PENSARE

Una stube in Alto Adige.

In un’antica casa tirolese dove tutto è rimasto tradizionale

Località: La Mara, Bressanone
Testo: Walter Pagliero
Foto: Athos Lecce

In Tirolo come in Alto Adige per ‘stube’ s’intende sia la caratteristica stufa di origine medioevale, sia la stanza che la contiene, sempre adibita a soggiorno-pranzo. Questa stufa, costruita rigorosamente in muratura con mattoni refrattari, ha una copertura a botte che appare come un semi-cilindro intonacato con inseriti elementi ceramici a forma di tazza, utili per meglio rilasciare il calore, una volta concavi e ora anche convessi.

Nelle foto: Questa antica e semplice casa contadina, sorge sopra una vigna (che probabilmente è la ragione per cui è nata) chiamata Kuen Hof.
Il classico ambiente delle case in Alto Adige, a stube, arredato in modo tradizionale con tutti i particolari obbligati: un grande crocefisso, un vecchio orologio a pendolo con un grande quadrante, una lampada a saliscendi con abat-jour di vetro opalino plissettato, un tavolo con sedie di foggia ancora gotica.
Nella foto a destra si vede la stube, intesa come stufa, contornata dalla classica panca continua, la preferita dai più freddolosi. Sopra il tavolo, alcune bottiglie di vino prodotte direttamente dal padrone di casa, Peter Pliger, con l’uva
della vigna sottostante la casa: si tratta di vini bianchi di alto lignaggio che si fregiano del titolo di nobiltà “Südtirol Eisacktaler”.

E’ poggiata su una base rettangolare ricoperta con piastrelle di maiolica decorate e tutt’intorno ha un’incastellatura di legno che serve per dormirci sopra quando il fuoco è tiepido. La saggezza montanara che nei secoli ne ha fissato le forme e il tipo di utilizzo, ha anche disposto che lo sportello per l’alimentazione del fuoco fosse sempre in corridoio, in modo da non aver mai fumo in soggiorno (un’accorgimento che spesso non si ritrova nelle stufe di pianura).

condividi :
I confini del giardino
14/09/2005
La permanenza pur nella metamorfosi
31/07/2005