ARCHITETTURA FARE

Una piscina superprotetta

Servizio: Luisa Carrara
Foto: Athos Lecce
Testo: Walter Pagliero

Le colline lucchesi, dove sorge questa piscina, grazie al loro disporsi ad anfiteatro su vari livelli fino ad arrivare al mare, formano uno dei paesaggi più incantevoli della Toscana. Sotto un’antica pieve, all’interno di un secolare uliveto, c’era una costruzione del ‘700 in pietra che serviva da deposito per le olive e da stalla per il ricovero delle pecore. Nella recente ristrutturazione è stato mantenuto tutto l’esistente e le parti ricostruite sono state fatte utilizzando materiali simili recuperati da costruzioni della stessa epoca.

La vera novità è la piscina, non molto larga perché alloggiata sotto la casa dove inizia un ripido declivio, ma ben attrezzata e funzionale. Di forma volutamente semplice (rettangolare con scala romana) ha una cornice in travertino e un bordo in piastrelle antisdrucciolo. Quel che più la caratterizza e la rende fruibile anche nelle giornate piovose o ventose (qui siamo quasi alla sommità di una collina e quando c’è vento lo si sente) è il suo tetto trasparente: una copertura in acciaio inox fatta a telescopio con elementi singoli che scorrono su binari fino a coprire tutta l’estensione della piscina.

Quando è chiusa si limita a occupare la parte del solarium, dove si trova un’ulteriore riparo: una tenda a padiglione sorretta da semplici montanti, sempre in acciaio inox verniciato. Accanto alla piscina è stato installato un idromassaggio costruito in calcestruzzo e rivestito di resina, con una curiosa e funzionale copertura in vetro fornita dalla ditta Neon Bicicchi di Viareggio. Tutto, compresa la piscina, è stato eseguito dalla ditta Quadrifoglio Scavi di Brunello Pardini, sita a Piano di Mommio in provincia di Lucca.

Un muretto in pietra locale divide questa zona da un terrazzo più alto, dove sorgono sia la casa che il giardino (un agrumeto con cedri, limoni e pompelmi). La casa e la piscina si trovano in una frazione di Massarosa, sopra Viareggio, chiamata Pieve a Elici. Sembra di essere fuori dal mondo, ma non è così.

Nella foto: la copertura trasparente, completamente chiusa, comprende anche un delizioso tettuccio a forma di mezzo cono per la scala romana. Il sistema ad allungamento telescopico ha il vantaggio di essere semplice nella manovra
di apertura e chiusura (basta far scorrere sui loro binari i singoli elementi) e nello stivaggio (tutte le parti si sovrappongono l’una sull’altra occupando pochissimo spazio). In zone con microclima favorevole questa copertura permette di tener raccolto il calore dell’acqua riscaldata in modo che ci si può immergere anche fuori stagione.

Le coperture telescopiche come una serra vetrata e riscaldata
Una copertura telescopica per piscine A. di Arcobaleno offre la possibilità di usufruire di un’ acqua, la cui temperatura, grazie all’effetto serra, può aumentare di 8-12 gradi. La copertura isola la piscina da tutte le impurità esterne, foglie, rami secchi, insetti… elementi che alterano la qualità dell’acqua, e garantisce la sicurezza dei bambini. A. di Arcobaleno fornisce vari tipi di copertura telescopica, che si adattano alle esigenze estetiche e architettoniche del luogo in cui verranno installate:
Copertura telescopica alta
Caratteristiche: luminosità, comfort, spazio.
Si integra nella maggior parte dei siti per creare un ambiente conviviale e gioioso… "il salotto buono di casa"!
Copertura telescopica bassa
Caratteristiche: protezione, sicurezza, estetica, economia.
L’essenziale della copertura telescopica.
Copertura telescopica addossata
Caratteristiche: la piscina fuori e…in casa, uno spazio in più da creare in un attimo…!

E coperture telecopiche sono strutture complesse che, una volta chiuse, creano intorno alla vasca spazi protetti ampiamente vivibili che permettono di sfruttare la piscina anche nei mesi più freddi, configurandosi come una serra vetrata e ricaldata. Si installano su tutte le piscine all’aperto di qualsiasi forma e dimensione. Sono strutture composte da montanti e traverse in alluminio anodizzato, e completate nella parte superiore da lastre di policarbonato alveolare trasparente. Durante le stagioni intermedie porte e finestre scorrevoli si aprono anche solo parzialmente, favorendo l’areazione del locale e migliorando il microclima interno.

In queste foto si nota la copertura dell’idromassaggio. Costruito in cemento e foderato in resina, ha una copertura
molto particolare in vetro sagomato. La scaletta che si scorge nella foto porta a un locale sotterraneo adibito a
palestra, sauna e all’idromassaggio che prende luce dall’alto. Si tratta di una piscina veramente molto funzionale.

Le coperture telescopiche per un tuffo tutto l’anno
Le coperture per piscina VOROKA, sia fisse che telescopiche, sono realizzate con materiali di prima qualità e vengono garantite per 2 anni da qualsiasi difetto di fabbricazione, mentre per il policarbonato la garanzia è estesa a ben 10 anni. Lo standard qualitativo è garantito da oltre
30 anni di attività specifica nel settore, con sistemi di produzione altamente tecnologici e una capacità produttiva che consente allo Stabilimento di Stoccarda di fabbricare oltre 600 coperture l’anno.

Una realizzazione particolare per il modello tondo fuoriterra.
Il modello Prestige scorrevole su rotaia, composto da 4 o più
elementi di lunghezza variabile.

L’effetto serra garantito dalle piscine consente un guadagno di circa 8°C
della temperatura dell’acqua di piscina e di 16-18°C della temperatura ambiente rispetto all’esterno. Possibilita’ di personalizzazioni su tutte le coperture, come prolungamento delle rotaie guida, rinforzi aggiuntivi per zone molto nevose, variazioni di altezza della copertura, esecuzioni con tetto o pareti laterali trasparenti, verniciatura con colore a scelta dei profilati in alluminio. Distribuite in Italia da EURAQUA.

L’utilizzo di una copertura di questo tipo contribuisce anche a mantenere pulita l’acqua della piscina ottimizzando e rendendo meno assidue le operazioni di pulizia, senza diimenticare che vengono limitate o rese più rapide gli interventi
di manutenzione, come come il controllo dell’acqua e il dosaggio dei prodotti chimici. Per quanto riguarda l’ingresso alla zona piscina, si può inserire una comoda porta scorrevole o una porta con chiusura "a libro".

Bellezza del design e alta qualità del montaggio caratterizzano il modello Orient per la
piscina rotonda (Aquanova)

Nelle coperture più ampie o in quelle a forme di cupola possono essere inserite anche delle finestre per migliorare sensibilmente la ventilazione. La struttura è resistente alla ruggine e a parte la pulizia e i risciaqui con l’acqua, essa non richiede lavoro supplementare. Solo le parti mobili (cerniera, chiusura e le ruote di tutti i segmenti) richiedono un mantenimento speciale. Con la lubrificazione di queste parti, la struttura continuerà a funzionare perfettamente per un lungo periodo.

condividi :
Quando il camino diventa struttura.
01/09/2005
Piani cottura
27/09/2006