ARCHITETTURA FARE

Uno scenario esotico e suggestivo


A Cantù, arredare tra i mobilifici

La presenza dei cactus porta la fantasia a compiere il salto: le calde tonalità e le accoglienti forme degli arredi diventano l’occasione di forti emozioni.

Arch. Federica Baroni e Walter Vercellini
Servizio: Carolina Grassi
Foto di: Athos Lecce
Testo: L. Servadio

È come un angolo fascinoso del deserto, ma una porzione di deserto ubertoso, come se ne trovano in alcuni luoghi in Algeria o in Messico; così il cactus risulta decisamente in linea con l’ambientazione generale.
È uno scenario disegnato con cura, dove il tono emotivo è dato dai cromatismi dominanti: dallo scivolare di tonalità calde e terrose come quelle del wengè light della pavimentazione che accoglie chi entra sin dall’ingresso. Nel soggiorno
quelle tonalità si arrampicano sulla sedia, stilizzata come una presenza arborea, sul tavolino, sulla pelle del divano, su su fino alle cornici dei quadri alle pareti.

…Ogni cosa nella tonalità e sfumatura del marrone terra bruna…

C’è qualcosa che sa di primitivismo nel tappeto e nelle immagini che compaiono nei quadri, ma la raffinata esecuzione
di elementi come il divano Poltrona Frau, il tavolo Cassina, le lampade Fontana Arte e la sedia Cappellini completano un
interior design di classe.

Ottenere linearità di segni e materiali all’insegna del rigore estetico

È come il dilatarsi di un color terra in molteplici variazioni addomesticate nel legno e nel cuoio. Il potere suggestivo di queste coloriture sa trasmettere la calma pacatezza di una lussuosità non sgargiante. Le visioni che evocano questi arredi riconducono alla temperie “etnica” che deriva dagli echi di terre lontane, ma la fattura si avvale della raffinatezza tipica della grande produzione italiana: intramontabile, capace di recepire suggestioni e echi diversi, tramutandoli in forme consapevoli sempre di una destinazione adatta all’uso quotidiano, nel segno della comodità e della raffinatezza estetica. La lampada da terra trova la sua ragion d’essere non tanto nella necessità luministica – bene assolta da altre fonti – ma dal valore emblematico che acquisisce nel contesto: la sua sfericità ricorda il sole splendente su questo scenario disegnato con equilibrio e fantasia.

 

condividi :
San Pietro in Gessate
24/11/2005
Certificazioni e sostenibilità
05/04/2011