FARE

Una morbida curva tra le vette


Il rifugio Roccolo Ventura, in Alta Valle Camonica

Un progetto per un rifugio ad alta quota dove le due falde curve, in legno lamellare, seguono un’onda naturale confluendo in una.
L’atmosfera di tranquillità, serenità e penombra è fluidamente interrotta, con la sapiente regolazione della luce.

Il Rifugio Roccolo Ventura si trova nel comprensorio sciistico dell’Adamello a pochi passi da Ponte di Legno e da Temù, in provincia di Brescia, ad una altitudine di 1800 m.s.l.m. La struttura è adibita a bar e ristorante a servizio degli sciatori, nella stagione invernale e degli escursionisti nel periodo estivo. L’edificio è stato pensato adagiando sul movimentato profilo del terreno due falde curve e continue. Un invito per fermarsi, riposarsi e godere del paesaggio circostante.
Osservando l’architettura della struttura si nota come il profilo della copertura sia morbido, aderente al paesaggio
che lo circonda, con l’intento di ridurre l’impatto ambientale e mimetizzare l’opera costruita.
Questa tendenza è consentita dalla possibilità del legno lamellare di lasciarsi curvare. Sugli esterni si è voluto giocare con i colori abbinando il grigio argento delle pareti, che simulano il colore del legno ossidato dal tempo, ed il rosso vivo dei serramenti che evidenziano come la proporzione e la simmetria siano state piegate alla razionalità dell’interno, in linea con lo stile ed il modo di pensare dei nostri “vecchi”, più avvezzi alla praticità che all’estetica. L’edificio è costituito da una ossatura portante di travi e pilastri in legno lamellare posizionati nei punti principali di carico delle strutture.

Il tamponamento delle pareti esterne è stato eseguito utilizzando elementi pre-accoppiati lignum KS, costituiti da doppio tavolato in legno con uno strato isolante centrale in fibra di legno. Sulla facciata interna è stata inoltre realizzata una contro-parete a secco costituita da una struttura in legno con interposto uno strato isolante, sempre in fibra di legno e all’interno una doppia lastra di cartongesso. Nell’intera opera è stata prestata molta attenzione ai fattori di benessere ambientale, come, per esempio, l’isolamento termico, considerata l’alta quota dell’edificio. Per le pareti, la sequenza dei
vari strati di materiali, legno, fibra di legno e cartongesso consente di ottenere un isolamento termico di classe A; anche per la copertura si è usata una serie di pannelli in fibra di legno con diverse densità, che insieme danno un ottimo isolamento termico.

Legno dentro e fuori

PER QUANTO RIGUARDA LA COPERTURA, NON POTENDO SFRUTTARE LA VENTILAZIONE NATURALE, VISTA LA SUA FORMA SI È DOVUTO OPTARE PER UN SISTEMA CHE PREVEDE UNA SERIE DI PANNELLI IN FIBRA DI LEGNO CON DIVERSE DENSITÀ, CHE INSIEME COMBINANO UN OTTIMO ISOLAMENTO TERMICO, CON UN BASSO VALORE DI TRASFERIMENTO TERMICO ED UN OTTIMO RENDIMENTO CALORICO OTTENUTO GRAZIE ALLA MASSA DEI PANNELLI.

Il rifugio, di nuovissima costruzione, si trova a Temù (BS) nel suggestivo comprensorio dell’Adamello, nell’Alta Valle Camonica da cui si gode una suggestiva panoramica a
360 gradi con due ampie terrazze. È un’ottima sosta per le lunghe camminate e le gite ciclistiche che si possono organizzare nel Parco. La realizzazione dell’opera è stata eseguita da Albe Case, divisione della Wood Albertani SpA.

IL GRUPPO DELL’ADAMELLO È UN MASSICCIO MONTUOSO DELLE ALPI RETICHE MERIDIONALI SITUATO TRA LE PROVINCE DI BRESCIA E TRENTO, LA CUI ALTITUDINE MASSIMA, RAGGIUNTA DALLA VETTA OMONIMA, È DI 3539 M. IL GRUPPO DELL’ADAMELLO PER LA CARATTERISTICA CONFORMAZIONE DEI SUOI GHIACCIAI È UNO TRA I PIÙ ORIGINALI
DELLE ALPI. INFATTI, QUESTE DISTESE, DI TIPO SCANDINAVO, SONO LE PIÙ ESTESE DEL TERRITORIO ITALIANO.
PER TUTELARE QUESTO PARTICOLARE AMBIENTE SI SONO CREATI DUE PARCHI: UNO IN TERRITORIO LOMBARDO CON IL NOME DI PARCO DELL’ ADAMELLO ED UNO IN TERRITORIO TRENTINO CHIAMATO PARCO ADAMELLO-BRENTA. TEMÙ, PONTE DI LEGNO E PASSO DEL TONALE SI TROVANO ALLE PORTE DEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO DA UNA PARTE E DEL PARCO REGIONALE ADAMELLOBRENTA DALL’ALTRA. INTERESSANTE LA SKIAREA DI TEMÙ, CON GLI IMPIANTI DI ROCCOLO VENTURA, LA CROCE, SANTA GIULIA, DOSS DELLE PERTICHE. UN VIAGGIO, QUINDI‚ ALLA SCOPERTA DI UN MONDO STRAORDINARIO E MUTEVOLE, ALLA SCOPERTA DI UN MONDO INCONTAMINATO, A STRETTO CONTATTO CON LA NATURA, DA LASCIARE A BOCCA APERTA ANCHE L’ESCURSIONISTA PIÙ ESPERTO! MA È ANCHE UN TUFFO NELLA STORIA PIÙ RECENTE, RACCONTATA DAI RESTI DI INSEDIAMENTI MILITARI DELLA GRANDE GUERRA: TRINCEE, MURAGLIE, CAVERNE, OPERE CHE SEMBRANO IMPONENTI, MA CHE LA NATURA LENTAMENTE HA INGLOBATO. QUESTA MONTAGNA, SEVERA E DELICATA ALLO STESSO TEMPO, SI PUÒ DEFINIRE UN’ALTA VIA PER VERI INTENDITORI.

 

condividi :
Arredamenti per hotel e strutture ricettive
21/09/2011
360 gradi
31/07/2005