunateli, scartate quelli rotti o che non vi piacciono più e pulite accuratamente quelli rimasti,
lavandoli con una soluzione acquosa di solfato di rame e solfato di ferro al 5%.

Lasciate asciugare bene i vasi di cotto, in modo che sulle pareti non si possano formare muffe, dopodiché impilateli a seconda delle misure, uno sull’altro. Rimarranno in ordine e puliti per la prossima primavera. Anche per gli attrezzi bisogna utilizzare qualche cura per non trovarli sporchi e arrugginiti fra qualche mese. Lavateli e raschiateli in
modo che siano ben puliti e infilateli in un vaso riempito di sabbia in cui avrete versato dell’olio.

Un vaso ornamentale deve essere messo in risalto da piante di dimensioni ridotte che non ne nascondano la sua bellezza. Si tenga presente che c’è una giusta proporzione tra la dimensione del contenitore e il tipo di pianta che dovrà ospitare. Un vaso troppo piccolo, contenendo poco terriccio, trattiene a stento l’umidità ed offre poche sostanze
nutritive, per cui la pianta crescerà con difficoltà. Quindi attenzione alla dimensione, al tipo di pianta e alla maneggevolezza del contenitore che con l’arrivo del freddo dovremmo ritirare nelle nostre case.

condividi :
La Cattedrale di SS. Donato e Pietro di ArezzoL’apertura del presbiterioDr. Arch. Michele Liberatori”Che i tempi siano brevi”
24/11/2005
Coerente tra le rocce
22/07/2009